Home Salute Intestino e stomaco A lungo termine, farmaci per il bruciore di stomaco collegati a gravi...

A lungo termine, farmaci per il bruciore di stomaco collegati a gravi danni renali

L’uso a lungo termine di inibitori della pompa protonica – farmaci popolari comunemente usati per il bruciore di stomaco, reflusso acido e ulcere, potrebbero portare a danni renali e malattie renali gravi.

Questa è stata la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dopo aver analizzato numerosi dati provenienti dal Department of Veterans Affairs (VA), banche dati nazionali.

Lo studio è stato pubblicato nel Journal of American Society of Nephrology .

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) riducono l’acidità di stomaco agendo sulle ghiandole presenti nel rivestimento dello stomaco a differenza degli antiacidi, che riducono l’acidità in eccesso dopo che gli acidi sono entrati nello stomaco.

Gli inibitori della pompa protonica sono comunemente utilizzati per alleviare i sintomi da reflusso acido o malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), una condizione in cui il cibo o i liquidi, dallo stomaco si muovono fino all’esofago.

PPI sono utilizzati anche per il trattamento di ulcere peptiche e danni dell’esofago inferiore causati da reflusso acido. Ci sono molti nomi e marchi di PPI. La maggior parte di essi sono efficaci anche se gli effetti collaterali possono variare. Alcuni sono anche disponibili al banco.

Le stime indicano che nel 2013, a 15 milioni di americani sono stati prescritti inibitori della  pompa protonica (PPI). I ricercatori suggeriscono che il numero effettivo di utenti PPI negli Stati Uniti è probabile che sia più alto, perché alcuni tipi di farmaci sono disponibili senza prescrizione medica.

 

I pazienti che assumono inibitori della pompa protonica hanno più probabilità di avere danni renali

Per lo studio, il team ha esaminato in 5 anni, 173.000 nuovi utilizzatori di PPI e 20.000 nuovi utilizzatori di antagonisti del recettore H2 – un altro tipo di farmaco che sopprime anche l’acidità di stomaco – ed hanno cercato l’incidenza di problemi renali.

La loro analisi rileva che i pazienti che hanno assunto inibitori della pompa protonica hanno avuto un rischio maggiore di declino della funzione renale, rispetto ai pazienti che hanno assunto gli antagonisti del recettore H2.

L’ uso di PPI è stato collegato anche ad un aumento del rischio del 28% di sviluppare la malattia renale cronica e un rischio più elevato del 96% di sviluppare insufficienza renale completa, rispetto all’uso di H2 bloccanti.

I ricercatori hanno notato che maggiore è la durata dell’uso di PPI, maggiore è il rischio di problemi renali. Essi concludono: l’uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica può causare danni ai reni e deve essere evitato.

L’ autore senior dello studio, il Dr Ziyad Al-Aly, un nefrologo del VA Saint Louis Health Care nel Missouri,  sottolineano l’importanza di utilizzare questi farmaci solo quando è strettamente necessario, limitando la durata di utilizzo al più breve tempo possibile.

Lo studio aggiunge prove ad un corpo di ricerca che sta sollevando interrogativi sull’ uso a lungo termine di PPI.

Fonte: Journal of American Society of Nephrology 

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...