HomeSalutePelleDermatite atopica: Upadacitinib trattamento più efficace

Dermatite atopica: Upadacitinib trattamento più efficace

I risultati di uno studio clinico condotto dai ricercatori del Trinity College di Dublino sul trattamento della dermatite atopica sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet (venerdì 21 maggio 2021). I risultati della sperimentazione clinica presso la School of Medicine, il Trinity College e il St James’s Hospital di Dublino hanno dimostrato che il farmaco Upadacitinib è il trattamento più efficace fino ad oggi per questa condizione infiammatoria cronica e recidivante. La ricerca è fondamentale in quanto esiste un bisogno insoddisfatto di terapie che forniscono la remissione dei sintomi nella dermatite atopica da moderata a grave.

La pubblicazione riporta i risultati di efficacia e sicurezza di Upadacitinib rispetto al placebo per il trattamento della condizione da moderata a grave negli adulti e negli adolescenti. Questo fondamentale studio globale di fase 3 ha coinvolto 1.600 pazienti e si è svolto negli ultimi due anni presso il Wellcome Trust / Health Research Board Clinical Research Facility presso il St James’s Hospital.

Vedi anche:Dermatite atopica: la terapia con batteri sembra promettente

- Advertisement -

La dermatite atopica è una condizione infiammatoria cronica e recidivante caratterizzata da un ciclo di intenso prurito che porta alla pelle screpolata, squamosa e trasudante. Colpisce fino a circa il 10% degli adulti e il 25% dei bambini. Tra il 20 e il 46% degli adulti con questa condizione ha una malattia da moderata a grave. La gamma di sintomi pone un carico fisico, psicologico ed economico significativo per le persone colpite dalla malattia.

I risultati mostrano che Upadacitinib è finora il trattamento più efficace per la dermatite atopica negli studi clinici. L’ampiezza dell’effetto del trattamento rispetto al placebo attraverso gli aspetti sfaccettati della dermatite atopica fornisce la prova che una terapia mirata che blocca molteplici vie infiammatorie potrebbe aiutare a soddisfare le sostanziali esigenze insoddisfatte nel trattamento della dermatite atopica da moderata a grave. Questi risultati cardine potrebbero potenzialmente trasformare gli obiettivi del trattamento e gli standard di cura per i pazienti con dermatite atopica da moderata a grave. Il Professor Alan Irvine, School of Medicine, Trinity College e Principal Investigator ha dichiarato: “La dermatite atopica è una comune malattia infiammatoria della pelle che, se grave, ha un impatto molto significativo sulla qualità della vita. Questi risultati sono estremamente incoraggianti e, si spera, offriranno presto un’ulteriore opzione di trattamento per i pazienti. Il successo di questa sperimentazione clinica mostra anche il valore dell’investimento nella nostra struttura di ricerca Trinity presso il St James’s Hospital, il che significa che i pazienti irlandesi hanno accesso a terapie avanzate e gli apprendisti irlandesi medici acquisiscono preziose capacità di ricerca”.

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...