HomeSaluteFertilità femminile e approccio nutrizionale

Fertilità femminile e approccio nutrizionale

(Fertilità e dieta-Immagine Credit Public Domain).

L’infertilità è un problema crescente che colpisce le coppie che tentano una gravidanza. Un numero crescente di prove indica un legame tra dieta e fertilità femminile. Infatti, i dati mostrano che una dieta ricca di transgrassi, carboidrati raffinati e zuccheri aggiunti può influire negativamente sulla fertilità. Al contrario, una dieta basata sui modelli dietetici mediterranei, cioè ricca di fibre alimentari, acidi grassi omega-3 (ɷ-3), proteine ​​vegetali, vitamine e minerali, ha un impatto positivo sulla fertilità femminile. Una dieta malsana può interrompere la composizione del microbiota e vale la pena indagare se la composizione del microbiota intestinale è correlata alla frequenza dell’infertilità.

 Mancano prove per escludere il glutine dalla dieta di ogni donna che cerca di rimanere incinta in assenza di celiachia. Inoltre, non ci sono dati relativi agli effetti negativi dell’alcol sulla fertilità femminile e anche il consumo di caffeina nelle quantità raccomandate non sembra influire sulla fertilità. D’altra parte, i fitoestrogeni hanno presumibilmente un’influenza positiva sulla fertilità femminile. Tuttavia, ci sono molte domande senza risposta riguardo all’integrazione per aumentare la fertilità. È stato stabilito che le donne in età fertile dovrebbero integrare l’acido folico. Inoltre, la maggior parte delle persone soffre di carenza di vitamina D e iodio; quindi, è fondamentale controllare le loro concentrazioni ematiche e prendere in considerazione l’integrazione se necessario. Pertanto, poiché la dieta e lo stile di vita sembrano essere fattori significativi che influenzano la fertilità, è valido ampliare le conoscenze in questo settore. E’ fondamentale controllare le loro concentrazioni ematiche e considerare l’integrazione se necessario. 

- Advertisement -

L’infertilità, il mancato raggiungimento della gravidanza dopo 12 mesi di rapporti sessuali non protetti e di routine, colpisce molte coppie in età riproduttiva che tentano una gravidanza. Si stima che circa il 15% delle coppie in tutto il mondo abbia problemi di fertilità; tuttavia, l’infertilità femminile contribuisce solo al 35% dei casi complessivi di infertilità, il 20% dei casi è relativo sia a donne che a uomini, il 30% comporta problemi solo da parte degli uomini, mentre il 15% dei casi di infertilità rimane inspiegabile. Secondo l’OMS, l’infertilità può colpire ∼80 milioni di donne in tutto il mondo. L’infertilità femminile è definita come l’infertilità causata principalmente da fattori femminili, come disturbi dell’ovulazione, ridotta riserva ovarica, disturbi del sistema riproduttivo o malattie croniche. L’infertilità femminile primaria viene diagnosticata nelle donne che non hanno mai avuto un figlio. L’infertilità femminile secondaria colpisce le donne che hanno dato alla luce un bambino vivo o che hanno subito un aborto spontaneo, ma che contemporaneamente non sono in grado di stabilire una gravidanza clinica. Oltre a fattori fisiologici legati all’età, la fertilità femminile è influenzata anche dalle condizioni legate alla fisiopatologia degli organi riproduttivi e da diversi altri fattori, come l’ambiente e lo stile di vita. Endometriosi, funzioni ovariche deregolate, infezioni tubariche, fattori cervicali e uterini costituiscono le patologie riproduttive più comuni; tuttavia, l’eziologia di alcuni casi di infertilità femminile rimane sconosciuta.

C’è un crescente interesse per lo stile di vita (compresa la dieta e l’attività fisica), lo stress psicologico, i fattori socioeconomici, l’IMC, il fumo, l’alcol, la caffeina e le sostanze psicoattive nel contesto della fertilità. Lo stile di vita, compreso l’apporto calorico e la composizione della dieta in termini di vitamine, proteine, lipidi, carboidrati e contenuto di minerali, sembra essere particolarmente vitale nel contesto dell’infertilità causata da endometriosi e disturbi dell’ovulazione. È interessante notare che la frequenza e l’intensità dell’attività fisica possono influenzare in modo diverso la fertilità: gli sport intensivi, che influenzano l’asse ipotalamo-ipofisi, possono portare all’amenorrea ipotalamica e successivamente all’infertilità. Tuttavia, si raccomanda un’attività fisica moderata per migliorare la funzione ovarica e la fertilità, specialmente tra le donne con obesità o incapaci di gestire situazioni di stress. Inoltre, molti studi stanno attualmente studiando l’associazione tra il microbiota intestinale e la fertilità femminile.

In considerazione dei fattori sopra menzionati, è fondamentale adottare un approccio olistico al trattamento dell’infertilità sia nelle donne che negli uomini. “Nella nostra revisione non sistematica, abbiamo mirato a riassumere le attuali conoscenze sugli aspetti dietetici nell’infertilità femminile. Tuttavia, a causa della mancanza di risultati chiari e del numero limitato di studi di intervento, non siamo stati in grado di formulare raccomandazioni dietetiche per le donne in età riproduttiva che pianificano una gravidanza. Il nostro articolo non affronta il tema della dieta e dell’infertilità maschile, anche se sottolineiamo che è fondamentale concentrarsi sullo stile di vita e sui fattori dietetici nel trattamento dell’infertilità maschile, in particolare per quanto riguarda la qualità dello sperma. Abbiamo dedicato un documento separato a quest’area che include un’ampia gamma di entrambi gli argomenti”, spiega Kinga Skoracka del Dipartimento di Gastroenterologia, Dietetica e Malattie Interne, Università di Scienze Mediche di Poznan, Ospedale Heliodor Swiecicki, Poznan, Polonia, che ha condotto lo studio in collaborazione con Alicja Ewa Ratajczak, Alicja Ewa Ratajczak, Alicja Ewa Ratajczak e Alicja Ewa Ratajczak, tutti dello stesso Dip.

Vedi anche:Infertilità e stress: trovato il collegamento mancante

- Advertisement -

“Abbiamo eseguito una ricerca bibliografica su MEDLINE (PubMed) alla ricerca di termini come i seguenti: fertilità, dieta per la fertilità, fertilità femminile, PCOS, endometriosi, infertilità, trattamento dell’infertilità. Poiché il nostro articolo è una narrazione, non una revisione sistematica, potremmo non aver incluso tutti gli studi e dobbiamo riconoscere un certo bias di pubblicazione. Tuttavia, ogni autore di questa pubblicazione ha condotto la ricerca bibliografica in modo indipendente”, spiega Skoracka.

Abitudini alimentari e fertilità femminile

Molti ricercatori studiano ancora l’influenza della dieta sulla fertilità. Sebbene esista senza dubbio un’associazione tra abitudini alimentari e fertilità, molte domande rimangono senza risposta. Una dieta individuale, che comprenda altre comorbidità e stili di vita, è particolarmente essenziale. In questa sezione, abbiamo confrontato 2 diversi approcci nutrizionali che influenzano in modo diverso la fertilità sia femminile che maschile.

La dieta mediterranea

Come indicano gli studi attuali, una dieta basata sulle raccomandazioni della Dieta Mediterranea (MeD) influisce positivamente sulla salute mentale e fisica. La MeD è stata anche associata a cambiamenti favorevoli nella resistenza all’insulina, disturbi metabolici e rischio di obesità, cruciali nel contesto della fertilità. La dieta mediterranea è caratterizzata da un elevato consumo di verdure (compresi i legumi), frutta, olio d’oliva, carboidrati non raffinati, latticini e pollame a basso contenuto di grassi, pesce azzurro e vino rosso, con un basso consumo di carne rossa e zuccheri semplici.

In una revisione che riassume i principali risultati di una potenziale coorte che includeva 22.786 partecipanti con un’età media di 35 anni, è stata suggerita un’associazione positiva tra aderenza al MeD e fertilità. Inoltre, gli studi dimostrano che modelli dietetici sani possono anche aumentare le possibilità di parto vivo tra le donne che utilizzano la tecnologia di riproduzione assistita (ART). In un ampio studio di coorte di Chavarro et al. su 17.544 donne che pianificavano una gravidanza o che erano rimaste incinte durante lo studio, c’era un’associazione tra l’aderenza alla dieta pro-fertilità (simile alla MeD) e un minor rischio di infertilità causata da disturbi dell’ovulazione. La dieta pro-fertilità è stata caratterizzata da un minor consumo di trans-acidi grassi (TFA) e un consumo più elevato di MUFA e proteine ​​di origine vegetale e un consumo ridotto di proteine ​​animali, alimenti a basso indice glicemico, alimenti ricchi di fibre e, cosa interessante, latticini ad alto contenuto di grassi. Le donne che seguivano la dieta pro-fertilità consumavano più ferro non eme e più frequentemente, cioè almeno 3 volte a settimana, assumevano multivitaminici, in particolare vitamine del gruppo B (p. es., acido folico), consumavano più caffè e alcol ed erano più attive fisicamente .

Kermack et al. hanno riferito che l’integrazione di omega-3, vitamina D e olio d’oliva, che imitava il farmaco, prima della fecondazione in vitro non ha influenzato il tasso di scissione dell’embrione. La dieta Mediterranea era correlata al folato e alla vitamina B-6 sierica. Inoltre, una maggiore aderenza a questa dieta da parte delle coppie sottoposte a fecondazione in vitro ha aumentato la probabilità di gravidanza.

La dieta in stile occidentale

In contrasto con la dieta mediterranea, la dieta in stile occidentale (WsD) è ricca di carboidrati raffinati e semplici (principalmente zucchero, dolci e bevande zuccherate) e carne rossa e lavorata. Inoltre, è caratterizzato da un basso apporto di frutta e verdura fresca, cereali non raffinati, pollame magro e pesce. Potrebbe anche essere descritta in base al suo elevato apporto calorico, grasso e ad alto indice glicemico, con un basso consumo di fibre alimentari e vitamine.

Secondo gli studi condotti, la dieta stile occidentale ha ridotto le concentrazioni di IL-1RA e il rapporto cortisolo-cortisone nel liquido follicolare e ha ridotto il numero di blastocisti. Inoltre, un maggiore consumo di cibi da fast food e una minore assunzione di frutta sono stati associati all’infertilità e ad un moderato aumento del tempo necessario per una gravidanza. Inoltre, uno studio sugli animali ha indicato che la WsD alterava i cicli ovarici e influenzava le concentrazioni ormonali, diminuendo il progesterone e l’ormone anti-Müller. Lo studio ha anche dimostrato che la dieta stile occidentale ha aumentato il numero di follicoli antrali e ritardato il tempo del picco di estradiolo.

È stato dimostrato che una dieta con un alto indice glicemico e ricca di proteine ​​animali, TFA e SFA può influire negativamente sulla fertilità. Tuttavia, va notato che sono ancora necessari studi che indaghino sulla relazione diretta tra dieta occidentale e fertilità.

Fonte:Advances in Nutrition

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...