Scoperti nuovi bersagli per il trattamento dlle malattie autoimmuni

malattie autoimmuni

Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista eLife, potrebbero avere implicazioni significative per lo sviluppo di nuovi trattamenti per le condizioni in cui il corpo viene attaccato accidentalmente dal sistema immunitario.

Il sistema immunitario adattativo deve essere in grado di eliminare tutte le potenziali minacce esterne pur mantenendo la tolleranza verso i tessuti normali. In caso contrario, possono verificarsi diversi tipi di malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1, l’artrite reumatoide e la malattia infiammatoria intestinale. Le cellule T giocano un ruolo importante in questo, poiché le varianti nei geni umani correlate alla funzione delle cellule sono le mutazioni più comuni associate a tali condizioni. Un team di scienziati statunitensi sta ora studiando come un gene associato all’autoimmunità, l’istone deacetilase 7 (HDAC7), può contribuire alla malattia.

“Il nostro lavoro precedente ha dimostrato che l’interferenza con il normale funzionamento di HDAC7 può bloccare un processo importante durante lo sviluppo delle cellule T, chiamato selezione negativa, che è necessaria per eliminare le cellule che riconoscono e attaccano i tessuti auto-derivati”, dice Eric Verdin, Presidente  del Buck Institute for Research on Aging, California e autore principale dello studio in corso.

(Vedi anche:Identificato un trigger per le malattie autoimmuni).

“I difetti in questo processo sono chiaramente associati all’autoimmunità e abbiamo confermato che l’alterazione della funzione HDAC7 nei topi causa malattie autoimmuni, anche se una particolare mutazione in HDAC7 consente alle cellule T che sono reattive a molti tessuti diversi, di sopravvivere quando dovrebbero essere eliminate. Negli animali, solo pochi tessuti sviluppano effettivamente una malattia e sono gli stessi con le varianti di HDAC7 nell’uomo. Volevamo trovare il meccanismo che sottostà a questa improbabile coincidenza”.

Per rispondere a questa domanda, Verdin e il suo team hanno alterato e studiato la funzione di HDAC7 in una combinazione di colture cellulari e topi geneticamente modificati. I ricercatori hanno scoperto che il gene regola sia l’eliminazione delle cellule T auto-reattive, sia lo sviluppo di una classe specializzata di cellule T chiamate cellule T killer (KNN) invarianti naturali. La stessa interferenza con la funzione HDAC7 che blocca la selezione negativa, blocca anche lo sviluppo di queste cellule che sono specializzate per fornire una rapida difesa contro l’invasione batterica negli stessi tessuti – cioè il fegato, il pancreas e il sistema digestivo – che hanno sviluppato la malattia nei topi e anche più spesso negli esseri umani con un gene HDAC7 mutato.

“Insieme, i nostri risultati dimostrano che HDAC7 e la rete di geni che lo circondano potrebbero essere bersagli efficaci per interventi nelle malattie infiammatorie umane dell’intestino, del pancreas e del fegato“, conclude il coautore Herbert Kasler, scienziato dello staff nel laboratorio di Verdin al Buck Istituto. “Inoltre”, i ricercatori suggeriscono, “i difetti nelle cellule come iNKT possono giocare un ruolo sottovalutato in queste malattie, che vorremmo esplorare ulteriormente. I nostri prossimi passi saranno identificare gli altri geni chiave coinvolti nella regolazione dello sviluppo di cellule iNKTe  di HDAC7, valutare il loro target in modelli murini delle stesse malattie e cercare più varianti in HDAC7 e nella sua rete di geni che sono associati con la malattia umana”.

Fonte: eLife

Altri articoli su malattie autoimmuni