Home Salute Tumori Preservare la fertilità nelle pazienti oncologiche e nelle popolazioni anziane

Preservare la fertilità nelle pazienti oncologiche e nelle popolazioni anziane

Immagine: danno al DNA. Credito: Wikipedia / CC BY-SA 3.0

Uno studio della Monash University ha scoperto il ruolo della riparazione del DNA nel preservare la qualità degli ovuli, offrendo speranza di preservare la fertilità alle donne sottoposte a trattamenti come radiazioni e chemioterapia.

Lo studio, guidato dal Monash Biomedicine Discovery Institute (BDI), ha scoperto che quando la via di morte delle cellule è inibita negli ovociti, questi sono in grado di riparare sufficientemente i gravi danni al DNA per produrre una prole sana. Esponendo topi femmine carenti di TAp63, un regolatore chiave della morte cellulare negli ovuli, a varie dosi di irradiazione gamma, è stato osservato che gli ovociti riparano rapidamente il danno al DNA per mantenere la loro qualità e preservare la fertilità femminile.
I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista PNAS, guidato dalla Prof.ssa Karla Hutt e dalla Dott.ssa Jessica Stringer, sottolineano che tra i molti tipi di danno al DNA, le rotture a doppio filamento (DSB) sono le più dannose e promuovono riarrangiamenti e mutazioni dei cromosomi e portano alla genetica instabilità se i DSB sono riparati in modo errato.
“Abbiamo identificato il percorso di riparazione del DNA che gli ovociti usano per riparare i DSB e confermato che la riparazione è efficiente e accurata per prevenire le mutazioni nella prole generate da questi ovuli”, ha detto il Professor Hutt.
A differenza di altre cellule del corpo umano, gli ovociti hanno una tolleranza estremamente bassa ai danni al DNA e attiveranno i percorsi di morte cellulare quando esposti a fattori stressanti di radiazioni, farmaci chemioterapici e tossine ambientali (ad esempio inquinamento, pesticidi). Il blocco della morte degli ovociti è stato attivamente studiato come uno dei metodi più promettenti per preservare la fertilità e la salute endocrina nelle pazienti con cancro.
“I trattamenti antitumorali agiscono causando danni al DNA e un effetto collaterale comune per i pazienti di sesso femminile è il danno ovarico che può portare a infertilità e perdita della funzione endocrina (come la menopausa ad esordio precoce). Questo studio fornisce un passo fondamentale verso lo sviluppo di una strategia efficace per la conservazione della fertilità per le donne affette da cancro e ha importanti implicazioni per il prolungamento della durata della vita fertile delle donne “, ha affermato la Dott.ssa Stringer.
Con i tassi di sopravvivenza per molti tumori comuni che ora superano l‘80% e una popolazione stimata di 14 milioni di donne sopravvissute al cancro in tutto il mondo, è evidente la necessità di sviluppare approcci innovativi per proteggere l’ovaio dai danni durante il trattamento anticancro. Inoltre, in Australia, il 20% delle donne ha il primo figlio dopo i 35 anni, un’età in cui la fertilità precipita e le percentuali di aborto spontaneo e difetti alla nascita aumentano notevolmente. Questo sorprendente effetto dell’età materna è dovuto alla perdita della qualità degli ovociti e alla possibile riduzione della capacità di riparazione del DNA.
Fonte: PNAS
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...