Home Salute Virus e parassiti Virus dell'herpes simplex: nuove relazioni tra epidemiologia e storia

Virus dell’herpes simplex: nuove relazioni tra epidemiologia e storia

Immagine, Credit: Wikipedia
Gli scienziati hanno rivisto la datazione della dispersione virale dall’Africa: non si è verificata durante le antiche migrazioni “fuori dall’Africa”, ma piuttosto, da eventi più recenti, incluso il commercio di schiavi transatlantici del XVIII secolo.
Un team di ricerca italiano ha affinato la storia e le origini di due patogeni estremamente comuni nelle popolazioni umane, il virus dell’herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2.
Come molti di noi potrebbero sperimentare, letteralmente sulla propria pelle, il comune virus dell’herpes simplex di tipo 1 è una causa primaria di lesioni orofacciali. La forma meno diffusa, il virus dell’herpes simplex di tipo 2, è generalmente responsabile dell’herpes genitale. Entrambi i virus possono anche causare malattie molto gravi, tra cui l’encefalite non epidemica e l’infezione da herpes neonatale. In quest’ultimo caso, il virus viene generalmente trasmesso dalla madre durante il parto e le conseguenze possono essere estremamente gravi per il bambino.
Per comprendere meglio le origini del virus, il team di ricerca ha dimostrato che la storia evolutiva di questi due virus è diversa e più complessa di quanto si pensasse in precedenza.
“Abbiamo analizzato la diversità dei due virus in relazione alla loro origine geografica”, spiega il ricercatore Diego Forni, “e ciò che abbiamo notato è che i virus derivanti da continenti distinti non erano particolarmente diversi, un’osservazione non coerente con l’ipotesi di un migrazione antica. I nostri dati, tuttavia, indicavano chiaramente che i due virus erano originari dell’Africa. Pertanto abbiamo ritenuto necessario stimare quando i ceppi virali che circolano oggi tra le popolazioni umane hanno lasciato il continente africano “.
Lo studio, condotto all’IRCCS Medea in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, è stato appena pubblicato nell’edizione online avanzata di Biologia molecolare ed evoluzione.
Proprio come per altri virus appartenenti alla famiglia degli Herpesviridae(ad es. Virus che causano la varicella e la mononucleosi), i virus dell’herpes simplex di tipo 1 e 2 sono molto simili ai virus che infettano le grandi scimmie africane. In molti casi questi virus si sono evoluti insieme ai loro ospiti e hanno infettato la nostra specie da quando è nata in Africa. Ad oggi, l’Africa rimane il continente in cui prevalgono i virus dell’herpes simplex di tipo 1 e 2. Ciò ha dato origine all’ipotesi che i ceppi virali che ci contagiano oggi abbiano lasciato l’Africa in tempi molto antichi. Si pensava che ciò coincidesse con il grande evento migratorio “Fuori dall’Africa” ​​che, circa 60.000 anni fa, portò gli umani a popolare tutti gli altri continenti.
“Recentemente, grazie allo studio dei virus trovati nei resti archeologici, la comunità scientifica ha una migliore conoscenza della velocità con cui si evolvono le specie virali “, ha detto la coautrice dello studio Manuela Sironi.” Pertanto, possiamo usare metodi piuttosto precisi che consentono datazione di origine virale e dispersione. Applicando questi metodi, abbiamo stimato che i ceppi circolanti del virus dell’herpes simplex di tipo 1 sono emigrati dall’Africa circa 5000 anni fa. L’uscita dall’Africa del virus dell’herpes simplex di tipo 2 è ancora più recente e probabilmente si è verificata nel XVIII secolo “.
Il risultato dell’herpes di tipo 2 tracciano un legame tra i dati epidemiologici e un importante evento storico: l‘apice del commercio di schiavi transatlantici. In questo secolo, milioni di persone furono deportate dall’Africa alle Americhe. Molto probabilmente, questa atroce migrazione forzata umana ha anche portato alla diffusione iniziale del virus dell’herpes simplex di tipo 2 nelle Americhe. In effetti, la prevalenza del virus è più elevata in questo continente che altrove ed è seconda solo all’Africa.
E il virus dell’herpes simplex di tipo 2 non è probabilmente l’unico agente patogeno introdotto nel continente americano a seguito del commercio di schiavi. Precedenti studi hanno dimostrato che lo stesso è accaduto per il virus della febbre gialla e per un verme parassitario (Schsitosoma mansoni). Per ragioni ecologiche questi agenti patogeni sono rimasti confinati in aree tropicali o subtropicali. Il virus dell’herpes simplex di tipo 2, invece, non ha trovato barriere alla diffusione planetaria.

ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...