HomeSaluteStudio collega l'endometriosi ai cambiamenti del DNA

Studio collega l’endometriosi ai cambiamenti del DNA

Immagine: DNA double helix. Credit: public domain.

ll DNA delle cellule uterine delle donne con endometriosi presenta diverse modifiche chimiche, rispetto al DNA delle donne che non hanno la condizione, secondo un nuovo studio finanziato dal National Institutes of Health.

I cambiamenti coinvolgono la metilazione del DNA, il legame di composti noti come gruppi metilici con il DNA, che può alterare l’attività dei geni. Inoltre, le regioni del DNA metilato variavano in base allo stadio o alla gravità dell’endometriosi e rispondevano in modo diverso agli ormoni coinvolti nel ciclo mestruale. Le risposte uterine agli ormoni influenzano la gravidanza e altre funzioni del tessuto uterino.

- Advertisement -

Lo studio è stato condotto da Linda C. Giudice, MD, Ph.D. e colleghi dell’Università della California, San Francisco. Appare in PLOS Genetics.

“I risultati dello studio aumentano la possibilità che le differenze nei modelli di metilazione possano un giorno essere utilizzate per diagnosticare l’endometriosi e sviluppare piani di trattamento personalizzati per le pazienti”, ha affermato Stuart B. Moss, Ph.D., del ramo di fertilità e infertilità del NICHD.

L’endometriosi è una malattia in cui tessuti simili al rivestimento dell’utero crescono in altri punti del corpo, come le ovaie, le tube di Falloppio o le viscere e la vescica. Colpisce dal 5 al 10% delle donne negli Stati Uniti. I suoi sintomi principali includono dolore, specialmente durante i periodi mestruali e infertilità. L’endometriosi è classificata in quattro fasi, che vanno dal minimo (stadio I) al grave (stadio IV). L’unico modo definitivo per diagnosticare l’endometriosi è con una procedura chirurgica chiamata laparoscopia.

I ricercatori hanno analizzato un tipo di cellula nota come fibroblasto stromale endometriale, che regola le cellule del rivestimento dell’utero. Hanno confrontato la metilazione tra le regioni del DNA e le differenze nel funzionamento dei geni nelle cellule di donne che non avevano endometriosi o altri disturbi ginecologici con quelle delle donne con endometriosi allo stadio I e delle donne con endometriosi allo stadio IV. Hanno anche osservato i modelli di metilazione e il funzionamento dei geni dopo che le cellule sono state esposte all’estradiolo (una forma di estrogeno) da solo, al solo progesterone e ad una combinazione dei due ormoni per imitare i cambiamenti nei livelli di questi ormoni che si verificano durante il ciclo mestruale.

- Advertisement -

Vedi anche: I cannabinoidi migliorano i sintomi dell’ endometriosi

I modelli di metilazione del DNA e il funzionamento dei geni differivano tra tutti i gruppi di cellule prima dell’esposizione agli ormoni, con esposizione a ciascun singolo ormone e alla combinazione dei due. “Le differenze nella metilazione e nel funzionamento dei geni tra cellule endometriali di stadio I e IV potrebbero significare che i due possono essere distinti sottotipi di endometriosi, piuttosto che diversi gradi della condizione“, ha aggiunto il Dr. Giudice.

I dati indicano che le corrette interazioni di ormoni e metilazione del DNA sono fondamentali per la normale funzione uterina“, ha affermato l’autore principale dello studio, Sahar Houshdaran, Ph.D., Università della California, San Francisco. “I cambiamenti in queste interazioni che abbiamo visto potrebbero avere un ruolo nell’infertilità che spesso accompagna l’endometriosi”.

Fonte: Medicalxpress

 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...