Come gli inquinanti ambientali e la genetica interagiscono nell’artrite reumatoide

artrite reumatoide

È noto da più di tre decenni che gli individui con una particolare versione di un gene – l’antigene leucocitario umano (HLA) – hanno un aumentato rischio di artrite reumatoide.

Nel frattempo, negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse nel rapporto tra artrite reumatoide e fattori ambientali, come il fumo di sigaretta. Nei fumatori che sviluppano l’artrite reumatoide, la malattia colpisce più duramente. I fumatori che portano anche la variante del gene HLA hanno una probabilità ancora maggiore di sviluppare l’artrite reumatoide e la loro malattia è più grave. Per questi pazienti, questo significa non solo un maggiore dolore e gonfiore, ma anche una distruzione ossea più grave – un aspetto meno noto e più pericoloso della malattia.

In un nuovo studio sui topi, i ricercatori della Michigan Medicine hanno sondato la relazione tra questi due fattori: il gene HLA e gli inquinanti ambientali.

( Vedi anche:L’ artrite reumatoide incontra la medicina di precisione).

“Abbiamo trovato un particolare enzima che funge da canale, o percorso, nella cellula per una conversazione tra questi due responsabili, in modo che lavorino insieme per provocare danni maggiori: singolarmente sono cattivi, ma insieme, sono peggio”, dice Joseph Holoshitz, Professore di medicina interna e capo associato per la ricerca nella Divisione di Reumatologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Michigan.

Il lavoro è pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences .

Fattori al lavoro

Le sigarette sono una delle principali preoccupazioni ambientali nell’artrite reumatoide. Ma molti altri inquinanti ambientali possono anche aiutare a innescare la condizione. Ad esempio, vivere in aree urbane o in prossimità di autostrade è legato all’artrite reumatoide, indipendentemente dall’uso di sigarette.

La diossina chimica può essere la causa. “L’inquinamento atmosferico provocato dai veicoli sulle autostrade produce diossina o altri inquinanti. La diossina è solo una delle tante sostanze chimiche che attivano in modo simile questa via”, afferma Holoshitz.

È stato anche dimostrato che la diossina aumenta la gravità in un modello sperimentale di un’altra malattia autoimmune, la sclerosi multipla.

“In questo studio abbiamo dimostrato che l’interazione tra la diossina e la variante del gene HLA attiva eventi noti  per essere associati all’artrite reumatoide e abbiamo dimostrato in modo abbastanza convincente che questo facilita la distruzione delle ossa“, dice Holoshitz.

La degenerazione ossea nell’artrite reumatoide è causata dall’iperattività di alcune cellule ossee chiamate osteoclasti, che assorbono il tessuto osseo. “Nella nostra ricerca con la combinazione di diossina e la variante del gene HLA, abbiamo visto che gli osteoclasti sono iperattivi e sovrabbondanti e che l’osso è distrutto a causa di questa interazione”, dice Holoshitz.

“Attualmente, i trattamenti disponibili per l’artrite reumatoide si concentrano principalmente sull’infiammazione, ma non mirano direttamente alla distruzione ossea“, afferma Holoshitz. “Una volta che avremo farmaci migliori che affrontano direttamente e specificamente la distruzione ossea in questa malattia, avremo un trattamento migliore”.

Holoshitz afferma: “Come progetto separato, abbiamo un paio di candidati farmaci ai primi stadi che bloccano la via di attivazione del gene HLA e sono efficaci nel prevenire il danno alle ossa. Questi farmaci inibiscono quasi completamente l’artrite reumatoide sperimentale e il danno alle ossa nei topi. Comprendendo i meccanismi, potremmo essere in grado di sviluppare inibitori migliori per prevenire le malattie e identificare obiettivi terapeutici per nuove strategie di trattamento”, conclude Holoshitz.

Fonte: PNAS

Altri articoli su artrite reumatoide