Danni ai nervi nel diabete di tipo 2 possono essere rilevati negli occhi

diabete di tipo 2

Immagine: il Professor Olov Rolandsson viene esaminato con un microscopio speciale. Credit: Ola Nilsson.

Esaminando la cornea dell’occhio con uno speciale microscopio, è possibile diagnosticare entro dieci minuti, il danno ai nervi in una persona con diabete di tipo 2, secondo uno studio condotto tra diabetici a Skelleftea, nel nord della Svezia.

“Anche se attualmente non esiste una cura, è sempre un vantaggio rilevare precocemente  i cambiamenti nei nervi nel diabete di tipo 2 ed quindi importante trovare un metodo diagnostico rapido e sicuro”, afferma il Professor Olov Rolandsson presso il Dipartimento di salute pubblica e medicina clinica all’Università di Umea, responsabile dello studio.

( Vedi anche:Un chimico progetta un nuovo efficace trattamento per il diabete di tipo 2).

Il diabete di tipo 2 può portare a compromissione della funzionalità nervosa. La metà di coloro che hanno avuto il diabete di tipo 2 per più di dieci anni, ha una diminuzione delle funzioni nervose, che di solito inizia dai loro piedi. La diminuzione può essere espressa come ridotta sensibilità o dolore e aumenta il rischio di ferite. A volte la riduzione può anche causare la necessità di un’amputazione. Attualmente non esiste una cura per questo tipo di danno ai nervi e i metodi disponibili finora nelle cliniche per diagnosticare la condizione, non sono del tutto ottimali.

Quando si sviluppa il diabete di tipo 2, le piccole fibre nervose nel sistema nervoso periferico iniziano a perdere la loro funzione anche prima che i sintomi diventino evidenti. Queste piccole fibre nervose periferiche si trovano nella pelle, ma anche nella cornea dell’occhio. Poiché la cornea è trasparente, è un luogo ideale per studiare i danni ai nervi che si verificano nei diabetici.

Nello studio con 82 persone di Skelleftea, con o senza diabete di tipo 2, gli occhi dei partecipanti sono stati esaminati con uno speciale microscopio. Lo studio ha rilevato che la densità del nervo corneale era inferiore nei soggetti con diabete di tipo 2 rispetto ai soggetti sani. Se l’individuo aveva avuto il diabete di tipo 2 per un periodo di tempo più lungo, la densità del nervo era ancora più ridotta.

Lo studio è il primo del suo genere in Svezia. Attraverso la cooperazione tra un gruppo di ricerca svedese e ricercatori in Germania, Italia e Norvegia, è stato sviluppato un metodo per creare immagini in tre dimensioni dei nervi corneali. L‘esame dura solo dieci minuti e non causa alcun disagio ai pazienti. Il team di ricerca ha anche sviluppato un programma di analisi automatizzato che consente di utilizzare il metodo nell’assistenza sanitaria generale. L’esame microscopico della cornea avviene a livello internazionale, ma lo studio Skelleftea è il primo al mondo ad utilizzare l’intero nuovo metodo per valutare il grado di danno ai nervi nei diabetici.

“Ci sono buone condizioni perché questo nuovo metodo diagnostico venga ampiamente introdotto nell’assistenza sanitaria”, afferma Olov Rolandsson.

Olov Rolandsson all’Università di Umea in Svezia ha condotto lo studio Skelleftea, mentre lo studio di sviluppo tecnico e microscopia è stato condotto da Neil Lagali presso l’Università di Linkoping, in Svezia. Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica IOVS, Investigative Ophtalmology & Visual Science.

Fonte: IOVS

Altri articoli su diabete di tipo 2