Un semplice esame del sangue può diagnosticare il cancro

cancro

Un nuovo studio descrive un modo potenzialmente non invasivo per rilevare il cancro usando un semplice esame del sangue.

Nonostante i notevoli progressi, il cancro è ancora uno dei maggiori problemi di salute del mondo. La migliore difesa contro il cancro è la prevenzione, tuttavia, la maggior parte dei test antitumorali richiede molto tempo, è costosa e può essere piuttosto spiacevole.

Vedi anche Come l’ aspirina e l’ omega 3 possono ridurre il rischio di cancro del colon.

Le analisi del sangue per il cancro non sono un’idea nuova. Diversi studi hanno affrontato questa tecnica, basandosi principalmente sull’idea che le cellule cancerogene liberano il DNA privo di cellule (cfDNA) nel flusso sanguigno e questo cfDNA può essere rilevato. Tuttavia, la sensibilità e l’accuratezza di questi test e la loro capacità di rilevare i tumori in fase iniziale rimangono piuttosto bassi.

Biopsia liquida

Un esame del sangue volto a rilevare il cancro utilizza frammenti di DNA da cellule tumorali che sono nel sangue. Una biopsia liquida può essere utilizzata per aiutare a trovare il cancro in una fase precoce, ma anche per pianificare il trattamento o per scoprire se il trattamento funziona o se il cancro è tornato. Essere in grado di prelevare più campioni di sangue nel tempo può anche aiutare i medici a capire che tipo di cambiamenti molecolari stanno avvenendo in un tumore. Questo tipo di test è generalmente più rapido e non doloroso.

“L’uso di biopsie liquide per il rilevamento e la gestione del cancro sta rapidamente guadagnando importanza”, scrivono i ricercatori. “I metodi attuali per la rilevazione del DNA tumorale circolante implicano il sequenziamento di mutazioni usando DNA libero da cellule, ma la sensibilità di questi metodi può essere bassa tra i pazienti con carcinoma allo stadio iniziale dato il numero limitato di mutazioni ricorrenti. Al contrario, le alterazioni epigenetiche su larga scala – che sono specifiche per il tipo di tessuto e di cancro – non sono similmente vincolate e quindi potenzialmente hanno una maggiore capacità di rilevare e classificare i tumori in pazienti con malattia allo stadio iniziale”.

Un altro approccio è quello di cercare gruppi metilici che si verificano in cfDNA. In un nuovo studio, Daniel De Carvalho e colleghi hanno sviluppato una tecnica per isolare, rilevare e profilare bassi livelli di questo DNA metilato – che sembra essere più precisa dei precedenti esami del sangue. I ricercatori hanno anche eseguito una serie di analisi machine-learning per valutare rigorosamente l’utilità dei risultati nella rilevazione e classificazione del cancro.

Utilizzando questo approccio, sono stati in grado di identificare la metilazione del DNA nel cfDNA di 24 pazienti con carcinoma pancreatico in fase iniziale, distinguendoli dai volontari sani di controllo. Inoltre, in 388 campioni provenienti da sette diversi tipi di tumore (leucemia mieloide acuta e tumore del pancreas, colon-rettale, mammario, polmonare, renale e della vescica) e donatori sani, il test ha potuto identificare il tipo di tumore.

Anche se i risultati devono ancora essere replicati e confermati, per ora sembrano molto promettenti.

Lo studio è stato pubblicato su Nature.

Fonte, Nature

Altri articoli su cancro