Ridurre l’assunzione di carboidrati aiuta a trattare la malattia del fegato grasso

malattia del fegato grasso

Ridurre l’assunzione della pasta, patate e altri cibi ricchi di carboidrati è diventato un piano popolare per la perdita di peso.
I ricercatori suggeriscono che la restrizione di carboidrati potrebbe giovare alle persone con la malattia del fegato grasso o steatosi epatica non alcolica (NAFLAD).

I ricercatori hanno scoperto che solo 2 settimane di dieta a basso contenuto di carboidrati, hanno ridotto i livelli di grasso epatico e migliorato altri indicatori di salute cardiometabolica in un piccolo numero di soggetti che convivono con la steatosi epatica non alcolica.

( Vedi anche:Potente antiossidante di origine alimentare previene nei topi la malattia del fegato grasso).

Il coautore dello studio Adil Mardinoglu, del KTH Royal Institute of Technology in Svezia e il suo team, hanno recentemente pubblicato i loro risultati sulla rivista Cell Metabolism.

La NAFLD è una condizione caratterizzata da un eccesso di accumulo di grasso nel fegato. A differenza della steatosi epatica alcolica, la NAFLD non è causata dal consumo eccessivo di alcol.

Si pensa che circa il 30-40 per cento degli adulti negli Stati Uniti abbia la malattia del fegato grasso che è “una delle cause più comuni di malattia del fegato” nel paese.

L’obesità e le relative condizioni di salute, come il diabete di tipo 2, sono i principali fattori di rischio per la NAFLD.

L’adozione di una dieta salutare è considerata fondamentale per il trattamento della NAFLD e i medici raccomandano di ridurre l’assunzione di grassi. Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che la riduzione del consumo di carboidrati potrebbe essere un’altra strategia di trattamento per la condizione.

Il metabolismo del grasso epatico è migliorato

Mardinoglu ed i suoi colleghi hanno arruolato 10 adulti, tutti obesi e con malattia del fegato grasso, al loro studio.

Per 2 settimane, i partecipanti sono stati sottoposti a una dieta isocalorica con pochi carboidrati, ma più ricca di proteine. Una dieta isocalorica è quella in cui la stessa quantità di carboidrati, proteine ​​o grassi viene consumata ogni giorno.

Il team ha valutato il modo in cui l’intervento dietetico ha interessato il grasso del fegato, così come altre risposte metaboliche, dei partecipanti allo studio.

Lo studio ha rivelato che la dieta a ridotto contenuto di carboidrati, ha migliorato il metabolismo del grasso del fegato e portato a “riduzioni drastiche” del grasso nel fegato nel periodo di studio di 14 giorni.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che la limitazione dei carboidrati ha portato ad una diminuzione degli indicatori infiammatori, in particolare interleuchina-6 e tumor necrosis factor alpha – i cui livelli elevati sono stati collegati ad una maggiore severità della NAFLD.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che la dieta a ridotto contenuto di carboidrati induce cambiamenti nel microbiota intestinale associati ad un aumento dei livelli circolanti di folato che è stato associato a miglioramenti nel metabolismo del grasso del fegato .

Commentando i loro risultati, i ricercatori scrivono:

[…] abbiamo dimostrato che un intervento a breve termine con una dieta isocalorica a basso contenuto di carboidrati e con un aumento del contenuto proteico, promuove molteplici benefici metabolici in soggetti obesi con NAFLD”.

Detto questo,  i ricercatori avvertono che non esiste un approccio one-size-fits-all quando si tratta di dieta e quindi una dieta con la limitazione di carboidrati potrebbe non funzionare per tutti coloro che sono affetti dalla malattia del fegato grasso.

Fonte: Medicalnews


Altri articoli su malattia del fegato grasso