HomeSaluteDiabeteDiabete di tipo 2 trattato con proteine del siero del latte

Diabete di tipo 2 trattato con proteine del siero del latte

(Diabete di tipo 2/Studio-Immagine:Kieran Smith in laboratorio. Credito: Università di Newcastle, Regno Unito).

È stato dimostrato che bere una piccola porzione di proteine ​​del siero di latte prima dei pasti aiuta le persone con diabete di tipo 2 a controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Secondo una nuova ricerca, che ha il potenziale per la gestione dietetica del diabete di tipo 2, i partecipanti con la condizione hanno bevuto uno shot pre-confezionato prima dei pasti che conteneva una bassa dose di proteine ​​del siero di latte. Sono stati monitorati per una settimana mentre svolgevano la normale vita quotidiana.

- Advertisement -

Per confrontare i potenziali benefici delle proteine ​​del siero di latte, le stesse persone hanno anche trascorso una settimana a bere una bevanda di controllo che non conteneva proteine, ​​per misurare i risultati dell’uno rispetto all’altro.

Integratore di proteine ​​del siero di latte in polvere

Immagine- Proteine del siero del latte- Credito Università di Newcastle, Regno Unito

I risultati del monitoraggio continuo del glucosio hanno rivelato che i livelli di glucosio erano molto meglio controllati quando si assumeva l’integratore di siero di latte prima dei pasti. In media, i partecipanti hanno avuto due ore in più al giorno di livelli normali di zucchero nel sangue rispetto alla settimana senza proteine. Inoltre, i loro livelli giornalieri di glucosio nel sangue erano inferiori di 0,6 mmol/l rispetto a quando consumavano il supplemento di controllo senza alcuna proteina.
Il Dr. Daniel West, docente senior e ricercatore principale che lavora all’interno del Centro di ricerca sulla nutrizione umana e del gruppo di ricerca sul diabete dell’Università di Newcastle, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Sebbene studi precedenti condotti in laboratorio per alcune ore abbiano mostrato il potenziale di questo intervento dietetico, questa è la prima volta che le persone sono state monitorate mentre svolgono la loro vita normale. Riteniamo che le proteine ​​del siero di latte agiscano in due modi, in primo luogo, rallentando la velocità con cui il cibo passa attraverso il sistema digestivo e in secondo luogo, stimolando una serie di importanti ormoni che impediscono agli zuccheri nel sangue di salire così in alto. Mentre vediamo un numero crescente di persone in tutto il mondo che sviluppano il diabete, lo studio del potenziale di alternative ai farmaci come gli integratori alimentari diventa più importante”.

18 persone con diabete di tipo 2 hanno consumato una piccola bevanda – una dose da 100 ml – con 15 grammi di proteine ​​10 minuti prima di colazione, pranzo e cena per sette giorni e hanno continuato ad assumere i farmaci prescritti per il diabete. Il monitoraggio continuo della glicemia ha monitorato automaticamente i livelli di glucosio nel sangue nel corso della settimana.

- Advertisement -

Il dottorando dell’Università di Newcastle, Kieran Smith, che ha supervisionato il monitoraggio del glucosio e analizzato i dati, ha dichiarato: “Le persone sono state in grado di attenersi al regime e hanno apprezzato l’idea di avere una piccola bevanda preconfezionata comoda, gustosa, da assumere prima dei pasti”.

Il team intende esplorare ulteriormente i vantaggi degli interventi alternativi conducendo lo studio su scala più ampia e per un periodo più lungo, fino a sei mesi. I ricercatori hanno anche in programma di esaminare proteine ​​​​alternative, come quelle che provengono da fonti vegetali come piselli, funghi e patate per cercare opzioni di trattamento per esigenze dietetiche vegane.

Riferimento: “Il consumo tre volte al giorno pre-pasto di una bassa dose di proteine ​​del siero di latte aumenta il tempo di euglicemia durante 7 giorni di vita libera in individui con diabete di tipo 2” 26 maggio 2022, BMJ Open Diabetes Research & Care.

Fonte:BMJ Open Diabetes Research & Care

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...