HomeSaluteDiabeteDiabete: sviluppato nuovo trattamento rivoluzionario

Diabete: sviluppato nuovo trattamento rivoluzionario

(Diabete-Immagine- Credit Public Domain).

Gli scienziati dell’Università del Missouri stanno collaborando con l’Università di Harvard e Georgia Tech per creare un nuovo trattamento per il diabete che comporti il ​​trapianto di cellule pancreatiche che producono insulina.

Si stima che il diabete di tipo 1 colpisca circa 1,8 milioni di americani. Sebbene il diabete di tipo 1 si sviluppi spesso durante l’infanzia o l’adolescenza, può manifestarsi nell’età adulta.

- Advertisement -

Nonostante la ricerca attiva, il diabete di tipo 1 non ha cura. I metodi di trattamento includono l’assunzione di insulina, il monitoraggio della dieta, la gestione dei livelli di zucchero nel sangue e l’esercizio fisico regolare. Gli scienziati hanno scoperto di recente un nuovo metodo di trattamento che promette bene.

Un gruppo di ricercatori dell’Università del Missouri, del Georgia Institute of Technology e dell’Università di Harvard, ha dimostrato l’uso riuscito di un nuovo trattamento del diabete di tipo 1 in un modello animale di grandi dimensioni in un nuovo studio pubblicato su Science Advances il 13 maggio.
Il loro metodo include il trasferimento di cellule del pancreas che producono insulina, note come isole pancreatiche, da un donatore a un ricevente senza la necessità di farmaci immunosoppressori a lungo termine.

Haval Shirwan, Professore di salute infantile e microbiologia molecolare e immunologia presso la MU School of Medicine.,è uno degli autori principali dello studio.

“Il sistema immunitario è un meccanismo di difesa strettamente controllato che garantisce il benessere degli individui in un ambiente pieno di infezioni”, ha affermato Shirwan. “Il diabete di tipo 1 si sviluppa quando il sistema immunitario identifica erroneamente le cellule produttrici di insulina nel pancreas come infezioni e le distrugge. Normalmente, una volta eliminato un pericolo o una minaccia percepiti, il meccanismo di comando e controllo del sistema immunitario si attiva. Tuttavia, se questo meccanismo fallisce, possono manifestarsi malattie come il diabete di tipo 1”.

Il diabete compromette la capacità del corpo di produrre o utilizzare l’insulina, un ormone che aiuta nella regolazione del metabolismo della glicemia. Le persone con diabete di tipo 1 non sono in grado di gestire i livelli di zucchero nel sangue perché non producono insulina. Questa mancanza di controllo può causare problemi potenzialmente letali tra cui malattie cardiache, danni ai reni e perdita della vista.

- Advertisement -

Shirwan ed Esma Yolcu, Professore di salute infantile e microbiologia molecolare e immunologia presso la MU School of Medicine, hanno passato gli ultimi due decenni a prendere di mira un meccanismo di apoptosi che impedisce alle cellule immunitarie di causare il diabete o il rigetto delle isole pancreatiche trapiantate attaccandosi ad una molecola chiamata FasL alla superficie degli isolotti.

Vdedi anche:Diabete di tipo 2 trattato con proteine del siero del latte

Un tipo di apoptosi si verifica quando una molecola chiamata FasL interagisce con un’altra molecola chiamata Fas su cellule immunitarie e le fa morire”, ha affermato Yolcu, uno dei primi autori dello studio. “Pertanto, il nostro team ha aperto la strada a una tecnologia che ha consentito la produzione di una nuova forma di FasL e la sua presentazione su cellule di isole pancreatiche trapiantate o microgel per prevenire il rigetto. Dopo il trapianto di cellule insulari pancreatiche che producono insulina, le cellule immunitarie si mobilitano sull’innesto per la distruzione, ma vengono eliminate da FasL che coinvolge Fas sulla loro superficie.

Un vantaggio di questo nuovo metodo è l’opportunità di non dover utilizzare potenzialmente per tutta la vita farmaci immunosoppressori che contrastano la capacità del sistema immunitario di cercare e distruggere un corpo estraneo quando introdotto nel corpo, come un organo o, in questo caso, una cellula.

“Il problema principale con i farmaci immunosoppressori è che non sono specifici, quindi possono avere molti effetti avversi, come alto rischio di sviluppo del cancro”, ha detto Shirwan. “Quindi, usando la nostra tecnologia, abbiamo trovato un modo per modulare o addestrare il sistema immunitario ad accettare e non rifiutare, queste cellule trapiantate“.

Il nuovo metodo utilizza la tecnologia inclusa in un brevetto statunitense depositato dall’Università di Louisville e Georgia Tech e da allora è stato autorizzato da una società commerciale con l’intenzione di perseguire l’approvazione della FDA per i test sull’uomo. Per sviluppare il prodotto commerciale, i ricercatori della MU hanno collaborato con Andres García e il team della Georgia Tech per attaccare FasL alla superficie dei microgel con prova dell’efficacia in un piccolo modello animale. Quindi, si sono uniti a Jim Markmann e Ji Lei di Harvard per valutare l’efficacia della tecnologia del microgel contenente FasL in un modello animale di grandi dimensioni.

Fonte:Science Advances

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...