Le “forbici molecolari” potrebbero essere la chiave per eliminare le malattie compresa l’infezione da HIV

HIV,malattie autoimmuni

Un modo per combattere le malattie tra cui l’infezione da HIV e le malattie autoimmuni potrebbe implicare il cambiamento di come un enzima presente in natura chiamato SAMHD1 agisce per influenzare il sistema immunitario, secondo una nuova ricerca.

Lo studio, condotto da ricercatori della Ohio State University, spiega in dettaglio come l’enzima influenza le proteine ​​che stimolano la risposta immunitaria.

“SAMHD1 non è un enzima buono”  o “cattivo” di per sé, ma ci sono casi in cui bloccare la sua attività potrebbe ostacolare  progressione della malattia”, ha detto Li Wu, autore senior dello studio e Professore di bioscienze e infezione microbica e immunità presso il Centro di Stato dell’Ohio per la ricerca sui retrovirus.

( Vedi anche:Scoperto un nuovo modo per sconfiggere la latenza dell’HIV).

La ricerca, condotta sulle cellule immunitarie umane e murine, appare online negli Atti della rivista National Academy of Sciences.

“La mancanza di questo enzima a causa delle mutazioni del gene SAMHD1 può attivare il sistema immunitario umano e aumentare l’infiammazione e ora comprendiamo meglio il processo biologico fondamentale sottostante”, ha detto Wu.

“In un mondo perfetto, SAMHD1 è responsabile della regolazione equilibrata della  immunitaria , ma può anche limitare lo sviluppo dell’HIV o altre infezioni virali e alterare la progressione e il trattamento di alcuni tumori. Ovviamente abbiamo bisogno di buone risposte immunitarie, ma non vogliamo una schiacciante attivazione immunitaria”, ha aggiunto il ricercatore.

“Prima di questo studio, non era chiaro se e come SAMHD1 regolasse le risposte immunitarie”, ha detto Wu. Gli scienziati hanno identificato il gene umano che codifica per questo enzima nel 2000 e da allora è stato collegato a malattie umane tra cui malattie autoimmuni, infezione da HIV e tumori.

Svelare il modo preciso con cui l’enzima influenza la progressione della malattia è uno degli obiettivi del laboratorio di Wu. Ricerche precedenti avevano stabilito che SAMHD1 era un attore chiave nell’inibire la replicazione dell’HIV nelle cellule immunitarie umane, stimolando l’ interesse dei ricercatori.

Il nuovo studio ha illuminato il modo in cui SAMHD1 interagisce con diverse proteine ​​cellulari che svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione delle risposte immunitarie innate. È importante sottolineare che l’enzima può agire come un inibitore di risposte potenzialmente dannose durante l’infezione virale.

“Il compito dell’enzima è quello di abbattere un blocco di costruzione del DNA nelle nostre cellule – di agire come” forbici molecolari “,” ha detto Wu.

“Un eccessivo blocco di costruzione del DNA dovuto alla carenza di SAMHD1 causata da mutazioni genetiche può portare a malattie autoimmuni e aiutare a far crescere i tumori cancerosi. Se riusciamo a trovare un modo per interrompere o ridurre l’offerta, lo sviluppo della malattia potrebbe non essere praticabile – come una macchina senza gas- “. ha detto Wu.

Questo studio potrebbe offrire la possibilità di trovare nuovi modi per attivare e disattivare questa attività dell’enzima, lasciando spazio a nuovi approcci terapeutici per le malattie difficili da trattare.

“Poiché le vie infiammatorie influenzano quasi tutte le malattie negli esseri umani e negli animali, tra cui l’infezione da HIV e il cancro, l’identificazione di SAMHD1 come inibitore dell’immunità può avere implicazioni di ampia portata nella ricerca biomedica”, ha concluso Wu.

Fonte:PNAS

Altri articoli su HIV, malattie autoimmuni