Medicina AlternativaComposto del luppolo riduce i microbi intestinali associati alla sindrome metabolica

Composto del luppolo riduce i microbi intestinali associati alla sindrome metabolica

Luppolo-Immagine Credit Public Domain-

I ricercatori hanno dimostrato in un modello murino e in colture di laboratorio che un composto derivato dal luppolo riduce l’abbondanza di un batterio intestinale associato alla sindrome metabolica.

I risultati dello studio, pubblicati oggi sulla rivista Microbiome, sono importanti perché si stima che il 35% della popolazione adulta statunitense soffre della sindrome, una condizione comune e grave legata a disfunzione cognitiva e demenza, oltre ad essere un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Una dieta ricca di grassi saturi provoca un’infiammazione cronica di basso grado nel corpo che a sua volta porta allo sviluppo della sindrome metabolica.

Si ritiene che i pazienti abbiano la sindrome metabolica se presentano almeno due dei seguenti sintomi: obesità addominale, pressione alta, glicemia alta, bassi livelli di colesterolo “buono” e alti livelli di trigliceridi.

I ricercatori dell’OSU studiano da anni i potenziali benefici per la salute dello xantumolo, una sostanza chimica presente nel luppolo e dei suoi derivati, incluso il tetraidroxantumolo. Quest’ultimo è comunemente abbreviato in TXN, il primo in XN.

L’XN è un polifenolo, un tipo di composto organico abbondante presente nelle piante e utilizzato da millenni dai professionisti della medicina tradizionale. L’XN è uno dei flavonoidi (prodotti naturali presenti nella frutta, nella verdura, nei cereali, nella corteccia, nelle radici, negli steli, nei fiori, nel tè e nel vino) ben noti per i loro effetti positivi sulla salute.

Nello studio più recente, Andrey Morgun dell’OSU College of Pharmacy, Natalia Shulzhenko del Carlson College of Veterinary Medicine e Adrian Gombart del Linus Pauling Institute and College of Science hanno dimostrato che il TXN può combattere la sindrome metabolica riducendo la popolazione di Oscillibacter, specie all’interno del microbioma intestinale.

Più di 10 trilioni di cellule microbiche provenienti da circa 1.000 specie batteriche diverse compongono il microbioma intestinale umano, la comunità di microrganismi nel tratto digestivo.

I ricercatori hanno utilizzato un nuovo metodo computazionale sviluppato in precedenza da Morgun e Shulzhenko, l’analisi della rete transkingdom, per scoprire il meccanismo di TXN per migliorare la sindrome metabolica. L’analisi prevede quali tipi di batteri controllano l’espressione dei geni dei mammiferi collegati a specifiche condizioni mediche.

Abbiamo scoperto che TXN agisce principalmente riducendo l’abbondanza di microbi intestinali che promuovono l’infiammazione nelle cellule macrofagiche del tessuto adiposo e migliorando il metabolismo del glucosio“, ha detto Morgun.

Le cellule macrofagiche sono grandi cellule che fanno parte del sistema immunitario. Il metabolismo del glucosio, la capacità del corpo di convertire lo zucchero in carburante, generalmente subisce un rallentamento quando una persona diventa obesa, il che a sua volta può portare la persona a diventare sempre più sovrappeso.

Un metabolismo difettoso del glucosio influisce negativamente anche sulla fisiologia del cervello ed è alla base di molteplici condizioni mediche, tra cui il diabete e le malattie cardiache.

Quando esposti a una dieta ricca di grassi comune alla sindrome metabolica, i batteri Oscillibacter aiutano a stimolare l’infiammazione del tessuto adiposo che guida la sindrome“, ha detto Morgun. “Il TXN serve a limitare il numero delle specie di Oscillibacter“.

La ricerca fa parte di un più ampio sforzo di collaborazione guidato da Gombart, Fred Stevens dell’OSU College of Pharmacy e Claudia Maier del College of Science, che stanno esplorando modi per migliorare la salute umana, in particolare per quanto riguarda la dieta e l’obesità, attraverso composti del luppolo.

Leggi anche:Luppolo: i suoi composti possono proteggere dall’Alzheimer

Poco più di un anno fa, Morgun e Shulzhenko hanno pubblicato una ricerca che mostrava il legame dell’Oscillibacter e del tessuto adiposo con il diabete di tipo 2, una scoperta che ora suggerisce che TXN potrebbe essere in grado di aiutare a trattare anche quella condizione.

Fonte:Microbiome

Newsletter

Tutti i contenuti di medimagazine ogni giorno sulla tua mail

In primo piano

Articoli correlati

ALTRE NOTIZIE