Fluoxetina antidepressivo(Prozac) sopprime la replicazione di SARS-CoV-2

Immagine: SARS-CoV-2 -Microfotografia elettronica a scansione colorata di una cellula (viola) infetta da particelle virali SARS-COV-2 (giallo), isolata da un campione di un paziente. Immagine catturata presso il NIAID Integrated Research Facility (IRF) a Fort Detrick, nel Maryland. Credito: NIAID

Uno studio condotto da ricercatori della Julius-Maximilians-Universität Würzburg ha dimostrato che l’agente antidepressivo Fluoxetina può essere un farmaco efficace per il trattamento precoce della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) tra i gruppi a rischio.

Jochen Bodem e colleghi hanno scoperto che la Fluoxetina inibitrice selettiva del ricaptazione della serotonina (SSRI), ha inibito significativamente la replicazione virale di SARS-CoV-2 e ha ridotto l’espressione delle proteine ​​virali in un modo specifico.

Il team sottolinea che i clinici hanno iniziato a usare la Fluoxetina negli anni Settanta e che il brevetto è scaduto molto tempo fa. “Questo farmaco ben studiato che è stato usato per curare le persone per quasi quattro decenni è ampiamente disponibile e relativamente economico”, dicono i ricercatori.

Vedi anche: Con quale frequenza le persone asintomatiche diffondono SARS-CoV-2? Non è chiaro

Una versione prestampata del documento è disponibile nel server bioRxiv *, mentre l’articolo è sottoposto a peer review.

Da quando COVID-19 è emersa per la prima volta a Wuhan, in Cina, alla fine dello scorso anno, la pandemia ha infettato oltre 8,13 milioni di persone in tutto il mondo e causato oltre 440.000 morti.

Data l’elevata infettività e la rapida velocità di trasmissione di SARS-CoV-2, alcuni ricercatori hanno evitato i lunghi studi clinici su nuovi trattamenti e invece hanno testato gli effetti dei farmaci già disponibili.

Ciò ha portato alla scoperta di Remdesivir come efficace trattamento antivirale per l’infezione da SARS-CoV-2. Tuttavia, Bodem e il team sottolineano che il farmaco non è ancora disponibile per la maggior parte dei pazienti. Allo stesso tempo, altri candidati promettenti, tra cui Lopinavir e Clorochina, erano inefficaci o causavano gravi effetti collaterali negativi.

Cosa hanno fatto i ricercatori?

Ora, Bodem e il team hanno anche eluso il lungo processo di sperimentazione clinica e selezionato tre farmaci “off label” per la loro efficacia contro SARS-CoV-2.

I ricercatori hanno testato gli SSRI Fluoxetina, Escitalopram e Paroxetina per l’attività contro la replicazione di SARS-CoV-2 utilizzando un isolato virale derivato dal paziente.

Per testare la citotossicità, le cellule Vero sono state incubate con gli agenti per tre giorni e quindi controllate per la crescita cellulare. Dopo aver incubato le cellule con una crescente concentrazione di farmaci, sono state quindi infettate con SARS-CoV-2. Le concentrazioni di Fluoxetina erano vicine alla dose di 0,8 µg / ml attualmente utilizzata nel trattamento della depressione. Dopo tre giorni, l’RNA virale è stato estratto e la replicazione virale è stata quantificata mediante reazione a catena della polimerasi (PCR) in tempo reale.

Cosa ha trovato lo studio?

Il team riferisce che la dose di 0,8 µg / ml di Fluoxetina è risultata efficace nell’inibire la replicazione di SARS-CoV-2.

Tuttavia, i ricercatori affermano che è improbabile che questo effetto soppressivo implichi l’inibizione del trasportatore della ricaptazione della serotonina poiché né Paroxetina né Escitalopram inibiscono la replicazione virale.

Inoltre, la Fluoxetina comprende due isomeri ottici e la configurazione S è l’inibitore della ricaptazione della serotonina dominante. Tuttavia, quando i ricercatori hanno studiato quale isomero inibiva la replicazione di SARS-CoV-2, entrambi hanno avuto un effetto simile, sottolineando in tal modo “l’effetto antivirale non è correlato al recettore della ricaptazione della serotonina”, scrive il team.

Utilizzando l’imaging di immunofluorescenza per studiare ulteriormente il meccanismo inibitorio, il team ha scoperto che il trattamento con Fluoxetina ha ridotto l’espressione delle proteine ​​virali, indicando che il farmaco agisce a monte dell’espressione genica.

Infine, il team ha testato la specificità della Fluoxetina determinandone l’effetto su altri virus.

“La Fluoxetina non ha inibito la replicazione del virus della rabbia o del virus respiratorio sinciziale umano, né ha inibito l’espressione genica dell’herpesvirus umano o del virus dell’herpes simplex, dimostrando in tal modo che il farmaco agisce in modo specifico per il virus SARS-CoV-2”, scrive il team.

I ricercatori affermano che la Fluoxetina possa svolgere un ruolo importante nel trattamento precoce dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2 tra i gruppi a rischio.

“La Fluoxetina è stata introdotta nelle cliniche durante gli anni settanta ed è un farmaco ben studiato poiché è stato usato nell’uomo per quasi quattro decenni”, affermano i ricercatori. “Inoltre, il brevetto della Fluoxetina è scaduto da tempo. Pertanto, è disponibile da diverse società e relativamente economico “, concludono i ricercatori.

Fonte: bioRxiv *,