HomeSaluteIl grasso bruno proteggere da numerose malattie croniche

Il grasso bruno proteggere da numerose malattie croniche

(Grasso bruno-Immaguine: in queste scansioni PET, la persona a sinistra ha abbondante grasso bruno intorno al collo e alla colonna cervicale. La persona a destra non ha grasso bruno rilevabile. Credito: gentile concessione dei radiologi dell’MSKCC Andreas G. Wibmer e Heiko Schoder).

Il grasso bruno, detto anche grasso marrone, è quel tessuto magico che a differenza del grasso bianco che immagazzina calorie, brucia energia e gli scienziati sperano che possa contenere la chiave per nuovi trattamenti per l’obesità. Ma da tempo non è chiaro se le persone con molto grasso marrone godano davvero di una salute migliore. Per prima cosa, è stato difficile persino identificare tali individui poiché questo grasso è nascosto in profondità all’interno del corpo.

Ora, un nuovo studio pubblicato su Nature Medicine offre una forte evidenza: tra oltre 52.000 partecipanti, coloro che avevano grasso marrone rilevabile avevano meno probabilità dei loro coetanei di soffrire di condizioni cardiache e metaboliche che vanno dal diabete di tipo 2 alla malattia coronarica, che è la causa principale di morte negli Stati Uniti.

- Advertisement -

Lo studio, di gran lunga il più grande del suo genere negli esseri umani, conferma e amplia i benefici per la salute del grasso marrone suggeriti da studi precedenti. “Per la prima volta, questo studio rivela il potenziale di questo grasso di ridurre il rischio di determinate condizioni”, afferma Paul Cohen, Albert Resnick, MD, Professore assistente e medico curante senior presso Rockefeller University Hospital. “Questi risultati ci rendono più fiduciosi sul potenziale di prendere di mira il grasso marrone per benefici terapeutici”.

Grasso bruno: una risorsa preziosa

Sebbene il grasso bruno sia stato studiato per decenni nei neonati e negli animali, è stato solo nel 2009 che gli scienziati hanno apprezzato che si possa trovare anche in alcuni adulti, tipicamente intorno al collo e alle spalle. Da quel momento in poi, i ricercatori si sono affrettati a studiare le sfuggenti cellule di grasso bruno, che possiedono il potere di bruciare calorie per produrre calore in condizioni di freddo.

Studi su larga scala sul grasso bruno, tuttavia, sono stati praticamente impossibili perché questo tessuto è rilevabile solo con scansioni PET, un tipo speciale di imaging. “Queste scansioni sono costose, ma ancora più importante, usano le radiazioni“, afferma Tobias Becher, il primo autore dello studio e precedentemente uno studioso clinico nel laboratorio di Cohen. “Non vogliamo sottoporre molte persone sane a queste radiazioni”.

- Advertisement -

Un medico-scienziato, Becher ha escogitato un’alternativa. Proprio di fronte al suo laboratorio, molte migliaia di persone visitano il Memorial Sloan Kettering Cancer Center ogni anno per sottoporsi a scansioni PET per la valutazione del cancro. Becher sapeva che quando i radiologi rilevano il grasso marrone su queste scansioni, ne prendono regolarmente nota per assicurarsi che non venga scambiato per un tumore. “Ci siamo resi conto che questa potrebbe essere una risorsa preziosa per iniziare a indagare il grasso marrone su scala di popolazione”, afferma Becher.

Vedianche:Nuova luce sul rapporto tra grasso bruno e funzione muscolare

In collaborazione con Heiko Schoder e Andreas Wibmer del Memorial Sloan Kettering, i ricercatori hanno esaminato 130.000 scansioni PET di oltre 52.000 pazienti e hanno riscontrato la presenza di grasso bruno in quasi il 10% degli individui. (Cohen osserva che questa cifra è probabilmente una sottostima perché i pazienti erano stati istruiti a evitare l’esposizione al freddo, l’esercizio fisico e la caffeina, che si ritiene aumentino l’attività del grasso bruno).

Diverse malattie comuni e croniche erano meno diffuse tra le persone con grasso bruno rilevabile. Ad esempio, solo il 4,6% aveva il diabete di tipo 2, rispetto al 9,5% delle persone che non avevano grasso bruno rilevabile. Allo stesso modo, il 18,9% aveva un colesterolo anormale, rispetto al 22,2% in quelli senza grasso bruno.

Inoltre, lo studio ha rivelato altre tre condizioni per le quali le persone con grasso bruno hanno un rischio inferiore: ipertensione, insufficienza cardiaca congestizia e malattia coronarica, collegamenti che non erano stati osservati in studi precedenti.

Un’altra scoperta sorprendente è stata che questo tipo di grasso può mitigare gli effetti negativi dell’obesità sulla salute. In generale, le persone obese hanno un aumentato rischio di malattie cardiache e metaboliche, ma i ricercatori hanno scoperto che tra le persone obese che hanno il grasso bruno, la prevalenza di queste condizioni era simile a quella delle persone non obese. “Sembra quasi che queste persone siano protette dagli effetti nocivi del grasso bianco“, dice Cohen.

Più di una centrale elettrica che brucia energia

I meccanismi effettivi con cui il grasso bruno può contribuire a una salute migliore non sono ancora chiari, ma ci sono alcuni indizi. Ad esempio, le cellule di grasso bruno consumano glucosio per bruciare calorie ed è possibile che questo abbassi i livelli di glucosio nel sangue, un importante fattore di rischio per lo sviluppo del diabete.

Il ruolo del grasso bruno è più misterioso in altre condizioni come l’ipertensione, che è strettamente collegata al sistema ormonale. “Stiamo considerando la possibilità che il tessuto adiposo bruno faccia di più che consumare glucosio e bruciare calorie e forse partecipa effettivamente alla segnalazione ormonale ad altri organi”, dice Cohen.

Il team prevede di studiare ulteriormente la biologia del grasso marrone, anche cercando varianti genetiche che potrebbero spiegare perché alcune persone ne hanno più di altre – potenziali primi passi verso lo sviluppo di metodi farmacologici per stimolare l’attività del grasso bruno per trattare l’obesità e le condizioni correlate.

“La domanda naturale che tutti si fanno è: ‘Cosa posso fare per ottenere più grasso marrone?‘”, Dice Cohen. “Non abbiamo ancora una buona risposta, ma sarà uno spazio entusiasmante da esplorare per gli scienziati nei prossimi anni”.

Fonte:Nature Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...