Una rivoluzione nell’immunoterapia

immunoterapia

Immagine, Cellula tumorale durante la divisione cellulare. Credito: National Institutes of Health.

Una comprensione più profonda del ruolo del sistema immunitario nel controllo del cancro ha contribuito a guidare “una rivoluzione nell’immunoterapia“, offrendo speranza a molti pazienti con tumori precedentemente incurabili, compresi i bambini.

La valutazione, condotta da due medici della Stanford University, fa parte della loro più ampia analisi sulle lezioni apprese da “La prima tappa del viaggio delle cellule T CAR”.

La terapia con cellule T CAR è un tipo di trattamento per i tumori del sangue. Il trattamento a singola infusione si basa sulle cellule del sistema immunitario di un paziente utilizzate per combattere il cancro.

I primi test di laboratorio nei primi anni 2000, seguiti da centinaia di studi clinici, hanno dimostrato che il reclutamento di soldati cellulari chiave del sistema immunitario, può combattere il cancro in modo estremamente personalizzato. CAR T, che coinvolge le cellule T sovralimentate, è solo una di un numero crescente di immunoterapie tumorali che hanno dimostrato come i componenti del sistema immunitario possono essere sfruttati.

I Drs. Robbie Majzner e Crystal Macknall del Stanford University Medical Center hanno valutato la terapia con cellule T CAR sulla base di dati clinici che sono stati finora accumulati.

Due farmaci a base di cellule T CAR sono stati approvati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti: a Kymriah (tisaglenlecleucel), un prodotto Novartis, è stato dato il via libera nell’agosto 2017, seguito da Yescarta (axicabtagene ciloleucel) nell’ottobre dello stesso anno. Yescarta è stato sviluppato da Kite Pharmaceuticals in California, una divisione di Gilead Sciences, Inc.

Kymriah è stato progettato per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta a cellule B (B-ALL) in soggetti di età pari o inferiore a 25 anni le cui neoplasie non hanno risposto alla terapia precedente. Yescata si rivolge agli adulti con tumori a cellule B che non hanno risposto al trattamento convenzionale.

L’emergere della terapia con le cellule T CAR è stata salutata come un “miracolo” per il trattamento del cancro grazie ai risultati che questa forma di trattamento ha su alcuni pazienti, in particolare i bambini.

Tuttavia, la terapia con cellule T CAR, come ogni forma di trattamento del cancro, è straordinariamente complessa, come sottolineato da Majzner e Mackall nella loro analisi, pubblicata sulla rivista Nature Medicine.

Alcuni pazienti hanno una risposta robusta alla terapia infusa; altri soffrono di ricadute. Alcune forme di cancro, in particolare i tumori solidi, non rispondono altrettanto bene alla terapia CAR T come i tumori del sangue, ma gli attuali svantaggi associati alla terapia con cellule T CAR potrebbero non persistere nel futuro, sostengono Majzner e Mackall.

“L’istologia della malattia è emersa come uno dei principali fattori che influenzano gli esiti dopo il trattamento con le cellule T CAR”, hanno riferito Majzner e Mackall sulla rivista. Majzner è un assistente Professore di pediatria nella divisione di ematologia e oncologia. Mackall detiene il titolo di Professore di pediatria e medicina all’ Ernest e Amelia Gallos.

“Sebbene i risultati delle cellule T CAR nei tumori solidi non siano stati così robusti, diversi primi segni di efficacia clinica nelle sperimentazioni sull’uomo suggeriscono il successo imminente”, hanno scritto i ricercatori. “Un’ulteriore comprensione dei fattori che influenzano la risposta e la resistenza stanno guidando lo sviluppo di terapie CAR di prossima generazione che si prevede che possano mediare una maggiore efficacia sia nei tumori ematologici che nei tumori solidi”.

Vedi anche,Studio scopre un gene che nasconde le cellule tumorali all’ immunoterapia.

CAR T sta per cellule T del recettore dell’antigene chimerico. È una forma di immunoterapia del cancro che comporta il rafforzamento delle cellule T di un paziente che vengono prelevate da un campione di sangue. Alcuni esperti considerano il trattamento CAR T come terapia cellulare, terapia genica e immunoterapia riunite in una sola.

Dopo che le cellule di un paziente sono state prelevate, vengono modificate in laboratorio per riconoscere e attaccare il cancro attraverso un processo di modifica genetica che induce le cellule T a esprimere un recettore sulla loro superficie. Il recettore speciale è noto come recettore dell’antigene chimerico o CAR. Il recettore delle cellule è progettato per legarsi a una proteina delle cellule tumorali nota come CD19.

Una volta alterate in laboratorio, le cellule T vengono espanse in un piccolo esercito e quindi reinfuse nel paziente. Alcuni medici si riferiscono alle cellule T appositamente armate come “farmaci viventi” perché combattono il cancro tutto il giorno.

Nella loro valutazione di studi precedenti, Majzner e Mackall hanno scoperto che sono state ottenute risposte complete nel 60-93% dei pazienti in diversi studi. Allo stesso modo, è stata trovata una percentuale di risposta completa del 73% per i pazienti pediatrici con B-ALL quando ai pazienti è stata somministrata una dose bioattiva.

Mentre la terapia CAR T induce un alto tasso di risposta completa nella leucemia linfoblastica acuta a cellule B o B-ALL, Majzner e Mackall hanno scoperto nelle loro analisi che la valutazione di follow-up a lungo termine dei pazienti “ha rivelato alti tassi di recidiva che limitano complessivamente successo“.

“Nel tumore noto come linfoma a grandi cellule B o LBCL, il trattamento con CAR T induce tassi di risposta completi più bassi, ma le ricadute sono rare, con conseguenti tassi simili di controllo a lungo termine della malattia rispetto alla B-ALL”, affermano i medici.

La terapia con cellule T CAR è stata introdotta dagli scienziati medici Isabelle Rivière, Michel Sadelain e Renier Brentjens del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York City.

Le scoperte rivoluzionarie del team hanno portato a studi clinici negli Stati Uniti e altrove che hanno coinvolto pazienti pediatrici e adulti. Sia i bambini che gli adulti, come hanno notato Majzner e Mackall, hanno avuto solidi tassi di remissione negli studi clinici senza la necessità di un trattamento aggiuntivo. Detto questo, i costi rimangono una preoccupazione per Kymriah e Yescarta. Entrambi i trattamenti sono costosi. Kymriah costa circa $ 475.000 per la singola infusione; Yescarta costa circa $ 373.000.

Fonte, Nature


Altri articoli su immunoterapia