Alcuni batteri possono causare la steatosi epatica non alcolica

steatosi epatica non alcolica

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) o malattia del fegato grasso è l’accumulo di grasso nel fegato a causa di fattori diversi dall’alcol. Colpisce circa un quarto della popolazione adulta a livello globale, ma la sua causa rimane sconosciuta.

Ora, i ricercatori hanno collegato NAFLD ai batteri intestinali che producono una grande quantità di alcol nel corpo, trovando questi batteri in oltre il 60% dei pazienti con fegato grasso non alcolico.

I risultati dello studio, pubblicati il ​​19 settembre sulla rivista Cell Metabolism, potrebbero aiutare a sviluppare un metodo di screening per la diagnosi precoce e il trattamento del fegato grasso non alcolico.

“Siamo rimasti sorpresi dal fatto che i batteri possano produrre così tanta alcol”, afferma l’autore principale Jing Yuan del Capital Institute of Pediatrics. “Quando il corpo è sovraccarico e non riesce a scomporre l’alcool prodotto da questi batteri, puoi sviluppare una malattia del fegato grasso anche se non bevi alcolici”.

Yuan e il suo team hanno scoperto il legame tra i batteri intestinali e NAFLD quando hanno incontrato un paziente con gravi danni al fegato e una rara condizione chiamata Auto-Brewery Syndrome (ABS). I pazienti con ABS si ubriacherebbero dopo aver mangiato cibi senza alcool e ricchi di zuccheri. La condizione è stata associata all’infezione del lievito, che può produrre alcol nell’intestino e portare a intossicazione.

“Inizialmente pensavamo che fosse a causa del lievito, ma il risultato del test per questo paziente è stato negativo”, afferma Yuan. Anche la medicina anti-lievito non ha funzionato, quindi sospettavamo che la sua malattia potesse essere causata da qualcos’altro“.

Analizzando le feci del paziente, il team ha scoperto che aveva diversi ceppi di batteri Klebsiella pneumoniae nell’intestino che producevano alti livelli di alcol. La K. è un tipo comune di batteri intestinali commensali. Tuttavia, i ceppi isolati dall’intestino del paziente possono generare circa 4-6 volte più alcol rispetto ai ceppi trovati nelle persone sane.

Inoltre, il team ha campionato il microbiota intestinale da 43 pazienti NAFLD e 48 persone sane. I ricercatori hanno scoperto che circa il 60% dei pazienti con NAFLD aveva livelli alti di Klebsiella pneumoniae che produce alcol nell’intestino, mentre solo il 6% dei controlli sani porta questi ceppi.

Per indagare se la Klebsiella potesse causare la malattia del fegato grasso, i ricercatori hanno nutrito topi privi di germi con alti livelli di K. per 3 mesi. Questi topi hanno iniziato a sviluppare fegato grasso dopo il primo mese. Entro 2 mesi, i loro fegati hanno mostrato segni di cicatrici, il che significa che era stato fatto un danno epatico a lungo termine. La progressione della malattia epatica in questi topi era paragonabile a quella dei topi nutriti con alcool. Quando il team ha somministrato ai topi nutriti con batteri un antibiotico che ha ucciso la Klebsiella,  le loro condizioni sono state invertite.

Vedi anche, Nuovo percorso combatte la steatosi epatica non alcolica.

“NAFLD è una malattia eterogenea e può avere molte cause”, afferma Yuan. “Il nostro studio mostra che è molto probabile che questi batteri danneggiano il fegato così come l’alcool, tranne per il fatto che non hai scelta”.

Non è noto il motivo per cui alcune persone hanno un ceppo di Klebsiella che produce alcol elevato nell’intestino, mentre altre no.

“È probabile che questi batteri particolari entrino nel corpo delle persone attraverso alcuni vettori dell’ambiente, come il cibo”, afferma il coautore Di Liu dell’Accademia cinese delle scienze. “Ma non credo che i portatori siano prevalenti, altrimenti ci aspetteremmo un tasso molto più alto di NAFLD. Inoltre, alcune persone potrebbero avere un ambiente intestinale più adatto alla crescita e alla colonizzazione della Klebsiella rispetto ad altre a causa della loro genetica. Non capiamo quali fattori rende qualcuno più suscettibile a questo particolare batterio ed è quello che vogliamo scoprire”.

“Questa scoperta potrebbe anche aiutare a diagnosticare e trattare la NAFLD correlata ai batteri”, afferma Yuan. Poiché la Klebsiella produce alcool usando lo zucchero, i pazienti che trasportano questi batteri potrebbero avere una quantità rilevabile di alcol nel sangue dopo aver bevuto una semplice soluzione di glucosio. “Nelle prime fasi, la malattia del fegato grasso è reversibile. Se riuscissimo a identificare la causa prima, potremmo trattare e persino prevenire danni al fegato”.

“Avere questi batteri nell’intestino significa che il tuo corpo è costantemente esposto all’alcol”, afferma Liu.

Fonte, Cell Metabolism



Altri articoli su steatosi epatica non alcolica