HomeSaluteVirus e parassitiVaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un altro braccio del sistema immunitario, ottenendo una migliore protezione contro le varianti del coronavirus.

Un nuovo studio che esamina il modo in cui le cellule umane attivano il sistema immunitario in risposta all’infezione da SARS-CoV-2 potrebbe aprire la porta a vaccini ancora più efficaci e potenti contro il coronavirus e le sue varianti rapidamente emergenti.

- Advertisement -

I ricercatori dei National Emerging Infectious Diseases Laboratories (NEIDL) dell’Università di Boston e del Broad Institute del MIT e di Harvard affermano che è il primo vero sguardo a quali tipi di “bandiere rosse” il corpo umano usa per ottenere l’aiuto delle cellule T killer: inviate dal sistema immunitario per distruggere le cellule infette. Fino ad ora, i vaccini COVID si sono concentrati sull’attivazione di un diverso tipo di cellula immunitaria, le cellule B che sono responsabili della creazione di anticorpi. Lo sviluppo di vaccini per attivare l’altro braccio del sistema immunitario, le cellule T, potrebbe aumentare notevolmente l’immunità contro il coronavirus e, soprattutto, le sue varianti.

Vedi anche:Vaccini Covid 19: nell’adenovirus il rischio raro di coaguli

Nelle loro scoperte, pubblicate su Cell, i ricercatori affermano che gli attuali vaccini potrebbero mancare di alcuni importanti frammenti di materiale virale in grado di innescare una risposta immunitaria olistica nel corpo umano. Sulla base delle nuove informazioni, “le aziende dovrebbero rivalutare i loro progetti di vaccini”, afferma Mohsan Saeed, virologo del NEIDL e autore corrispondente del documento.

Vaccini COVID di nuova generazione

Quando i ricercatori del Broad Institute hanno chiesto aiuto per esplorare gli effetti molecolari dell’infezione da coronavirus, Mohsan Saeed (al centro) e i membri del suo laboratorio NEIDL, Da-Yuan Chen (a sinistra) e Hasahn Conway (a destra), erano pronti a entrare in azione: avevano già creato linee cellulari umane che potevano essere prontamente infettate con SARS-CoV-2. Credito: foto per gentile concessione di Saeed lab.

- Advertisement -

Saeed, un assistente Professore di biochimica della BU School of Medicine, ha eseguito esperimenti su cellule umane infettate da coronavirus. Ha isolato e identificato quei pezzi mancanti di proteine ​​SARS-CoV-2 all’interno di uno dei laboratori di livello 3 di sicurezza biologica (BSL-3) del NEIDL. “Questa è stata una grande impresa perché molte tecniche di ricerca sono difficili da adattare ad alti livelli di contenimento [come BSL-3]”, afferma Saeed. “La complessiva ricerca sul coronavirus che abbiamo creato al NEIDL e il supporto di tutto il nostro team NEIDL ci hanno aiutato lungo la strada”.

Saeed è stato coinvolto dopo essere stato contattato dagli esperti di sequenziamento genetico del Broad Institute, dai genetisti computazionali Pardis Sabeti e Shira Weingarten-Gabbay. Insieme speravano di identificare frammenti di SARS-CoV-2 che attivano le cellule T del sistema immunitario. 

“L’emergere di varianti virali, un’area di ricerca attiva nel mio laboratorio, è una delle principali preoccupazioni per lo sviluppo del vaccino”, afferma Sabeti, leader nel programma per le malattie infettive e il microbioma del Broad Institute. Sabeti è anche Professoressa di biologia dei sistemi all’Università di Harvard, biologia organica ed evolutiva, immunologia e malattie infettive, nonché ricercatrice dell’Howard Hughes Medical Institute. “Siamo entrati subito in piena azione perché il mio laboratorio aveva già generato linee cellulari umane che potevano essere prontamente infettate con SARS-CoV-2”, afferma Saeed. Gli sforzi del gruppo sono stati guidati da due membri del laboratorio di Saeed: Da-Yuan Chen, un associato post-dottorato e Hasahn Conway, un tecnico di laboratorio.

Dall’inizio della pandemia di COVID all’inizio del 2020, gli scienziati di tutto il mondo conoscevano l’identità di 29 proteine ​​prodotte dal virus SARS-CoV-2 nelle cellule infette, frammenti virali che ora costituiscono la proteina spike in alcuni vaccini contro il coronavirus, come il Moderna. , Pfizer-BioNTech e vaccini Johnson & Johnson. Successivamente, gli scienziati hanno scoperto altre 23 proteine ​​nascoste all’interno della sequenza genetica del virus; tuttavia, la funzione di queste proteine ​​aggiuntive era un mistero fino ad ora. Le nuove scoperte di Saeed e dei suoi collaboratori rivelano, in modo inaspettato e critico, che il 25% dei frammenti di proteine ​​virali che attivano il sistema immunitario umano per attaccare un virus proviene da queste proteine ​​virali nascoste.

In che modo esattamente il sistema immunitario rileva questi frammenti? Le cellule umane contengono “forbici” molecolari, chiamate proteasi, che, quando le cellule vengono invase, eliminano frammenti di proteine ​​virali prodotte durante l’infezione. Quei pezzi, contenenti proteine ​​​​interne esposte dal processo di sminuzzamento, come il modo in cui viene esposto il torsolo di una mela quando il frutto viene segmentato, vengono quindi trasportati alla membrana cellulare e spinti attraverso speciali porte. Lì, si attaccano fuori dalla cellula agendo quasi come un autostoppista, salutando l’aiuto dei linfociti T che passano. Una volta che le cellule T notano queste bandiere virali che spuntano attraverso le cellule infette, lanciano un attacco e cercano di eliminare quelle cellule dal corpo.

“È abbastanza notevole che una firma immunitaria così forte del virus provenga da regioni [della sequenza genetica del virus] che ci erano sfuggite”, afferma Weingarten-Gabby, autore principale dell’articolo e borsista post-dottorato nel laboratorio Sabeti. “Questo è un sorprendente promemoria del fatto che la ricerca guidata dalla curiosità è alla base delle scoperte che possono trasformare lo sviluppo di vaccini e terapie”. “La nostra scoperta … può aiutare nello sviluppo di nuovi vaccini che imiteranno in modo più accurato la risposta del nostro sistema immunitario al virus”, afferma Sabeti.

Le cellule T non solo distruggono le cellule infette, ma memorizzano anche i flag del virus in modo che possano lanciare un attacco, più forte e più veloce, la prossima volta che appare la stessa o una diversa variante del virus. Questo è un vantaggio cruciale, perché Saeed e i suoi collaboratori affermano che il coronavirus sembra ritardare la capacità della cellula di chiamare aiuto immunitario.

“Questo virus vuole non essere rilevato dal sistema immunitario il più a lungo possibile”, afferma Saeed. “Una volta che viene notato dal sistema immunitario, verrà eliminato e non lo vuole”.

Sulla base delle loro scoperte una nuova ricetta per il vaccino, che incorpora alcune delle proteine ​​interne scoperte di recente che compongono il virus SARS-CoV-2, sarebbe efficace nello stimolare una risposta immunitaria in grado di affrontare un’ampia gamma di nuove varianti di coronavirus emergenti. E data la velocità con cui queste varianti continuano ad apparire in tutto il mondo, un vaccino in grado di fornire protezione contro tutti essi sarebbe un punto di svolta. 

Fonte:Cell

 

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...