Il laboratorio di Wuhan al centro di una controversia sulla diffusione di SARS-CoV-2

0
4

Immagine: Istituto di virologia di Wuhan.

Annidato nella periferia collinare di Wuhan, la città nel cuore della crisi del coronavirus SARS-CoV-2, un laboratorio cinese di biosicurezza ad alta sicurezza è ora oggetto di affermazioni statunitensi che potrebbe essere la culla della pandemia.

Scienziati cinesi hanno affermato che il virus è probabilmente passato da un animale agli umani in un mercato che vendeva animali selvatici a Wuhan, ma l’esistenza del laboratorio ha alimentato le teorie della cospirazione che vedono la struttura come responsabile della diffusione del virus. Negli Stati Uniti  il Segretario di Stato Mike Pompeo afferma che i funzionari statunitensi stanno facendo una “indagine completa” su come il virus “si è presentato nel mondo”.

Ecco alcune domande chiave sull’Istituto di virologia di Wuhan (WIV):

Che cos’è questo Istituto?

L’Istituto di virologia di Wuhan ospita il China Center for Virus Culture Collection, la più grande banca di virus in Asia che conserva oltre 1.500 ceppi, secondo il suo sito web. Il complesso contiene il primo laboratorio di massima sicurezza in Asia attrezzato per la gestione di agenti patogeni di classe 4 (P4), virus pericolosi che presentano un alto rischio di trasmissione da persona a persona, come l’Ebola. Il laboratorio da 300 milioni di yuan ($ 42 milioni) è stato completato nel 2015 e infine aperto nel 2018, con il fondatore di una società bioindustriale francese, Alain Merieux, che è stato consulente nella sua costruzione.

Vedi anche: Nature 2017:Laboratorio cinese pronto a studiare i patogeni più pericolosi del mondo

The Wuhan lab is the largest virus bank in Asia and preserves more than 1,500 strains, according to its website

Immagine: il laboratorio di Wuhan è la più grande banca di virus in Asia e conserva oltre 1.500 ceppi, secondo il suo sito web.

L’Istituto ha anche un laboratorio P3 attivo dal 2012. Il laboratorio P4 di 3000 metri quadrati , situato in un edificio quadrato con un annesso cilindrico, si trova vicino a uno stagno ai piedi di una collina boscosa nella remota periferia di Wuhan. In una recente visita, l’ Agenzia AFP non ha visto segni di attività all’interno. Un poster al di fuori del complesso recitava “Prevenzione e controllo forti, non farti prendere dal panico, ascolta gli annunci ufficiali, credi nella scienza, non diffondere voci”.

L’Istituto è la fonte del coronavirus SARS CoV-2?

Il Segretario di Stato Pompeo ha dichiarato venerdì che le stesse autorità cinesi, quando hanno iniziato a indagare sul virus, “hanno valutato se il WIV fosse, di fatto, il luogo da cui proveniva”. Sappiamo che non hanno permesso agli scienziati di tutto il mondo di andare in quel laboratorio per valutare cosa è successo lì, cosa sta succedendo lì, cosa sta succedendo lì anche mentre parliamo”, ha detto in un’intervista radiofonica il Segretario di Stato.

Wuhan is slowly reopening after a lockdown to prevent transmission of the virus

Immagine: Wuhan sta lentamente riaprendo dopo un blocco per impedire la trasmissione del virus

Il Washington Post e la Fox News hanno entrambi citato fonti anonime che hanno espresso preoccupazione per il fatto che il virus potrebbe provenire, accidentalmente, dalla struttura.

I diplomatici statunitensi intervistati dal Washington Post hanno rivelato che i funzionari cinesi erano particolarmente preoccupati per gli inadeguati standard di sicurezza relativi alla manipolazione da parte dei ricercatori di coronavirus da pipistrello simili alla SARS nel laboratorio. Fox News ha affermato che “il paziente zero” della pandemia potrebbe essere stato infettato da un ceppo di virus del pipistrello studiato nella struttura che in qualche modo è entrato nella popolazione di Wuhan.

Varie teorie cospirative sulla presunta origine del coronavirus nel laboratorio sono fiorite online. L’Istituto ha rifiutato di commentare venerdì, ma ha rilasciato una dichiarazione a febbraio respingendo le voci. Ha dichiarato di aver ricevuto campioni del virus allora sconosciuto il 30 dicembre, ha determinato la sequenza del genoma virale il 2 gennaio e ha presentato informazioni sull’agente patogeno all’Organizzazione Mondiale della Sanità l’11 gennaio.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian venerdì ha respinto le accuse secondo cui il laboratorio era responsabile dell’epidemia.

“Una persona esigente capirà a colpo d’occhio che lo scopo è quello di creare confusione, distogliere l’attenzione del pubblico e sottrarsi alle proprie responsabilità”, ha detto Zhao, che a sua volta ha promosso teorie cospirative che l’esercito americano potrebbe aver portato il virus in Cina.

Cosa sanno gli scienziati del virus?
Gli scienziati ritengono che il virus abbia avuto origine nei pipistrelli prima di essere trasmesso agli esseri umani attraverso una specie intermedia, forse il pangolino in via di estinzione, le cui squame sono illegalmente trafficate in Cina per la medicina tradizionale. Ma uno studio condotto da un gruppo di scienziati cinesi pubblicato su The Lancet a gennaio ha rivelato che il primo paziente COVID-19 non aveva alcun legame con il famigerato mercato degli animali di Wuhan, né 13 dei primi 41 casi confermati.
Il ricercatore dell’Istituto Shi Zhengli, uno dei maggiori esperti cinesi di coronavirus di pipistrello e viceDirettore del laboratorio P4, faceva parte del team che ha pubblicato il primo studio per suggerire che SARS-CoV-2 proveniva da pipistrelli.
In un’intervista a Scientific American, Shi ha affermato che la sequenza del genoma SARS-CoV-2 non corrispondeva a nessuno dei coronavirus di pipistrello che il suo laboratorio aveva precedentemente raccolto e studiato. Filippa Lentzos, ricercatrice di biosicurezza presso il King’s College di Londra, ha affermato che, sebbene attualmente non ci siano prove per la teoria degli incidenti di laboratorio, non esistono “prove reali” che il virus provenga dal mercato di Wuhan. Per me, l’origine della pandemia è ancora una domanda aperta“, ha detto Lentzos ad AFP. “Ci sono alcune indicazioni “che potrebbero indicare un potenziale incidente di laboratorio derivante dalla ricerca scientifica di base”, ha affermato. “Ma tutto ciò ha bisogno di un’indagine considerevole affinché chiunque possa dire qualsiasi cosa con certezza sulle origini della pandemia”.
David Heymann, Professore di epidemiologia delle malattie infettive alla London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha anche affermato che non c’erano prove della origine della pandemia, ma è “strettamente correlata a un virus da pipistrello”. “Ci sono molte teorie su come gli umani avrebbero potuto essere infettati e al momento non credo che nessuna possa essere convalidata”.
Fonte: AFP