Come una specifica popolazione di linfociti promuove la malattia autoimmune

0
6

Immagine: Figure 1. Credit: Karolinska Institutet

I ricercatori del Karolinska Institutet, in collaborazione con un laboratorio di San Antonio negli Stati Uniti, hanno scoperto come una specifica popolazione di linfociti promuove la malattia autoimmune rinunciando al loro ruolo regolatorio nel sistema immunitario.

La ricerca che ha recentemente scoperto questo meccanismo è stata pubblicata in PNAS dal Dr. Saikiran Sedimbi e dal Prof. Mikael Karlsson.

La malattia autoimmune è il risultato di uno squilibrio del sistema immunitario che include la rottura di diversi meccanismi che normalmente prevengono la malattia. I gruppi che lavorano presso Biomedicum hanno scoperto che una popolazione di cellule che normalmente bloccano l’autoimmunità può cambiare funzione per promuovere invece la malattia. Ciò è dovuto a una combinazione di infiammazione e stimolazione specifica attraverso i glicolipidi.

Lo studio mostra che un gruppo di linfociti noti come cellule iNKT, che normalmente impediscono alle cellule B autoreattive di secernere anticorpi patogeni, ha perso questa capacità e ha invece assunto il ruolo di supportare queste cellule B. 

Il team ha identificato un interruttore nelle cellule iNKT quando sono state stimolate con l’agonista glicolipidico alfa-galattosilceramide (aGalCer) e la citochina infiammatoria IL-18. Le cellule iNKT hanno mostrato livelli più bassi del fattore di trascrizione GATA3 e contemporaneamente un aumento del fattore di trascrizione BCL6, insieme all’espressione della superficie cellulare di CXCR5 e PD-1, un fenotipo del linfocita T helper. Questo fenotipo ha promosso le risposte delle cellule B del centro germinale che hanno portato al passaggio di classe immunoglobulina (Ig).

Vedi anche: Nuova terapia tratta la malattia autoimmune senza danneggiare il sistema immunitario

Gli autori hanno anche osservato un aumento degli anticorpi anti-DNA autoreattivi appartenenti alle sottoclassi IgG2b, IgG3 e IgE. Utilizzando un sistema reporter in cui le cellule B che subiscono la risposta del centro germinale sovrastano i marcatori specifici umani, gli autori dimostrano che la stimolazione glicolipidica e infiammatoria combinata delle cellule iNKT in vivo, porta a un maggior numero di cellule B che subiscono la risposta GC. Inoltre, normalmente le cellule iNKT regolatorie interagiscono con i neutrofili per regolare le cellule B, ma gli autori hanno scoperto che questa interazione è stata persa durante questo cambio di funzione (Figura 1). Per convalidare che questo passaggio nelle cellule iNKT era sufficiente per guidare l’autoimmunità, il team ha utilizzato un modello per l’artrite indotta da collagene, in cui la co-somministrazione di aGalCer e IL-18 ha provocato la comparsa precoce di AR e un aumento dell’attivazione delle cellule immunitarie.

Questi risultati mostrano come si possono verificare malattie autoimmuni e come i meccanismi di sicurezza nel sistema immunitario possono essere interrotti. Inoltre, fornisce le conoscenze che possono essere utilizzate per ripristinare l’equilibrio e trattare l’autoimmunità.

Fonte: PNAS