Malattie dell’intestino: i batteriofagi offrono un’alternativa promettente agli antibiotici

batteriofagi

I risultati di un nuovo studio clinico hanno confermato la sicurezza e la tollerabilità dell’uso di virus specifici dei batteri noti come batteriofagi per eliminare i batteri che causano malattie dell’intestino. Il nuovo trattamento potrebbe essere utilizzato al posto di antibiotici per liberare l’intestino da batteri nocivi e promuovere la crescita di batteri benefici che sono noti per migliorare la salute gastrointestinale, la funzione immunitaria e i processi anti-infiammatori.

“Le persone che assumono antibiotici possono sviluppare resistenza e sperimentare disturbi gastrointestinali dal momento che gli antibiotici uccidono sia batteri buoni che cattivi nell’intestino”, ha detto il coordinatore dello studio, Taylor C. Wallace, Direttore e CEO di Think Healthy Group Inc. e Professore a contratto presso il Dipartimento di nutrizione e studi alimentari della George Mason University. “L’uso di virus che infettano solo tipi specifici di batteri risparmia i molti buoni batteri nell’intestino che sono collegati a numerosi risultati positivi a lungo termine, sulla salute. Abbiamo dimostrato per la prima volta che il trattamento con batteriofagi non ha effetti collaterali apparenti, almeno con uso a breve termine“.

( Vedi anche:Batteriofagi per combattere il Clostridium difficile).

Wallace presenterà i risultati dello studio “Bacteriophage for Gastrointestinal Health (PHAGE)” – il primo studio clinico nell’emisfero occidentale per fornire ai pazienti batteriofagi – all’incontro annuale della American Society for Nutrition, Nutrition 2018 che si svolge dal 9 al 12 giugno 2018 a Boston.

I batteriofagi possono essere utilizzati per combattere selettivamente specifici microrganismi nelle persone senza causare alcun tipo di infezione o perturbare il microbioma del corpo nel suo insieme. Oltre a curare le malattie gastrointestinali correlate ai batteri, Wallace e la co-iricercatrice Tiffany Weir, della Colorado State University sono interessate all’uso dei batteriofagi come integratori alimentari per aiutare a ripristinare l’equilibrio tra i batteri che vivono nell’intestino delle persone con la sindrome metabolica, che è nota per spostare i batteri intestinali in uno stato più patogeno e infiammatorio.

Lo studio PHAGE ha incluso 31 persone che hanno riportato un significativo disagio gastrointestinale all’inizio dello studio, ma a cui non è stato diagnosticato alcun disturbo gastrointestinale specifico. I partecipanti allo studio sono stati assegnati a un gruppo placebo o a un gruppo di trattamento per le prime quattro settimane dello studio, seguiti da un periodo di washout di due settimane e altre quattro settimane dal trattamento opposto. Il gruppo di trattamento ha ricevuto quattro ceppi di batteriofagi che eliminano specificamente l’ E. coli, un agente patogeno che può contribuire alle irregolarità gastrointestinali e a problemi allo stomaco.

I ricercatori riportano che i partecipanti allo studio hanno tollerato il trattamento con batteriofagi estremamente bene, senza eventi avversi riportati durante le quattro settimane di trattamento. Durante il trattamento, i ricercatori hanno osservato diminuzioni significative nell’interleuchina 4, un marker infiammatorio spesso associato alla risposta allergica. Ci sono stati anche cambiamenti nell’abbondanza differenziale di diverse altre specie batteriche intestinali, tra cui riduzioni del Clostridium perfringens e aumenti in diverse specie batteriche benefiche per la salute. All’interno di un piccolo sottogruppo di individui con due o più fattori di rischio per la sindrome metabolica, c’è stato anche un aumento del Bifidobacterium spp benefico.

I ricercatori dicono che i batteriofagi potrebbero anche essere utili per eliminare le carenze nutrizionali dovute a diarrea cronica nei paesi in via di sviluppo e stanno cercando un sostegno su larga scala per testare quali ceppi potrebbero essere i migliori per questa applicazione. La diarrea cronica e la malnutrizione associata, sono la seconda causa più comune di morte infantile in tutto il mondo.

Si prega di notare che gli abstract presentati a Nutrition 2018 sono stati valutati e selezionati da un comitato di esperti, ma in generale non hanno subito lo stesso processo di revisione tra pari richiesto per la pubblicazione in una rivista scientifica. Pertanto, i risultati presentati dovrebbero essere considerati preliminari fino a quando non sarà disponibile una pubblicazione sottoposta a peer review.

Fonte:EurekAlert

Altri articoli su batteriofagi