HomeSaluteTumoriCancro al seno ER+: batteri probiotici possono aumentare l'efficacia del tamoxifene

Cancro al seno ER+: batteri probiotici possono aumentare l’efficacia del tamoxifene

“I batteri probiotici possono potenziare le attività antitumorali del farmaco Tamoxifene contro il cancro al seno ER+ e di altre terapie mirate al sistema endocrino, che potrebbero aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno positivo per la ricettività degli estrogeni (ER+)”, suggerisce un nuovo studio presentato lunedì a ENDO 2022, la Endocrine Society’s incontro annuale ad Atlanta, in Georgia.

Anche se la maggior parte dei batteri nel corpo si trova nel tratto intestinale, i batteri sono stati individuati anche in altre aree del corpo, compreso il seno. I batteri sono una parte del microbioma del seno, la raccolta di tutti i microbi come batteri, funghi, virus e i loro geni. Gli studi hanno dimostrato che il tessuto mammario ha un microbioma distinto, che cambia in presenza di tumori o dieta, secondo la ricercatrice Katherine L. Cook, Ph.D., della Wake Forest University School of Medicine di Winston-Salem, NC

Il Tamoxifene è un farmaco somministrato alle donne per prevenire la recidiva del cancro al seno ER+. Un cancro al seno è ER+ se ha recettori per gli estrogeni. Ciò suggerisce che le cellule tumorali, come le normali cellule mammarie, possono ricevere segnali dagli estrogeni che dicono alle cellule di crescere. Il tamoxifene viene anche somministrato per ridurre il rischio di cancro al seno nelle donne con un rischio di malattia superiore alla media che non è stato diagnosticato. Il tamoxifene fa parte di una classe di farmaci chiamati terapie mirate al sistema endocrino. Altri farmaci simili includono inibitori dell’aromatasi e Faslodex.

- Advertisement -

Il nuovo studio si componeva di tre parti. In primo luogo, un modello murino preclinico è stato alimentato con una dieta sana o con una dieta occidentale ed è stato trattato con Tamoxifene per tre mesi. I ricercatori hanno quindi valutato i batteri nel tessuto mammario. Hanno trovato livelli elevati di Lactobacillus negli animali trattati con Tamoxifene. Il lactobacillus è un tipo di batterio noto come gram-positivo. È più comunemente noto per le sue attività probiotiche e antinfiammatorie.

I ricercatori hanno quindi iniettato Lactobacillus nelle ghiandole mammarie dei topi che sviluppano spontaneamente tumori al seno e hanno scoperto che gli animali trattati con Lactobacillus mostravano una ridotta formazione di tumore al seno. “Questo dimostra che l’aumento di Lactobacillus nel tessuto mammario riduce il rischio di cancro al seno”, ha detto Cook. “Suggerisce un ruolo potenziale del Lactobacillus e altre specie batteriche per migliorare la risposta dei pazienti al trattamento e per ridurre il rischio di cancro al seno”.

Nella seconda parte dello studio, i ricercatori hanno esaminato un grande modello animale in cui le ovaie sono state rimosse per simulare la menopausa e i soggetti sono stati trattati con tamoxifene per 2,5 anni. I ricercatori hanno scoperto che anche loro avevano alti livelli di Lactobacillus nel tessuto mammario.

Vedi anche:Cancro al seno triplo negativo: nuova terapia di combinazione

- Advertisement -

Nella terza parte dello studio, i ricercatori hanno esaminato il tessuto di tumori mammari ER+ di donne che erano state trattate in ambiente neoadiuvante con una o due terapie mirate al sistema endocrino, inibitori dell’aromatasi o Faslodex. Dopo l’intervento chirurgico per il cancro al seno, i tumori sono stati analizzati. Le donne con alti livelli di batteri Gram-positivi all’interno dei loro tumori avevano livelli più bassi di crescita delle cellule tumorali.

“La nostra nuova ricerca suggerisce che i batteri probiotici possono migliorare le attività antitumorali del tamoxifene e di altre terapie mirate al sistema endocrino per ridurre il rischio di cancro al seno ER+“, ha affermato Cook. 

Fonte:Oncology Reviews

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...