HomeAlimentazione & BenessereDieta vegelate e rischio carenza vitamina B12

Dieta vegelate e rischio carenza vitamina B12

(Dieta vegetale-Immagine Credit Public Domain).

In vista di Veganuary, i principali ricercatori stanno avvertendo dei pericoli di una epidemia di carenza di vitamina B12 nelle persone che seguono diete sempre più popolari a base vegetale.

Le diete a base vegetale (vegetariane o vegane) stanno diventando significativamente più popolari poiché le persone cercano di adottare una dieta che è considerata migliore per l’ambiente, il benessere degli animali e/o la salute personale. Le vendite di alimenti a base vegetale hanno visto un aumento del 49% in Europa occidentale dal 2018.

- Advertisement -

Scienziati di tutto il mondo con esperienza in cibo, nutrizione, medicina e salute hanno formato un gruppo di ricerca sulla vitamina B12 per aumentare la consapevolezza della carenza di vitamina B12 e come può essere affrontata. La vitamina B12 è un micronutriente essenziale che svolge un ruolo nel supportare la produzione di globuli rossi, l’energia, il metabolismo e la funzione nervosa, ma non si trova nelle piante.

Il Professor Martin Warren del Quadram Institute di Norwich, nel Regno Unito, che ha contribuito ad avviare cluB-12, spera che il pubblico e i responsabili politici siano consapevoli delle implicazioni per la salute pubblica e delle misure necessarie per mitigare la carenza di vitamina B12.

L’anemia da carenza di vitamina B12 può causare una vasta gamma di sintomi. Questi di solito si sviluppano gradualmente, ma possono peggiorare se la condizione non viene trattata. L’anemia è caratterizzata da livelli di globuli rossi inferiori al normale o da una quantità anormalmente bassa di emoglobina in ogni globulo rosso.

I sintomi generali possono includere: estrema stanchezza (affaticamento), mancanza di energia (letargia), tinnito, mancanza di respiro, sensazione di svenimento, mal di testa, pelle pallida, battiti cardiaci evidenti (palpitazioni), perdita di appetito e perdita di peso. “C’è un’epidemia nascosta di carenza di vitamina B12 tra le popolazioni vegetariane e vegane e questa è una preoccupazione particolare per le donne in età fertile. Siamo preoccupati che le attuali raccomandazioni del Regno Unito, ad esempio, non tengano conto della gravidanza e questo deve essere affrontato con urgenza”, afferma Martin Warren, Professore, Istituto Quadram. “Ci sono molte buone ragioni per seguire una dieta a base vegetale pianificata ed equilibrata, ma soprattutto per una dieta vegana dovresti essere consapevole della potenziale carenza nutrizionale e della necessità di assumere integratori di vitamina B12 appropriati”.

- Advertisement -

Vedi anche:Studio evidenzia il pericolo della carenza di vitamina B12

Il Dottor Kourosh R Ahmad, coautore dello studio dell’Università del Surrey, ha dichiarato: “Milioni di persone in tutto il mondo stanno passando a una dieta a base vegetale per una miriade di ragioni etiche, sia perché amano gli animali che per ragioni ambientali. Il nostro articolo non si occupa di convincere le persone che hanno torto a diventare vegani, ma di assicurarsi che siano al sicuro e non diventino sonnambuli diventando carenti di vitamina B12. Inoltre, deve esserci chiaramente un consenso globale sulle Linee guida in merito alle  raccomandazioni per l’assunzione giornaliera di vitamina B12, non solo per gli adulti. ma in particolare per le donne incinte e le donne che vogliono iniziare una famiglia”.

Raccomandazioni chiave per le persone che scelgono una dieta vegana o vegetariana:

  • Assumi un integratore giornaliero contenente 4-7 microgrammi di vitamina B12
  • Monitora il tuo stato di vitamina B12, specialmente se non stai assumendo integratori
  • Ottieni una consulenza esperta per supportare la pianificazione di una dieta a base vegetale, in particolare se stai diventando vegano
  • Chiedi consiglio a un esperto se stai seguendo una dieta vegetariana e stai a) pianificando di diventare vegano, b) pianificando una gravidanza o allattamento e c) hai più di 60 anni

Assunzioni nutrizionali raccomandate a livello internazionale:

Regno Unito: l’assunzione nutrizionale raccomandata (RNI) per la vitamina B12 è fissata a 1,5 microgrammi al giorno per gli adulti e non viene effettuato alcun aggiustamento per la gravidanza

USA – l’RNI è di 2,3 microgrammi al giorno e aumenta a 2,6 e 2,8 al giorno rispettivamente per le donne in gravidanza e allattamento

UE – 4 microgrammi al giorno e aumenta a 4,5 e 5 rispettivamente per le donne in gravidanza e allattamento

Le persone che seguono una dieta vegana corrono un rischio molto più elevato di carenza di vitamina B12. Le stime suggeriscono tassi di carenza fino al 62% nelle donne in gravidanza vegane. Nei vegetariani, la carenza di vitamina B12 raggiunge il 40%.

La ricerca condotta dalla Food Databanks National Capability presso il Quadram Institute mostra anche che i produttori non fortificano comunemente o adeguatamente i loro prodotti alimentari vegani con vitamina B12.

ULTIMI ARTICOLI

Dieta vegelate e rischio carenza vitamina B12

(Dieta vegetale-Immagine Credit Public Domain). In vista di Veganuary, i principali ricercatori stanno avvertendo dei pericoli di una epidemia di carenza di vitamina B12 nelle...

L’Europa riprenderà la vaccinazione con Astra Zeneca

(Vaccino Astra-Zeneca-Immagiune Credit Public Domain). Oltre una dozzina di paesi europei sono pronti a riavviare il lancio del vaccino Oxford-AstraZeneca Covid-19 dopo che il principale...

Cuore: non farti ingannare da questi 3 miti

(Cuore-Immagine Credit Public Domain). Non farti ingannare da questi 3 miti sulla salute del cuore!! Il cibo che mangi può svolgere un ruolo importante sulla salute...

Artrite reumatoide: le cellule T danneggiano i mitocondri

(Artrite reumatoide-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Mayo Clinic hanno collegato la disfunzione delle cellule T osservata nell'artrite reumatoide con una carenza metabolica, come...

SLA: come i pulitori del cervello falliscono

(SLA-Immagine Credit Public Domain). In studi preclinici, scienziati e collaboratori della Mayo Clinic hanno identificato il meccanismo molecolare utilizzato dai "pulitori" del cervello mentre rimuovono...