Università della Florida del sud: SARS-CoV-2 probabilmente colpisce più bambini del previsto

0
5

Immagine: numero cumulativo di pazienti pediatrici confermati COVID-19 in terapia intensiva negli Stati Uniti dal 18 marzo al 6 aprile 2020. Credit: University of South Florida

Il numero di bambini infettati dal coronavirus SARS-CoV-2 è molto più ampio di quanto riportato attualmente: un dettaglio nascosto che potrebbe ampiamente sottovalutare la domanda di sistemi sanitari e unità di terapia intensiva pediatrica (PICU).

Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Public Health Management and Practice dell’Università della Florida del Sud (USF) e dell’Istituto femminile per l’indagine sociale indipendente (WiiSE), stima che per ogni bambino che necessita di terapia intensiva per COVID-19, ci sono 2.381 bambini infettati dal virus. Questo calcolo segue un rapporto del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie in merito al suo studio clinico su oltre 2.100 bambini in Cina con COVID-19.
Secondo il registro nordamericano, Virtual PICU Systems,74 bambini negli Stati Uniti sono stati ammessi ai PICU tra il 18 marzo e il 6 aprile, segnalando che altri 176.190 bambini sono stati probabilmente infettati durante questo periodo di tempo. I bambini di età inferiore ai 2 anni rappresentavano il 30 percento dei casi, il 24 percento aveva un’età compresa tra 2 e 11 anni e il 46 percento dei casi PICU erano bambini di età compresa tra 12 e 17 anni. I ricercatori affermano che se fino al 25 percento della popolazione americana viene infettata dal nuovo coronavirus prima della fine del 2020, 50.000 bambini con malattie gravi dovranno essere ricoverati in ospedale, con 5.400 dei quali gravemente malati e che necessitano di ventilazione meccanica. I rapporti clinici indicano che la durata media della degenza pediatrica in COVID-19 è di 14 giorni. Secondo un’indagine nazionale volta a valutare la capacità di terapia intensiva pediatrica degli Stati Uniti e pubblicata su Critical Care Medicine, ci sono circa 5.100 posti letto PICU degli Stati Uniti.
COVID-19 possibly striking more children than expected
Immagine: numero stimato stimato di bambini infetti da SARS-CoV-2 negli Stati Uniti dal 18 marzo al 6 aprile 2020. Credito: Università della Florida del Sud
“Sebbene il rischio di malattie gravi da COVID-19 sia inferiore nei casi pediatrici rispetto agli adulti, gli Ospedali dovrebbero essere preparati e disporre delle attrezzature e dei livelli di personale adeguati per far fronte a un potenziale afflusso di pazienti più giovani”, ha affermato l’autore Jason Salemi, Professore associato di epidemiologia presso l’USF College of Public Health. “I funzionari governativi e i decisori politici dovrebbero comprendere la probabilità di problemi di capacità, il che sottolinea l’importanza di strategie di mitigazione efficaci come il lavaggio delle mani frequente e approfondito e le misure di allontanamento sociale persistenti”.
 
COVID-19 possibly striking more children than expected
Immagine: numero previsto di bambini di età compresa tra 0 e 17 anni negli Stati Uniti che richiederanno il ricovero per COVID-19 durante il 2020. Credit: University of South Florida.
I ricercatori sottolineano che il tasso di infezione sarà molto più elevato per i bambini delle famiglie a basso reddito con genitori che lavorano da casa. Vi è anche un rischio maggiore per i bambini che vivono in progetti di edilizia pubblica urbana a causa della stretta vicinanza di unità abitative e piccole aree ricreative comuni. Il CDC inizia a riportare i casi confermati di COVID-19 in tabelle specifiche per età, usando i gruppi di età standard di 5 anni per la sorveglianza della salute e rende i dati disponibili al pubblico.