I ricercatori scoprono come il “colesterolo cattivo LDL” entra nelle pareti delle arterie

colesterolo LDL

I ricercatori della UT Southwestern Medical Center hanno scoperto come il “colesterolo LDL o colesterolo cattivo” circolante, penetri nelle pareti delle arterie per causare la placca che restringe i vasi sanguigni e porta ad attacchi cardiaci e ictus.

‘Poiché l’ingresso di colesterolo LDL nella parete arteriosa determina lo sviluppo di aterosclerosi o indurimento delle arterie e l’aterosclerosi porta a infarti e ictus, i trattamenti futuri che impediscono questo processo possono aiutare a ridurre il verificarsi di questi condizioni minacciose’, ha detto il Dottor Philip Shaul, autore senior dello studio pubblicato su Nature.

Le malattie cardiovascolari sono la causa n. 1 di morte in tutto il mondo e la coronaropatia (che sta alla base degli infarti) e gli ictus rappresentano oltre il 60% delle morti cardiovascolari negli Stati Uniti, secondo le recenti statistiche dell’American Heart Association (AHA).

Lo studio rivela per la prima volta come una proteina chiamata SR-B1 (abbreviazione di recettore scavenger di classe B, tipo 1) traghetti le particelle LDL  ‘nelle e poi attraverso’ le cellule endoteliali che rivestono le arterie. Lo studio ha anche scoperto che una seconda proteina chiamata dedicatore di citochinesi 4 o DOCK4, è associata a SR-B1 ed è necessaria per il processo.

Nelle prime fasi dell’aterosclerosi, le LDL che sono entrate nella parete dell’arteria sono attratte ed è inghiottite da importanti cellule del sistema immunitario chiamate macrofagi che ingeriscono particelle di LDL. I macrofagi carichi di LDL diventano cellule schiumose che favoriscono l’infiammazione e lo sviluppo di placche aterosclerotiche.

Le placche restringono l’arteria e possono diventare instabili. Le placche che si rompono possono attivare la coagulazione del sangue e bloccare il flusso di sangue al cervello o al cuore, causando un ictus o un infarto. 

Negli studi su topi con colesterolo elevato, i ricercatori hanno determinato che l’eliminazione di SR-B1 dalle cellule endoteliali che rivestono i vasi sanguigni portava ad una quantità molto inferiore di LDL che entrava nella parete dell’arteria, meno formazioni di schiuma e placche aterosclerotiche notevolmente più piccole.

Vedi anche, Le statine salvano la vita delle persone con elevati livelli di colesterolo LDL.

“All’inizio di questo lavoro era sorprendentemente sconosciuto come LDL entri nella parete delle arterie per causare malattie cardiovascolari”, ha detto il Dott. Shaul, Direttore del Center for Polmonary and Vascular Biology di UT Southwestern. “Le nostre scoperte  risolvono quel mistero e contrastano il presupposto precedente di molti scienziati che LDL entri semplicemente attraverso i siti di danno o distruzione nel singolo strato di cellule endoteliali che funge da barriera protettiva della parete arteriosa.

Nei loro studi, i ricercatori hanno confrontato l‘abbondanza di SR-B1 e DOCK4 in aree dell’aorta di topi che sono inclini alla formazione di placca con quella di regioni con meno probabilità di diventare aterosclerotiche. Hanno trovato livelli più alti di SR-B1 e DOCK4 nelle regioni a rischio di malattia molto prima che si formassero placche aterosclerotiche. “Questa scoperta suggerisce che le lesioni aterosclerotiche possono essere più comuni in particolari siti dell’ arteria a causa di più SR-B1 e DOCK4 presenti”, ha detto il Dott. Shaul, vicePresidente della ricerca e Professore di pediatria della UTSW, che detiene la rinomata cattedra della First Capital Associates in Pediatria.

Per determinare se questi risultati potrebbero essere applicati alle persone, i ricercatori hanno esaminato i dati sulle arterie aterosclerotiche e normali dell’uomo presenti in tre database indipendenti gestiti dal National Institutes of Health (NIH).

In tutti e tre i database, SR-B1 e DOCK4 erano più abbondanti nelle arterie aterosclerotiche rispetto alle arterie normali.

I ricercatori stanno ora esplorando la possibilità di utilizzare la terapia genica per disattivare o ridurre la funzione di SR-B1 o DOCK4 nelle cellule endoteliali che rivestono le arterie al fine di prevenire l’aterosclerosi.

“Sviluppare un farmaco che inibisce SR-B1 o DOCK4 o una terapia genica che li silenzia nelle cellule endoteliali, potrebbe potenzialmente ridurre l’aterosclerosi e quindi, ridurre l’incidenza di malattia coronarica, infarto e ictus“, afferma il ricercatore. “Tali strategie completerebbero i trattamenti attuali che riducono i livelli di LDL circolante e sono particolarmente preziosi nelle situazioni in cui ridurre LDL è difficile”.

Fonte, Nature


Altri articoli su colesterolo LDL