Un super recettore aiuta ad uccidere le cellule infette da HIV

HIV

Immagine: Professore associato Stephanie Gras al sincrotrone australiano. Credito: Melissa Cowan.

Anche se i trattamenti per l’HIV hanno reso la malattia non più in gran parte fatale, al mondo manca ancora una vera terapia in grado di sradicare il virus.

I ricercatori di Monash, insieme ai colleghi dell’Istituto Pasteur di Parigi, hanno scoperto una serie unica di “recettori” super sulle cellule immunitarie in grado di uccidere l’HIV in popolazioni geneticamente diverse, rendendole potenzialmente candidate ai trattamenti di immunoterapia.

Il lavoro è stato pubblicato su Science Immunology.

La Prof.ssa Stephanie Gras e il suo team del Biomedicine Discovery Institute (BDI) della Monash University e ARC Center of Advanced Molecular Imaging ed i suoi colleghi dell’Istituto Pasteur di Parigi hanno studiato quindici persone uniche che erano state tutte infettate dall’HIV (coorte ANRS CO21 CODEX) ), ma hanno sistemi immunitari che le proteggono dalla progressione in AIDS. Questi individui rari, chiamati controllori dell’HIV, potrebbero offrire indizi sulla cura per la malattia.

Dopo l’infezione da HIV, le cellule T CD4, che sono una parte importante del nostro sistema immunitario protettivo, possono cadere drasticamente in numero, portando a un sistema immunitario debole con la progressione della malattia verso l’AIDS. Queste cellule T CD4 possono rimanere basse anche quando la malattia è tenuta sotto controllo con la terapia anti-retrovirale (ART)che attualmente è fornita a più della metà delle persone che vivono con l’HIV a livello globale. L’ART riduce il rischio di mortalità, ma non sradica il virus.

( Vedi anche:Le forbici molecolari potrebbero essere la chiave per eliminare le malattie compresa l’ infezione da HIV).

La Prof.ssa Gras ed i suoi colleghi hanno scoperto che i controllori dell’HIV sono in grado di trattenere cellule T CD4 in quantità superiore in grado di rilevare e reagire a minuscole quantità di virus, rappresentando quindi una grande opportunità per studiare il loro ruolo potenziale nell’infezione da HIV.

“Abbiamo scoperto che quelle cellule T CD4, solitamente viste come cellule ausiliarie delle cellule T CD8 killer che distruggono le cellule infette, potrebbero essere trasformate in cellule killer esse stesse nei controllori dell’HIV. Queste cellule killer CD4 + potrebbero riconoscere quantità molto basse di HIV grazie all’ espressione dei recettori delle cellule T “super”. Quando i ricercatori hanno studiato queste cellule ed i loro recettori sulla superficie, hanno trovato recettori identici su più controllori dell’HIV “, ha affermato Gras.

“La probabilità di trovare lo stesso identico recettore di cellule T in individui diversi è estremamente bassa, come vincere alla lotteria, ed è probabile che esso giochi un ruolo nel controllo dell’HIV”, spiega la Dr.ssa Carine Farenc della Monash BDI, autrice principale dello studio.

I recettori delle cellule T riconoscono i frammenti di virus o batteri legati a una molecola specializzata chiamata antigene leucocitario umano (HLA)Le molecole HLA sono come le impronte digitali: ogni persona ha una combinazione specifica di molecole HLA, che aiutano il sistema immunitario a riconoscere invasori esterni come batteri o virus.

I ricercatori della Monash University hanno utilizzato il sincrotrone australiano, un microscopio gigante delle dimensioni di un campo di calcio, per studiare il legame di questo recettore di cellule T super in combinazione con l’antigene dell’HIV. Questo studio ha rivelato un’altra caratteristica notevole di queste cellule T CD4 killer: la loro capacità di riconoscere il frammento dell’HIV in individui geneticamente diversi (con diverse molecole di HLA).

Il team Gras ed i loro colleghi hanno scoperto che CD4 T possono legarsi alle molecole HLA condivisi da un quarto della popolazione mondiale, una cifra che è destinata ad aumentare, secondol Prof.ssa Gras.

Statistiche (dall’Organizzazione mondiale della sanità):

Nel 2016:

  • 36,7 milioni di persone che vivevano con l’HIV
  • 1 milione è morto a causa della malattia
  • 19,5 milioni di persone che hanno contratto l’HIV hanno ricevuto un trattamento antiretrovirale (ART).

Fonte: Science Immunology

Altri articoli su HIV