HomeSaluteVirus e parassitiUna nuova classe di farmaci cura l'infezione da virus herpes simplex-1

Una nuova classe di farmaci cura l’infezione da virus herpes simplex-1

Immagine: occhi di topo in fettati da  virus herpes simplex-1 (HSV-1) nel terzo giorno e settimo giorno (pannello di sinistra), con sintomi peggiorati al settimo giorno. Al contrario, gli occhi trattati con TFT e BX795 (pannelli centrali e di destra) sono rimasti sani.

Per i pazienti con il virus herpes simplex-1 (HSV-1), ci sono solo pochi farmaci disponibili per trattare la condizione dolorosa che può colpire gli occhi, la bocca e i genitali.

Se i pazienti sviluppano resistenza a questi farmaci, ci sono ancora meno scelte per trattare l’infezione che dura per tutta la vita.

- Advertisement -

I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago hanno ora identificato una piccola molecola  in grado di eliminare l’infezione da virus herpes simplex-1  nelle cellule della cornea. Il farmaco che utilzza la molecola, funziona in modo completamente diverso rispetto ai farmaci attualmente disponibili e questo lo rende un’opzione promettente per i pazienti che hanno sviluppato la farmaco-resistenza.

( Vedi anche: Progettato un vaccino efficace contro gli herpes simplex virus).

I ricercatori ritengono che il farmaco potrebbe essere ugualmente efficace nel trattamento dell’HSV-1 della bocca e dell’HSV-2, che colpisce principalmente i genitali e forse anche di altre infezioni virali come l’HIV.

I risultati dello sono stati riportati nella rivista Science Translational Medicine.

- Advertisement -

L’HSV-1 è uno dei patogeni umani più comuni e colpisce tra il 50 e il 90% delle persone in tutto il mondo. Il virus infetta principalmente la bocca e gli occhi, anche se i casi di infezione ai genitali  da HSV-1 sono in aumento. Il virus viene trasmesso attraverso fluidi corpore e causa un’infezione permanente che porta a piaghe nei tessuti affetti quando è attivo e si nasconde nelle cellule nervose durante la sua fase latente. L’infezione può essere temporaneamente eliminata negli occhi con farmaci antivirali orali e topici, ma l’infiammazione della cornea può persistere indefinitamente, richiedendo un trattamento continuo con colliri a base di steroidi. L’infezione da virus herpes simplex-1 è una delle principali cause di cecità infettiva negli Stati Uniti.

I farmaci attualmente disponibili per il trattamento dell’infezione da HSV-1 impediscono al virus di produrre le proteine ​​necessarie per replicare e sono noti come analoghi nucleosidici. La resistenza è un problema significativo con l’uso continuo di analoghi nucleosidici che se applicati localmente nell’occhio, possono causare gravi effetti collaterali incluso il glaucoma.

“Abbiamo bisogno di farmaci alternativi che lavorino su nuovi bersagli per un tempo molto lungo perché i pazienti che sviluppano resistenza agli analoghi nucleosidici hanno pochissime buone opzioni per curare la loro infezione”, hanno detto Deepak Shukla, Professore di oftalmologia e Professore di microbiologia e Marion Schenk  Professore di immunologia presso la UIC College of Medicine e corrispondente autore dell’articolo. “Abbiamo trovato una molecola che funziona in modo totalmente nuovo: invece di lavorare sul virus, funziona nelle cellule ospiti e le aiuta a liberarsi del virus“.

Shukla e colleghi hanno scoperto che una piccola molecola chiamata BX795, venduta ai laboratori per l’uso in esperimenti, ha contribuito a eliminare l’infezione da HSV-1 nelle cellule delle cornee umane coltivate, nelle cornee umane donate e nelle cornee dei topi infettati da HSV-1 . I ricercatori sono stati piuttosto sorpresi dalla loro scoperta perché BX795 è noto come inibitore di TBK1, un enzima coinvolto nell’immunità innata e nella neuroinfiammazione. Quando TBK1 viene soppresso nelle cellule, l’infezione viene effettivamente promossa. Ma quando i ricercatori hanno aggiunto concentrazioni più elevate di BX795 a cellule delle cornee umane in coltura infettate con HSV-1, l’infezione è stata rapidamente eliminata. Hanno avuto lo stesso risultato in cornee umane intatte e nei topi i cui occhi erano stati infettati da HSV-1.

“Questo non è quello che ci aspettavamo”, ha detto Tejabhiram Yadavalli, un borsista che studia il virus dell’herpes presso la UIC e coautore dell’articolo. “Invece di promuovere l’infezione, a concentrazioni più elevate, BX795 ha effettivamente aiutato le cellule a ripulirsi dall’infezione”.

Inoltre, la concentrazione di BX795 necessaria per cancellare l’infezione da  HSV-1 è piuttosto bassa.

“Abbiamo visto la clearance del virus a concentrazioni di BX795 cinque volte più basse delle concentrazioni di composti antivirali negli analoghi nucleosidici disponibili”, ha detto Shukla.

I ricercatori hanno anche scoperto che BX795 agisce solo nelle cellule infettate dal virus HSV-1.

“Non c’era alcuna tossicità rilevabile o effetti collaterali negativi da concentrazioni terapeutiche nelle cellule che non sono infette dal virus”, ha detto Shukla.

“Poiché BX795 si rivolge a un percorso comune che molti virus usano per replicare all’interno della cellula, la molecola potrebbe essere un nuovo tipo di antivirale ad ampio spettro che potrebbe essere usato per trattare altre infezioni virali , tra cui HSV-2, che colpisce principalmente i genitali e HIV, anche se non l’abbiamo ancora testato su virus diversi da HSV-1. “

“Sarà molto eccitante passare presto ad una sperimentazione clinica”, ha detto Alex Agelidis, uno studente laureato alla UIC e co-autore dell’articolo. ” Grazie alla bassa tossicità, BX795 ha un grande potenziale per l’uso sistemico e per l’applicazione topica”.

Fonte: Science Translational Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Oggi, Giornata Nazionale contro le leucemie, linfomi e mieloma

Come ogni anno il  21 giugno, al solstizio d’estate, AIL celebra la Giornata Nazionale per la lotta contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma. Un’occasione per...

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal). In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i...

Batteri intestinali proteggono l’intestino da SARS-CoV-2

(Batteri intestinali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Yonsei University in Corea del Sud hanno scoperto che alcuni batteri intestinali che risiedono nell'intestino umano producono...

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli...

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...