Diabete: potenziare l’autofagia aiuta a curare i vasi sanguigni

diabete

La ricerca pubblicata oggi in Journal of Physiology, mostra che accelerare uno dei sistemi di smaltimento dei rifiuti del corpo, chiamato autofagia, aiuta a guarire i vasi sanguigni dei diabetici.

Le complicanze che interessano i vasi sanguigni (note come complicanze vascolari) sono i principali fattori di rischio per morbilità e mortalità nei pazienti diabetici. Queste complicanze sono suddivise in microvascolari (danni ai piccoli vasi sanguigni) e macrovascolari (danni ai vasi sanguigni più grandi).

Le complicanze microvascolari comprendono danni agli occhi che possono portare alla cecità, ai reni che possono portare a insufficienza renale e ai nervi che portano all’impotenza e ai disturbi del piede diabetico (che portano all’amputazione).

Vedi anche, Nuovo potenziale approccio per il trattamento del diabete di tipo 2.

L’autofagia è il modo in cui l’organismo elimina le cellule danneggiate, al fine di rigenerare cellule più nuove e più sane. È stato segnalato che l’autofagia compromessa è coinvolta nel diabete di tipo 2, ma i ricercatori non erano sicuri del perché.

Questo studio, condotto da ricercatori del Yonsei University College of Medicine, è il primo a dimostrare un ruolo protettivo della stimolazione autofagica nella disfunzione vascolare del diabete di tipo 2. I ricercatori hanno usato topi che hanno caratteristiche simili al diabete di tipo 2 umano e hanno misurato il diametro delle piccole arterie, il che indica quanto siano sane le arterie.

Soo-Kyoung Choi, primo autore dello studio, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di questi risultati perché il nostro studio suggerisce che il target dell’autofagia potrebbe essere un potenziale bersaglio per il trattamento di problemi vascolari nei pazienti diabetici di tipo 2 “.

Fonte, News Medical


Altri articoli su diabete