HomeSaluteCervello e sistema nervosoEpilessia pediatrica: trattamento laser nuova opportunità

Epilessia pediatrica: trattamento laser nuova opportunità

(Epilessia-Immagine Credit Public Domain).

La callosotomia del corpo rimane un trattamento chirurgico consolidato per alcuni tipi di epilessia refrattaria dal punto di vista medico nei pazienti pediatrici. Mentre l’approccio chirurgico tradizionale è spesso ben tollerato, l’avvento della terapia termica interstiziale laser guidata da RM (LITT) offre una nuova opportunità per ablare il corpo calloso in modo minimamente invasivo e ridurre al minimo i rischi associati a un approccio interemisferico aperto. Tuttavia, la letteratura è scarsa per quanto riguarda l’efficacia comparativa e i profili di sicurezza della callosotomia a corpo aperto (OCC) e della callosotomia LITT. A tal fine, gli autori presentano una nuova analisi retrospettiva che confronta l’efficacia e la sicurezza di questi metodi.

L’uso di un laser per un raro intervento chirurgico al cervello per trattare le crisi epilettiche, che causano la caduta improvvisa di un bambino con epilessia, presenta alcuni vantaggi rispetto a una craniotomia aperta tradizionale, tra cui degenze ospedaliere più brevi per i pazienti, secondo uno studio condotto dai ricercatori della UT Southwestern.

- Advertisement -

risultati dello studio,pubblicati sul Journal of Neurosurgery, forniscono i primi dati quantitativi che mettono a confronto i due tipi di chirurgia, chiamati corpus callosotomies (la callosotomia è un’operazione chirurgica di separazione dei due emisferi cerebrali per sezionamento del corpo calloso, eseguita con scopi terapeutici nella cura dell’epilessia).

Vedi anche:Sviluppate nuove tecniche nella chirurgia dell’epilessia

“I nostri dati mostrano che la callosotomia laser del corpo calloso è più facile per il bambino da recuperare e, di conseguenza, più facile per i genitori e le famiglie”, afferma Angela V. Price, MD ., Assistente Prof.ssa di chirurgia neurologica e pediatria presso la UT Southwestern, che dirige la chirurgia/ servizio di epilessia presso il Children’s Health. Negli ultimi anni, Price e alcuni altri neurochirurghi pediatrici in tutto il paese hanno iniziato a eseguire una procedura minimamente invasiva, in cui un minuscolo laser viene inserito attraverso una piccola incisione nel cranio per bruciare una porzione del corpo calloso, una fascia di tessuto che collega gli emisferi destro e sinistro del cervello. L’operazione tradizionale prevede un’ampia incisione per asportare una porzione del cranio per l’accesso. Price e colleghi hanno esaminato 19 pazienti sottoposti a 24 procedure: 16 erano stati sottoposti a callosotomia a corpo aperto e otto erano stati sottoposti a procedure laser.

I risultati hanno mostrato che per entrambi i tipi di procedure, le crisi convulsive sono state praticamente eliminate e le percentuali di complicanze post-chirurgiche erano basse. Ma la tecnica laser richiedeva che un paziente trascorresse meno della metà del tempo in terapia intensiva pediatrica e riduceva la durata complessiva della degenza in Ospedale (4,6 giorni contro 5,7 giorni). Inoltre, i bambini non hanno richiesto alcuna riabilitazione ospedaliera rispetto a circa il 20% di coloro che sono stati sottoposti a chirurgia a cielo aperto e hanno perso 12 volte meno sangue (7 millilitri contro 84 millilitri).

- Advertisement -

Price osserva che il tempo operativo per le procedure laser era quasi il doppio di quello del gruppo di procedure a cielo aperte (492 minuti contro 249 minuti), in parte a causa dell’imaging MRI prima e durante l’operazione. I pazienti sottoposti a laser hanno anche assunto farmaci corticosteroidi circa tre volte più a lungo rispetto a quelli che avevano subito procedure aperte.

“Il Children’s Medical Center è l’unico Ospedale che fornisce queste procedure a Dallas e uno dei relativamente pochi negli Stati Uniti”, afferma Price, membro del Peter O’Donnell Jr. Brain Institute. “Poiché i chirurghi comprendono meglio i vantaggi di queste procedure, prevedo che diventeranno l’opzione più popolare per questi pazienti”.

Altri ricercatori che hanno contribuito a questo studio sono James P. Caruso, M. Burhan Janjua e Alison Dolce.

Fonte: UTSouthwesterrn

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...