Fegato grasso, scoperti biomarcatori che possono predire l’accumulo di grassi tossici

malattia del fegato grasso

Immagine, il Dott. Brian Drew e la Dott.ssa Anna Calkin sono stati coinvolti in una ricerca che ha trovato biomarcatori nel sangue che possono predire l’accumulo di grassi tossici nel fegato, che sono un segno di una precoce malattia del fegato grasso. Credito: Baker Institute.

L’accumulo di grasso nel fegato, noto come malattia del fegato grasso, colpisce 5,5 milioni di australiani, tra cui oltre il 40% di tutti gli adulti di età superiore ai 50 anni.

Il fegato grasso si sviluppa da una combinazione di cause sia genetiche che ambientali, che influenzano l’età di insorgenza e gravità della malattia. Gli esperti stanno ora descrivendo la condizione come un’epidemia nascosta, che sta facendo aumentare i tassi di trapianto di fegato e contribuendo a una serie di malattie.

Vedi anche  Ridurre l’ assunzione di carboidrati aiuta a trattare la malattia del fegato grasso.

La malattia del fegato grasso di solito non ha sintomi precoci e le diagnosi con le tecnologie attuali vengono per lo più quando è troppo tardi per prevenire gravi malattie. Ma ora, per la prima volta in uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature, un team di ricercatori del Baker Heart and Diabetes Institute, dell’Università della California e dell’Università di Sydney, ha scoperto biomarcatori nel sangue che possono predire l’ accumulo di grassi tossici nel fegato, che sono un segno di malattia del fegato grasso precoce. Queste previsioni possono essere fatte sulla base del profilo lipidico (grassi) nel sangue.

“Il fegato grasso è un fattore di rischio per il diabete e le malattie cardiache e, se non controllato, può portare al cancro del fegato e potrebbe essere la principale causa di trapianto di fegato nei prossimi 10-20 anni”, ha detto il Dott. Drew, capo del laboratorio del Baker Institute e uno degli autori principali dello studio.

“Abbiamo identificato un gruppo di grassi nel sangue che potrebbero riflettere la progressione della malattia del fegato grasso“, ha detto il Dott. Drew. “Speriamo che questa scoperta possa portare a un esame del sangue ed evitare la biopsia invasiva o la chirurgia per determinare le persone più a rischio di malattia del fegato grasso avanzato“.

Lo studio ha utilizzato una combinazione di campioni umani e modelli preclinici per identificare questi biomarcatori. Gli autori hanno anche identificato nuovi collegamenti a molecole importanti per lo sviluppo della malattia del fegato grasso che rappresentano potenziali nuovi bersagli farmacologici.

Il Professor David James del Charles Perkins Center dell’Università di Sydney ha dichiarato: “Questo studio rappresenta una nuova strada verso la medicina di precisione, un approccio che trasformerà l’assistenza sanitaria “.

La Dott.ssa Anna Calkin, co-autrice e Direttrice del Laboratorio del Baker Institute, ha dichiarato: “Con sempre più giovani soggetti a diagnosi di fegato grasso, la malattia è un problema crescente in Australia e all’estero. Il fegato grasso non è solo una malattia dello stile di vita e ci sono pochi strumenti efficaci disponibili per trattare questa condizione nelle sue fasi iniziali, pertanto dobbiamo identificare nuovi obiettivi per lo sviluppo di farmaci e questo nuovo studio ha fornito risultati promettenti nella fase iniziale “.

Il team spera di capire perché alcune persone sono più inclini a malattie del fegato grasso rispetto ad altre. Il Dott. Calkin ha dichiarato: “Il nostro prossimo passo sarà utilizzare set di dati più grandi per consolidare ulteriormente questi risultati”.

Fonte, Nature

Altri articoli su malattia del fegato grasso