HomeSalutePellePrurito cronico: marijuana medica possibile terapia

Prurito cronico: marijuana medica possibile terapia

(Prurito cronico-Immagine Credit Public Domain).

Il prurito cronico è caratterizzato da una sensazione inesorabile e talvolta persino debilitante che spesso abbassa la qualità della vita di coloro che ne soffrono. Il trattamento della condizione è difficile perché ci sono poche terapie approvate dalla Food and Drug Administration. Ora, un recente caso di studio dei ricercatori della Johns Hopkins Medicine fornisce la prova che un’opzione promettente per i pazienti con prurito cronico potrebbe già essere disponibile: la marijuana medica (cannabis).

Un rapporto sui risultati dello studio è stato pubblicato su JAMA Dermatology.

- Advertisement -

“Il prurito cronico è una condizione particolarmente difficile da trattare, con terapie off-label spesso utilizzate”, afferma Shawn Kwatra, MD, assistente Professore di dermatologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “Con l’aumento dell’utilizzo della marijuana medica e la nostra conoscenza del ruolo del sistema endocannabinoide [un complesso sistema di segnalazione cellulare che regola una varietà di funzioni nel corpo] nel prurito cronico, abbiamo deciso di provare la marijuana medica su una paziente che non ha risposto a diverse terapie e aveva poche opzioni rimaste”.

Kwatra e i suoi colleghi hanno esaminato una donna afroamericana sulla sessantina con una storia di 10 anni di prurito cronico. La paziente inizialmente è arrivata al Johns Hopkins Itch Center con lamentele di prurito estremo su braccia, gambe e stomaco. All’esame della pelle sono state rilevate numerose lesioni cutanee iperpigmentate e in rilievo. Alla paziente sono stati offerti diversi trattamenti, comprese diverse terapie sistemiche, spray nasali ad azione centrale, creme steroidee e fototerapia, ma tutti hanno fallito. Kwatra riferisce che l’uso di marijuana medica ha fornito alla donna un miglioramento quasi istantaneo.

Vedi anche:Nemolizumab batte il placebo per la riduzione del prurito nell’eczema

“Abbiamo fatto valutare alla paziente i suoi sintomi utilizzando una scala di valutazione numerica, dove 10 è il peggior prurito e zero non è affatto tale”, dice Kwatra. “Ha iniziato a 10, ma è scesa a 4 entro 10 minuti dalla somministrazione iniziale della marijuana medica. Con l’uso continuato della cannabis, il prurito della paziente è scomparso del tutto”.

- Advertisement -

I ricercatori ritengono che uno degli ingredienti attivi della marijuana medica, il tetraidrocannabinolo, comunemente noto con la sua abbreviazione THC, si attacchi ai recettori cerebrali che influenzano il sistema nervoso. Quando ciò si verifica, l’infiammazione e l’attività del sistema nervoso diminuiscono, il che potrebbe anche portare a una riduzione delle sensazioni cutanee come il prurito.

Kwatra afferma che, sebbene debbano ancora essere condotti studi conclusivi per convalidare la marijuana medica come misura efficace per alleviare il prurito precedentemente ingestibile, ritiene che questo trattamento richieda ulteriori studi clinici. “Sono necessari studi controllati per determinare il dosaggio, l’efficacia e la sicurezza della marijuana medica nel trattamento di vari sottotipi di prurito umano e, una volta eseguiti, capiremo meglio quali pazienti hanno maggiori probabilità di beneficiare di questa terapia”, afferma il ricercatore.

Fonte:JAMA Dermatology

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...