Farmaco sperimentale efficace nel ridurre il colesterolo cattivo

Iniezioni bisettimanali di un farmaco sperimentale chiamato Inclisiran, si sono dimostrate efficaci nel ridurre il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), spesso chiamato colesterolo cattivo, in pazienti che già assumevano la dose massima di statine, secondo i dati dell’ORION- 10, uno studio presentato sabato 16 novembre alle sessioni scientifiche dell’American Heart Association 2019.

Alti livelli di colesterolo LDL – che si accumula nelle pareti delle arterie, rendendole rigide e strette, provocano un aumento del rischio di infarti e ictus. “Mantenere bassi livelli di LDL per un periodo prolungato è essenziale per ridurre questo rischio”, ha detto R. Scott Wright, MD, cardiologo della Mayo Clinic e principale ricercatore nello studio ORION-10, uno studio randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo di fase 3, realizzato in 145 siti statunitensi.

Vedi anche, I ricercatori scoprono come il colesterolo cattivo LDL entra nelle pareti delle arterie.

Per lo studio sono stati arruolati 1.561 partecipanti con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata (malattia in cui si accumula la placca nelle arterie) e LDL elevato (maggiore di 70 milligrammi per decilitro ), nonostante le massime terapie orali tollerate con le statine. I partecipanti hanno ricevuto Inclisiran o placebo mediante iniezioni sottocutanee al basale e successivamente a tre mesi e successivamente ogni sei mesi.

Inclisiran, sviluppato da The Medicines Company, è un siRNA (piccolo RNA interferente) ed è  l’unico farmaco per abbassare il colesterolo nella sua categoria. Il farmaco imita una variante genetica e impedisce la produzione della proteina PCSK9, che a sua volta riduce il LDL.

I risultati hanno mostrato che Inclisiran somministrato inizialmente, e poi di nuovo a tre mesi e successivamente ogni sei mesi, ha portato a riduzioni LDL del 58% al giorno 510 e ha dimostrato riduzioni LDL mediate nel tempo, del 56%.

“I dati mostrano che Inclisiran ha prodotto riduzioni durature e potenti di LDL con un eccellente profilo di sicurezza e senza effetti collaterali al fegato o ai reni correlati al trattamento”, afferma Wright.

Fonte, News Medical