Studio scopre un gene che nasconde le cellule tumorali all’immunoterapia

immunoterapia del cancro

Un team del Fred Hutchinson Cancer Research Center ha identificato un gene che potrebbe rendere inefficaci i trattamenti di immunoterapia del cancro, in particolare gli inibitori del checkpoint.

Lo studio, pubblicato oggi su Developmental Cell, ha scoperto che quando il gene DUX4 è espresso nelle cellule tumorali, può impedire che il cancro venga riconosciuto e distrutto dal sistema immunitario.

Il team, guidato dai Drs. Robert Bradley e Stephen Tapscott, ha esaminato i profili di espressione genica di quasi 10.000 cancri da 33 diversi tipi di cancro e ha scoperto che DUX4 , un gene per lo più noto per il suo legame con una distrofia muscolare specifica (distrofia facio-scapolo-omerale o FSHD), è presente in molti diversi tumori solidi, tra cui tumori della vescica, della mammella, dei polmoni, dei reni e dello stomaco.

DUX4 ha impedito alle cellule immunitarie di riconoscere le cellule tumorali, quindi i pazienti il ​​cui cancro esprimeva il gene avevano meno probabilità di rispondere all’immunoterapia. Poiché DUX4 è espresso in molti tumori, bloccarne l’attività potrebbe aumentare il successo degli inibitori del checkpoint immunitario.

“L’immunoterapia può essere incredibilmente potente contro i tumori precedentemente non trattabili, ma non è ancora efficace per la maggior parte dei pazienti. Comprendere i meccanismi che impediscono al sistema immunitario di identificare e attaccare i tumori è un primo passo verso la ricerca di cure per tutti i malati di cancro “, dice il Dr. Robert Bradley del Fred Hutchinson Cancer Research Center.


Altri articoli su immunoterapia del cancro