HomeSaluteTumoriCancro e chemioterapia accelerano l'invecchiamento

Cancro e chemioterapia accelerano l’invecchiamento

(Cancro-Immagine Credit Public Domain).

La sopravvivenza al cancro nell’infanzia, negli adolescenti e nei giovani adulti è migliorata notevolmente; tuttavia, molti sopravvissuti sperimentano un invecchiamento accelerato, evidenziato da una perdita sproporzionata della capacità di esercizio,declino cognitivo, declino cognitivo e sviluppo precoce di morbilità mediche croniche, che portano a discordanza tra età cronologica e fisiologica. La fragilità, definita come ridotta capacità fisiologica, solitamente correlata all’invecchiamento, si verifica prima tra i giovani adulti sopravvissuti al cancro e a tassi equivalenti a individui di età ≥65 anni senza una storia di cancro. Quasi il 10% dei giovani adulti sopravvissuti mostra un fenotipo di fragilità, definito da ≥3 dei seguenti indici: bassa massa muscolare scheletrica, esaurimento, basso dispendio energetico, lentezza o debolezza. Oltre il 20% dei sopravvissuti è classificato come prefragile (con 2 di questi fattori). Comprendere lo stato di fragilità tra i sopravvissuti è importante perché gli individui fragili hanno un rischio maggiore di malattie croniche e morte precoce.

Un nuovo studio esamina gli effetti del cancro e del suo trattamento sul processo di invecchiamento. I ricercatori hanno scoperto che l’espressione di un gene associato all’invecchiamento è maggiore nei giovani pazienti affetti da cancro dopo il trattamento con la chemioterapia e nei giovani sopravvissuti al cancro che sono fragili. I risultati dello styudio sono stati pubblicati online su Cancer, una rivista peer-reviewed dell’American Cancer Society (ACS).

- Advertisement -

Ricerche precedenti hanno dimostrato che una proteina chiamata p16INK4a, che rallenta la divisione cellulare, viene prodotta a livelli più elevati dalle cellule man mano che una persona invecchia. Usando l’espressione del gene che codifica per p16INK4a come indicatore dell’età, Andrew Smitherman, MD, MSc, dell’Università della Carolina del Nord presso il Lineberger Comprehensive Cancer Center di Chapel Hill, e i suoi colleghi hanno esaminato le cellule immunitarie circolanti nel sangue di giovani adulti sopravvissuti di tumori infantili e di bambini e adolescenti con nuova diagnosi di cancro.

Spiegano gli autori:

L’accumulo di cellule senescenti è un segno distintivo dell’invecchiamento umano. In risposta al danno persistente del DNA, la senescenza cellulare si verifica attraverso l’attivazione del locus INK4a / ARF ( CDKN2a ) sul cromosoma 9p21.3, che porta all’espressione dell’inibitore della chinasi del ciclo cellulare p16 INK4a (di seguito denominato p16) . L’espressione dei linfociti T del sangue periferico (PBTL) di p16 è stata stabilita come indicatore della senescenza cellulare dell’organismo, che aumenta in modo esponenziale con l’età cronologica. Inoltre, l’esposizione alla chemioterapia citotossica aumenta l’espressione di PBTL p16 oltre all’invecchiamento cronologico, suggerendo che la senescenza cellulare gioca un ruolo nella fisiopatologia dell’invecchiamento correlato alla chemioterapia. Livelli più elevati di p16 sono stati anche associati ad un aumento del rischio di morbilità correlate al trattamento, come l’affaticamento. Come tale, l’aumento della senescenza cellulare è stato proposto come mediatore dell’invecchiamento precoce e della fragilità tra i sopravvissuti al cancro (cambiamenti molecolari [aumento dell’espressione di p16] → disregolazione fisiologica [fragilità] → morbilità → mortalità precoce)“.

Il team ha prima analizzato le cellule di 60 sopravvissuti e le ha confrontate con le cellule di 29 individui della stessa età senza una storia di cancro. L’espressione del gene che codifica per p16INK4a era maggiore nei sopravvissuti rispetto ai controlli, rappresentando un’accelerazione dell’età di 25 anni. Nove sopravvissuti erano fragili e avevano un livello di espressione più elevato rispetto ai sopravvissuti che non erano fragili, rappresentando un’accelerazione dell’età di 35 anni.

- Advertisement -

Vedei anche:Innovazione nella lotta contro il cancro

I ricercatori hanno anche scoperto che nei nove bambini e adolescenti dello studio che avevano una nuova diagnosi di cancro, l’espressione era più alta dopo il trattamento con la chemioterapia rispetto a prima del trattamento.

Una maggiore espressione di p16INK4a nei linfociti del sangue periferico è stata descritta negli anziani dopo la chemioterapia, ma prima di questo studio, non nei giovani adulti sopravvissuti“, ha detto il Dottor Smitherman. “Questo studio è importante in quanto cerchiamo di comprendere i meccanismi biologici alla base delle manifestazioni dell’invecchiamento precoce in questa popolazione”.

Il Dottor Smitherman ha osservato che un’elevata espressione di p16INK4a come indicatore dell’invecchiamento può aiutare a identificare i sopravvissuti al cancro a rischio di sviluppare fragilità e disabilità funzionale. “Inoltre, l’espressione di p16INK4a può rivelarsi utile come misura per studiare trattamenti volti a mitigare gli effetti dell’invecchiamento precoce del trattamento del cancro“, ha detto il ricdercatore.

Fonte: Cancer

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...