HomeSaluteInibitori della pompa protonica legati a malattie cardiache e renali e cancro...

Inibitori della pompa protonica legati a malattie cardiache e renali e cancro allo stomaco

L’uso prolungato di inibitori della pompa protonica per il trattamento del bruciore di stomaco, ulcere e reflusso acido è stato associato ad un aumentato rischio di morte prematura. Tuttavia, si sa poco delle cause specifiche della morte attribuita a tali farmaci.

Ora, uno studio condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e Veterans Affairs St. Louis Health Care System ha collegato l‘uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica (IPP) a casi fatali di malattia cardiovascolare, malattia renale cronica e carcinoma gastrointestinale.

Più di 15 milioni di americani usufruiscono di prescrizioni di inibitori della pompa protonica.

- Advertisement -

I ricercatori hanno anche scoperto che tale rischio aumenta con la durata dell’uso di IPP, anche quando questi farmaci vengono assunti a basse dosi.

Vedi anche: L’uso a lungo termine di farmaci per ridurre il reflusso acido raddoppia il rischio di cancro allo stomaco.

Lo studio è stato pubblicato online il 30 maggio sulla rivista The BMJ.

“Assumere IPP per molti mesi o anni non è sicuro e ora abbiamo un quadro più chiaro delle condizioni di salute associate all’uso a lungo termine di questi farmaci”, ha affermato l’autore senior dello studio, Ziyad Al-Aly, assistente Professore di medicina presso la Scuola di medicina. Ziyad Al-Aly ha condotto numerosi studi associando gli IPP alla malattia renale cronica e un aumento del rischio di morte.

- Advertisement -

Altri ricercatori hanno collegato in modo indipendente gli IPP a problemi di salute avversi quali demenza, fratture ossee, malattie cardiache e polmonite, tra gli altri.

Gli IPP – venduti con marchi come Prevacid, Prilosec, Nexium e Protonix – apportano sollievo riducendo l’acido gastrico e sono tra le classi di farmaci più comunemente usate negli Stati Uniti

Per lo studio, i ricercatori hanno setacciato le cartelle cliniche identificate in un database gestito dal Department of Veterans Affairs degli Stati Uniti. Esaminando i dati medici acquisiti da luglio 2002 a giugno 2004, i ricercatori hanno identificato 157.625 persone – per lo più uomini di età compresa tra i 65 e i 65 anni – che avevano usufruito di nuovi IPP e 56.842 persone a cui era stata recentemente prescritta un’altra classe di farmaci anti-acido come bloccanti H2. I ricercatori hanno seguito i pazienti – 214.467 in totale – fino a 10 anni.

Hanno rilevato un aumento del 17% del rischio di morte nel gruppo IPP rispetto al gruppo che ha utilizzato farmaci inibitori H2. Hanno calcolato 45 morti attribuibili all’uso a lungo termine di PPI per 1.000 persone. I tassi di mortalità per gli IPP erano 387 per 1.000 persone e il tasso di mortalità per gli anti-H2 era di 342 per 1.000.

“Considerando i milioni di persone che assumono regolarmente IPP, questo si traduce in migliaia di morti in eccesso ogni anno”, ha detto Al-Aly, un nefrologo ed epidemiologo clinico.

L’uso di IPP era associato a decessi causati da malattie cardiovascolari, malattie renali croniche e cancro del tratto gastrointestinale superiore. 

In particolare, 15 su 1.000 degli utenti dei farmaci IPP sono deceduti per malattie cardiache; quattro su 1.000 per malattia renale cronica e due su 1.000 per cancro allo stomaco. I tassi di mortalità a causa di malattie cardiovascolari erano 88 tra il gruppo IPP e 73 tra il gruppo dei bloccanti H2. Per il cancro allo stomaco, i tassi di mortalità erano sei nel gruppo IPP e quattro nel gruppo dei bloccanti H2. I tassi di mortalità a causa di malattia renale cronica erano otto e quattro nei gruppi IPPIe H2, rispettivamente.

Inoltre, lo studio ha rilevato che oltre la metà delle persone che assumevano IPP lo ha fatto senza necessità mediche, sebbene i dati non indichino perché a questi pazienti sono stati prescritti IPP. Tra questo gruppo, i decessi correlati agli IPP erano più comuni, con quasi 23 persone su 1.000 che sono morte a causa di malattie cardiache, quasi cinque su 1.000 per malattia renale cronica e tre per cancro allo stomaco.

“La cosa più allarmante per me è che un danno serio può essere sperimentato da persone che utilizzano IPP, ma che potrebbero non averne bisogno”, ha detto Al-Aly. “L’uso eccessivo non è privo di danni”.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha espresso interesse per i dati presentati dal team di ricerca di Al-Aly. “Gli IPP venduti al banco dovrebbero avere un avvertimento più chiaro sul potenziale rischio significativo per la salute, nonché un avvertimento più chiaro sulla necessità di limitare la durata di utilizzo, in genere non superare i 14 giorni”, ha affermato il ricercatore.

Il gruppo di ricerca di Al-Aly continuerà a studiare gli effetti avversi sulla salute correlati agli IPP, in particolare in pazienti a più alto rischio.

Fonte: Washington University

ULTIMI ARTICOLI

Oggi, Giornata Nazionale contro le leucemie, linfomi e mieloma

Come ogni anno il  21 giugno, al solstizio d’estate, AIL celebra la Giornata Nazionale per la lotta contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma. Un’occasione per...

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal). In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i...

Batteri intestinali proteggono l’intestino da SARS-CoV-2

(Batteri intestinali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Yonsei University in Corea del Sud hanno scoperto che alcuni batteri intestinali che risiedono nell'intestino umano producono...

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli...

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...