L’artrite reumatoide incontra la medicina di precisione

artrite reumatoide

Gli scienziati stanno per la prima volta, sperimentando la medicina di precisione per trattare l’artrite reumatoide utilizzando il profilo genetico del tessuto articolare per vedere quali farmaci funzioneranno per quali pazienti. Lo studio multi-sito è stato condotto dalla Northwestern Medicine.

“Nel prossimo futuro, i  non dovranno perdere tempo ed essere delusi da mesi di terapia inefficace”, hanno detto gli scienziati.

“Ora possiamo iniziare a prevedere a quali farmaci un paziente risponderà”, ha aggiunto l’autore co-senior Harris Perlman, capo di reumatologia presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University.

L’articolo sarà pubblicato ufficialmente in Arthritis & Rheumatology  a fine maggio. Richard Pope e Deborah Winter sono anche autori di spicco della Nord-Ovest University.

“Abbiamo tanti diversi farmaci biologici, ma c’è nessuna motivazione per usare un farmaco anzichè un altro”, ha detto Perlman. “Sprechiamo 2,5 miliardi di dollari l’anno in una terapia inefficace e i pazienti passano attraverso 12 settimane di terapia a cui non rispondono”.

Gli scienziati dello studio multi-sito sono stati i primi negli Stati Uniti ad utilizzare la terapia ecoguidata per effettuare una biopsia tissutale nell’articolazione interessata. In passato, venivano utilizzati campioni di sangue per cercare di determinare l’efficacia della terapia e la progressione della malattia.

“È proprio come nell’oncologia”, ha detto Perlman. “Perché andare da qualsiasi altra parte? Nell’artrite reumatoide, non siamo mai andati all’organo bersaglio”.

Tecniche di guida ecografica migliorate rendono possibile la nuova tecnica.

Gli scienziati hanno analizzato il tessuto di 41 pazienti affetti da artrite reumatoide, separando diverse popolazioni di cellule immunitarie. Si sono concentrati sui macrofagi, essenzialmente i raccoglitori di immondizie del sistema immunitario che sono iperattivi nell’artrite reumatoide e producono proteine ​​tossiche e infiammatorie che distruggono le articolazioni. La terapia biologica rimuove le molecole proteiche che vengono secrete dai macrofagi.

Lo studio ha incluso 30 pazienti della Northwestern e gli altri 11 dell’Università di Alabama a Birmingham; Washington University, Columbia University, Mayo Clinic e University of Michigan.

In passato, gli scienziati hanno cercato di determinare l’efficacia terapeutica separando i pazienti in gruppi in base ai loro parametri clinici quali gli anticorpi che producono contro loro stessi, le loro articolazioni gonfie e i farmaci che stanno assumendo. Quindi gli scienziati hanno cercato di vedere se questi parametri potevano predire l’efficacia terapeutica. ” Ma non ha funzionato” ha detto Perlman.

Invece, nel nuovo studio Perlman e colleghi hanno separato i pazienti in base ai profili genetici e hanno identificato due gruppi di pazienti che condividevano aspetti dei profili genetici.

Successivamente, gli  identificato quali di queste popolazioni di pazienti presentavano articolazioni che stavano migliorando e che terapie biologiche stavano assumendo. Hanno anche identificato una sequenza genica associata a pazienti con malattia precoce. 

Quanto prima viene trattato il paziente, tanto più efficace è la terapia.

Il prossimo obiettivo è di prevedere quali pazienti avranno la migliore risposta – basata sulla loro firma genetica – a un farmaco specifico.

In un nuovo studio, i ricercatori stanno prelevando tessuto bioptico congiunto dai pazienti all’inizio di una nuova terapia e poi sei settimane dopo per vedere se riescono a trovare una sequenza genica predittiva che identificherà chiaramente quali pazienti rispondono a una particolare  .

“L’idea è di sviluppare sequenze di geni per prevedere se un paziente risponderà o no al trattamento”, ha detto Perlman. “Il nostro obiettivo è che questa procedura diventi lo standard di cura per tutti i pazienti con artrite reumatoide”.

Fonte: NorthwesternNow

Altri articoli su artrite reumatoide