HomeSaluteIntestino e stomacoIBD: svolta da terapia cellulare

IBD: svolta da terapia cellulare

(IBD-Immagine:micrografia ad alto ingrandimento del morbo di Crohn. Biopsia dell’esofago. Macchia H&E. Credito: Nephron/Wikipedia).

I ricercatori della Rutgers Robert Wood Johnson Medical School hanno identificato le cellule immunitarie nell’intestino necessarie per prevenire la malattia infiammatoria intestinale (IBD), la colite e il morbo di Crohn, che colpiscono 3 milioni di persone negli Stati Uniti.

I ricercatori della Rutgers hanno studiato la risposta immunitaria all’IBD negli ultimi dieci anni. In uno studio, pubblicato su Science Immunology, i ricercatori hanno affermato che le persone con IBD molto probabilmente hanno meno di queste cellule T dedicate, che sono essenziali per la protezione dall’infiammazione nel loro intestino.

- Advertisement -

Derek Sant’Angelo, Direttore associato delle scienze di base presso il Child Health Institute della Robert Wood Johnson Medical School del New Jersey, ha affermato che ricerche precedenti indicavano che i linfociti T che controllavano la malattia erano casuali. Questa nuova ricerca, che indica cellule T specifiche, fornisce una migliore comprensione dei meccanismi di base alla base della malattia e dovrebbe portare a un trattamento più significativo per i pazienti.

“È impossibile prendere di mira qualcosa che accade a caso, quindi la terapia o il trattamento cellulare non erano un’opzione fino a quando il nostro studio ha suggerito che le cellule non erano affatto casuali, ma avevano uno scopo“, ha affermato Sant’Angelo, che ha collaborato allo studio con lanprima autrice e dottoranda Agata Krzyzanowska e altri colleghi medici.

“Abbiamo scoperto che queste cellule T dedicate, che fanno parte del sistema immunitario e aiutano il corpo a combattere le malattie, aiutano in particolare a prevenire l’infiammazione nell’intestino, che è spesso causata da ciò che mangiamo”, ha detto Sant’Angelo. “Questa scoperta ha importanti potenziali implicazioni cliniche per identificare le persone a rischio di sviluppare IBD”.

“Poiché possiamo identificare la cellula specifica, possiamo tracciare la frequenza di quella cellula e prevedere chi potrebbe ammalarsi”, ha detto Sant’Angelo. “Se i test mostrano che un paziente ha livelli più bassi di questa cellula T, quella persona potrebbe avere maggiori probabilità di sviluppare IBD. È possibile adottare misure preventive prima che si verifichi il danno”. Attualmente, non esiste un marker predicativo per le persone che soffrono di IBD.

- Advertisement -

Vedi anche:IBD: fattore di crescita chiave protegge l’intestino

La nuova scoperta potrebbe essere utilizzata anche per un potenziale trattamento. Utilizzando la terapia cellulare, le cellule T protettive potrebbero essere trasferite a persone con IBD, aumentandone i livelli normalmente bassi. Sant’Angelo considera questo tipo di terapia cellulare un’opzione di trattamento molto valida.

“Le limitate opzioni di trattamento hanno afflitto le persone che soffrono di IBD. Anche se ci vorrà del tempo prima che gli studi clinici siano pronti, sono ottimista sul fatto che il nostro studio possa dare speranza a quei pazienti che una migliore qualità della vita è all’orizzonte”, dice il ricercatore. 

Fonte:Science

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...