Dermatite atopica: la terapia con batteri sembra promettente

dermatite atopica

Immagine: uno scienziato dimostra l’applicazione della terapia sperimentale al gomito interno. A scopo dimostrativo, la soluzione di batteri è stata sostituita con colorante viola. Credito: NIAID.

Il trattamento topico con Roseomonas mucosa vivo  un batterio naturalmente presente sulla pelle – è risultato sicuro per adulti e bambini con dermatite atopica (eczema) ed è associato a ridotta gravità della malattia, secondo i risultati di uno studio clinico in fase iniziale in corso presso i National Institutes of Health. Il lavoro preclinico in un modello murino di eczema aveva suggerito che i ceppi di R. mucosa raccolti da una pelle sana possono alleviare i sintomi della malattia. Le nuove scoperte, pubblicate il 3 maggio in JCI Insight, supportano un’ulteriore valutazione di questa potenziale nuova terapia.

La dermatite atopica è una malattia infiammatoria della pelle che può rendere la pelle secca e pruriginosa, causare eruzioni cutanee e portare a infezioni della pelle. La malattia è legata ad un aumentato rischio di sviluppare asma, raffreddore da fieno e allergia alimentare. La dermatite atopica è comune nei bambini e talvolta si risolve da sola, ma può anche persistere o svilupparsi durante l’età adulta.

(Vedi anche:Nuova strategia per la cura dell’ eczema).

“Vivere con la dermatite atopica può essere difficile dal punto di vista fisico ed emotivo e mentre il  può aiutare a gestire i sintomi, le terapie attualmente disponibili possono richiedere molto tempo e richiedere più applicazioni giornaliere che sono anche costose”, ha affermato Anthony S. Fauci, Direttore del  NIH’s National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID). “Sono necessarie terapie nuove e poco costose che richiedono un’applicazione meno frequente per ampliare le opzioni disponibili per il trattamento della dermatite atopica”, dice il ricercatore.

La causa della dermatite atopica è sconosciuta, ma gli studi suggeriscono che il microbioma cutaneo – la comunità di batteri e altri microbi che vivono sulla pelle – gioca un ruolo chiave nello sviluppo della malattia. Da anni, gli scienziati sanno che le persone con dermatite atopica tendono ad avere grandi popolazioni di batterStaphylococcus aureus sulla loro pelle. Questi batteri possono causare infezioni della pelle e scatenare risposte immunitarie che aumentano l’infiammazione e peggiorano i sintomi.

I recenti lavori dei ricercatori del NIAID che hanno utilizzato topi e cellule, modelli di dermatite atopica, hanno rivelato che il trattamento con isolati di R. mucosa raccolti dalla pelle di persone sane ha migliorato i risultati della malattia nei modelli. Al contrario, gli isolati di R. mucosa da persone con dermatite atopica non hanno avuto alcun impatto o peggioramento dei risultati nei modelli.

Sulla base di questi risultati preclinici, i ricercatori NIAID hanno progettato uno studio clinico  per testare la sicurezza e il potenziale beneficio di un trattamento contenente R. mucosa in vivo in soggetti con dermatite atopica. Lo studio di fase 1/2 è stato condotto presso il NIH Clinical Center di Bethesda, nel Maryland.

“Applicando i batteri da una fonte sana alla pelle delle persone con dermatite atopica, miriamo ad alterare il microbioma cutaneo in modo tale da alleviare i sintomi e liberare le persone dall’onere di un trattamento costante”, ha dichiarato Ian Myles del NIAID, autore principale della sperimentazione.

I ricercatori hanno prima testato il trattamento sperimentale in 10 volontari adulti con dermatite atopica. Due volte alla settimana per sei settimane, i volontari hanno applicato per via topica una soluzione di acqua zuccherata contenente dosi crescenti di R. mucosa viva sui loro gomiti  e in un’area cutanea aggiuntiva a loro scelta. I ceppi di R. mucosa inclusi nel trattamento erano originariamente isolati dalla pelle di individui sani e coltivati ​​in condizioni di laboratorio attentamente controllate. I partecipanti hanno comunque continuato i loro normali trattamenti, compreso l’uso di steroidi topici e altri farmaci.

I partecipanti non hanno segnalato reazioni avverse o complicanze. La maggior parte dei partecipanti ha avuto miglioramenti nella dermatite atopica e quattro settimane dopo aver interrotto la terapia batterica, alcuni hanno riferito di aver bisogno di un minor numero di steroidi topici.

I ricercatori hanno poi arruolato cinque volontari di età compresa tra 9 e 14 anni con dermatite atopica. I trattamenti sono stati applicati a tutte le aree della pelle colpite, due volte alla settimana per 12 settimane. Coerentemente con i risultati negli adulti, non ci sono state complicanze o effetti avversi e la maggior parte dei partecipanti ha avuto miglioramenti dell’ eczema, inclusa una ridotta necessità di steroidi topici. I ricercatori hanno anche scoperto che il trattamento era associato a diminuzioni nella popolazione di S. aureus sulla pelle dei bambini.

Sebbene per valutare l’efficacia di questo potenziale trattamento siano necessari studi più ampi che confrontino la terapia con batteri con un placebo, i ricercatori hanno osservato un miglioramento superiore al 50% nella gravità della dermatite atopica in quattro dei cinque bambini e in sei dei 10 adulti. I ricercatori stanno continuando a monitorare i cinque bambini che hanno ricevuto il trattamento e stanno arruolando ulteriori bambini allo studio.

Per comprendere meglio i fattori che possono contribuire a squilibri nei batteri sulla pelle, gli scienziati hanno anche studiato se le sostanze chimiche prodotte da R. mucosa o presenti in alcuni prodotti della pelle possono essere associate a dermatite atopica. Hanno scoperto che i ceppi di R. mucosa di persone con dermatite atopica producevano irritanti della pelle, mentre i ceppi isolati dalla pelle sana producevano sostanze chimiche che possono migliorare la barriera della pelle e aiutare a regolare il sistema immunitario. Inoltre, alcune forme di parabeni – un conservante comune nei prodotti della pelle – e alcuni emollienti topici (idratanti) bloccavano la crescita di R. mucosa nella pelle sanaQuesti risultati suggeriscono che alcuni prodotti possono peggiorare la dermatite atopica e / o influenzare l’efficacia delle terapie basate sul microbioma.

I risultati finali dello studio in corso presso i NIH forniranno le basi per studi più ampi per valutare l’efficacia di questa nuova terapia sperimentale, nonché per comprendere meglio il ruolo di R. mucosa nella dermatite atopica.

Fonte: JCI Insight

Altri articoli su dermatite atopica