HomeSaluteCervello e sistema nervosoTrauma cranico: un esame del sangue indica quanto sia grave

Trauma cranico: un esame del sangue indica quanto sia grave

(Trauma cranico-Immagine:l’ambiente di studio. Il colore nero indica i pazienti con trauma cranico e il colore bianco indica i pazienti di riferimento. I pazienti con trauma cranico provenivano da tutti e tre i gruppi di gravità (lieve, moderata, grave) e i pazienti di riferimento provenivano da tre tipi di lesioni: medicina interna, ortopedica e neurologica (riquadro blu).. Credito: Natura).

Un semplice prelievo di sangue per diagnosticare i pazienti con trauma cranico è un’innovazione resa possibile dai ricercatori dell’Università di Örebro. In un nuovo studio, riportato su Nature Communications, hanno identificato biomarcatori nel sangue che indicano quanto sia grave un trauma cranico.

Una caduta, un incidente stradale o un’aggressione. Queste sono le cause più comuni di trauma cranico. Oltre 140 milioni di persone in tutto il mondo convivono con sintomi di trauma cranico. Le persone colpite sono principalmente di età inferiore ai 40 anni.

- Advertisement -

“Avere un incidente nella prima infanzia può avere gravi conseguenze. Una diagnosi migliore e più sicura è quindi fondamentale”, afferma Matej Orešič, Professore di medicina all’Università di Örebro.

A Örebro, i ricercatori hanno lavorato su un metodo che non richiede una procedura chirurgica. Hanno utilizzato campioni di sangue raccolti da ricercatori, tutti parte di un progetto dell’UE, in 20 paesi europei, il più grande studio del suo genere.

Con l’aiuto della metabolomica, un modo di utilizzare l’analisi chimica per estrarre informazioni su migliaia di piccole molecole, i ricercatori di Örebro hanno identificato biomarcatori che possono essere collegati a lesioni cerebrali traumatiche.

“Di conseguenza, siamo in grado di classificare le lesioni in modo più chiaro. È conveniente, per non dire più semplice e sicuro per il paziente”, afferma András Büki, Professore di medicina all’Università di Örebro.

- Advertisement -

Vedi anche:Ogni cellula ha una storia da raccontare nel trauma cranico

Oggi, le lesioni cerebrali traumatiche sono suddivise in tre categorie, da lievi a gravi, e non esistono metodi affidabili per escludere lesioni cerebrali acute.

“Per noi, la fase acuta è la più critica e, con l’aiuto di questi biomarcatori, possiamo valutare la gravità della lesione e, inoltre, possiamo arrivare a una prognosi dell’esito per il paziente in futuro”, afferma András Büki, precedentemente responsabile dell’organizzazione dell’assistenza neurochirurgica per i pazienti nella regione di Pecsin Ungheria. 

“Può darsi che, in alcuni casi, anche una commozione cerebrale più lieve possa causare traumi gravi e a lungo termine. E lo vedremo prelevando un campione di sangue“, afferma Matej Orešič.

Le persone che subiscono lesioni cerebrali più lievi spesso sperimentano stanchezza, perdita di memoria e problemi di equilibrio anche molto tempo dopo l’incidente. Questo vale non da ultimo per gli atleti che spesso subiscono ripetute commozioni cerebrali e queste possono avere gravi conseguenze.

“Attualmente non disponiamo di strumenti per una valutazione diretta di quando un atleta può tornare ad allenarsi o gareggiare dopo una commozione cerebrale. Non tutti possono sottoporsi a una risonanza magnetica, ma un campione di sangue ci consentirebbe di aumentare la capacità di analisi”, afferma András Büki.

“Se osserviamo i pazienti cardiopatici, ci sono molti più strumenti disponibili con cui valutarli. Ci auguriamo di essere ora sulla strada per un trattamento e una ricerca migliori anche per i pazienti neurologici”, afferma András Büki.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...