HomeSaluteCervello e sistema nervosoVitamina D: la carenza può portare alla demenza

Vitamina D: la carenza può portare alla demenza

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domain).

La demenza è una diminuzione del funzionamento cognitivo con una perdita della capacità di ricordare, pensare, risolvere problemi o prendere decisioni e può progredire al punto da interferire con le attività quotidiane. È un termine ampio, piuttosto che una malattia specifica. Il morbo di Alzheimer è un tipo specifico di demenza e il più comune, con 6 milioni di americani colpiti secondo l’Alzheimer’s Association.

Non è un normale segno dell’invecchiamento, anche se colpisce principalmente gli anziani di almeno 65 anni di età. Secondo il CDC, quasi 14 milioni di americani soffriranno di demenza entro il 2060.

- Advertisement -

La demenza è una delle principali cause di disabilità e dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo, influenzando il pensiero e i comportamenti con l’età. Ma cosa accadrebbe se potessi fermare questa malattia degenerativa?

Un primo studio al mondo dell’Università dell’Australia Meridionale in una nuova ricerca genetica mostra un legame diretto tra la demenza e la mancanza di vitamina D.

Indagando sull’associazione tra vitamina D, caratteristiche di neuroimaging e rischio di demenza e ictus, lo studio ha rilevato che:

  • bassi livelli di vitamina D erano associati a volumi cerebrali inferiori e ad un aumentato rischio di demenza e ictus,
  • le analisi genetiche hanno supportato un effetto causale della carenza di vitamina D e della demenza,
  • in alcune popolazioni, fino al 17% dei casi di demenza potrebbe essere prevenuto portando tutti a livelli normali di vitamina D (50 nmol/L).

La demenza è una sindrome cronica o progressiva che porta al deterioramento della funzione cognitiva. Circa 487.500 di australiani vivono con la demenza ed è la seconda causa di morte nel Paese. A livello globale, più di 55 milioni di persone soffrono di demenza con 10 milioni di nuovi casi diagnosticati ogni anno.

- Advertisement -

Supportato dal National Health and Medical Research Council, lo studio genetico ha analizzato i dati di 294.514 partecipanti della biobanca britannica, esaminando l’impatto dei bassi livelli di vitamina D (25 nmol/L) e il rischio di demenza e ictus. La randomizzazione mendeliana non lineare (MR) – un metodo per utilizzare la variazione misurata nei geni per esaminare l’effetto causale di un’esposizione modificabile sulla malattia – è stata utilizzata per testare la causalità sottostante per esiti di neuroimaging, demenza e ictus.

La Prof.ssa Elina Hyppönen, ricercatrice senior e Direttrice dell’Australian Center for Precision Health dell’UniSA, afferma che i risultati dello studio sono importanti per la prevenzione della demenza e dimostra la necessità di abolire la carenza di vitamina D.

“La vitamina D è un precursore dell’ormone che è sempre più riconosciuto per gli effetti diffusi, anche sulla salute del cervello, ma fino ad ora è stato molto difficile esaminare cosa accadrebbe se potessimo prevenire la carenza di questa vitamina”, afferma il Prof. Hyppönen. “Il nostro studio è il primo a esaminare l’effetto di livelli molto bassi di vitamina D sui rischi di demenza e ictus, utilizzando solide analisi genetiche su una vasta popolazione.

Vedi anche:Perchè la vitamina D è così importante per la salute?

“In alcuni contesti, in cui la carenza di vitamina D è relativamente comune, i nostri risultati hanno importanti implicazioni sui rischi di demenza. In effetti, in questa popolazione del Regno Unito abbiamo osservato che fino al 17% dei casi di demenza avrebbe potuto essere evitato aumentando i livelli di vitamina D per rientrare in un intervallo normale”.

I risultati dello studio sono incredibilmente significativi data l’elevata prevalenza di demenza in tutto il mondo.

“La demenza è una malattia progressiva e debilitante che può devastare gli individui e le famiglie allo stesso modo”, afferma il Professor Hyppönen. “Se siamo in grado di cambiare questa realtà assicurandoci che nessuno di noi sia gravemente carente di vitamina D, avremmo anche ulteriori benefici e potremmo cambiare la salute e il benessere di migliaia di persone”.

“È probabile che la maggior parte di noi stia bene, ma per chiunque per qualsiasi motivo potrebbe non ricevere abbastanza vitamina D dal sole, le modifiche alla dieta potrebbero non essere sufficienti e potrebbe essere necessaria un’integrazione”.

Fonte:The American Journal of Clinical Nutrition 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...