HomeSaluteCervello e sistema nervosoDepressione: una dieta ricca di prolina favorisce lo sviluppo

Depressione: una dieta ricca di prolina favorisce lo sviluppo

(Depressione-Immagine: astratto grafico. Credito: metabolismo cellulare (2022). DOI: 10.1016/j.cmet.2022.04.001).

I ricercatori dell’Istituto di ricerca biomedica di Girona (IDIBGI) e dell’Università Pompeu Fabra (UPF) di Barcellona, ​​in Spagna, hanno identificato il ruolo della prolina, un aminoacido, negli esseri umani, nei topi e nelle mosche che soffrono di depressione. I risultati, pubblicati sulla rivista scientifica Cell Metabolism, associano anche il consumo di una dieta ricca di prolina a una maggiore tendenza a sviluppare la depressione.

Lo studio è stato condotto dal Dr. José Manuel Fernández-Real e dal Dr. Jordi Mayneris-Perxachs, del gruppo di ricerca su Nutrizione, Metabolismo e Salute dell’IDIBGI e CIBEROBN, e dal Dr. Rafael Maldonado, del gruppo di ricerca Neuropharmacology-Neurophar al Università Pompeu Fabra e annessa all’Istituto di ricerca medica dell’Hospital de la Mar (IMIM).

- Advertisement -

Per giungere a queste conclusioni sono stati analizzati il tipo e il numero di aminoacidi nella dieta dei partecipanti. I partecipanti hanno anche completato un questionario per misurare il loro stato d’animo depressivo. “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che ciò che era maggiormente associato alla depressione, valutato attraverso questo questionario, fosse il consumo di prolina, afferma il Dottor Fernández-Real dell’IDIBGI e anche capo della sezione di endocrinologia dell’Ospedale Dr. Josep Trueta di Girona e Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche dell’Università di Girona. A conferma di ciò, quando è stata valutata la metabolomica plasmatica, la concentrazione di prolina è emersa come uno dei metaboliti maggiormente associati agli indicatori di depressione.

Livelli di prolina, a seconda del microbiota

Ma non tutti coloro che avevano un’elevata assunzione di prolina riferivano nel questionario di essere più depressi. Durante lo studio del microbiota intestinale di queste persone, è stata osservata anche una relazione tra depressione e batteri, nonché tra depressione e geni batterici associati al metabolismo della prolina. Pertanto, è stato osservato che i livelli di prolina circolanti dipendevano dal microbiota. “Il microbiota dei pazienti con elevato consumo di prolina, ma bassi livelli plasmatici di prolina era simile al microbiota associato a bassi livelli di depressione ed era arricchito di geni batterici coinvolti nel trasporto e nel metabolismo della prolina“, afferma il Dott. Mayneris-Perxachs, un Miguel Servet ricercatore presso l’IDIBGI.

Per scoprire se la presenza di prolina fosse una causa o una conseguenza dell’umore depressivo, il microbiota dei partecipanti è stato trapiantato nei topi. I roditori che sono diventati più depressi avevano ricevuto il microbiota dei partecipanti con alta prolina o soggetti più depressi. Nel cervello di questi topi sono stati trovati anche diversi geni associati al trasporto della prolina. “La possibilità di trasferire il fenotipo della depressione dall’uomo ai topi attraverso il trapianto di microbiota e la dimostrazione che tale trapianto genera alterazioni nel trasporto della prolina rivela che questa prolina può essere associata causalmente alla depressione”, spiega il Dottor Maldonado, dell’UPF.

Vedi anche:Come la psilocibina allevia la depressione

- Advertisement -

Un altro esperimento di conferma è stato effettuato utilizzando i moscerini della frutta (Drosophila melanogaster), in cui si può indurre un umore più depressivo. I ricercatori hanno isolato due tipi di batteri dal microbiota associati al consumo di prolina e li hanno aggiunti al mangime sterilizzato delle mosche. Le mosche che hanno ingerito cibo con Lactobacillus, che nei topi era associato a una minore depressione, sono state più in grado di superare le difficoltà che hanno dovuto affrontare in seguito. Al contrario, coloro che hanno ingerito Enterobacter, che è associato alla depressione negli esseri umani, erano molto più depressi.

Infine, lo stesso esperimento è stato eseguito su mosche geneticamente modificate per eliminare i canali che portano la prolina al cervello. In questo caso, la prolina non è riuscita a raggiungere il cervello e le mosche si sono rivelate altamente resistenti alla depressione.

“Questi risultati dimostrano l’importanza della prolina e la sua influenza sull’umore depressivo delle persone, che finora non era stata presa in considerazione“, sottolinea il Dottor Fernández-Real.

Lo studio apre anche a possibili trattamenti dietetici per la depressione.

Fonte:Cell Metabolism

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...