Un piccolo impianto bioingegnerizzato promette un sollievo duraturo dal diabete di tipo 1

diabete di tipo 1

Le persone affette da diabete di tipo 1 beneficeranno di una terapia innovativa sviluppata in un progetto finanziato dall’UE che promette di ripristinare la capacità dell’organismo di regolare lo zucchero nel sangue attraverso un piccolo impianto bioingegnerizzato.

Il progetto DRIVE, finanziato dall’UE, mira a fornire una soluzione duratura alle sfide terapeutiche della gestione del diabete mellito di tipo 1, una condizione cronica caratterizzata da un alto livello di zucchero nel sangue che colpisce milioni di persone a livello globale. Se non controllato attentamente – di solito attraverso iniezioni giornaliere di insulina per regolare il livello di zucchero nel sangue – la malattia danneggia gli occhi, i reni e le terminazioni nervose, può causare malattie cardiache e portare a morte prematura.

Il nuovo sistema DRIVE elimina la necessità di iniezioni di insulina.

La procedura consiste in una capsula bioingegneria fatta di materiali sicuri e naturali, chiamata shell β, da impiantare nell’addome del paziente durante una procedura minimamente invasiva. La capsula contiene un gel, chiamato β-gel, pieno di cellule pancreatiche insulari che, nelle persone sane, sono responsabili della secrezione di insulina dal pancreas per controllare lo zucchero nel sangue. Queste cellule β impiantate produrranno insulina all’interno dei corpi dei pazienti, consentendo loro di vivere una vita sana e normale per un massimo di cinque anni prima di richiedere un impianto sostitutivo.

Il sistema β DRIVE costituisce un progresso significativo di una terapia esistente, ma raramente utilizzata per il diabete di tipo 1, che coinvolge il trapianto di cellule delle isole pancreatiche derivate da donatore e offre ai pazienti il ​​controllo naturale dello zucchero nel sangue per solo uno o due anni. Il costo elevato del trattamento, la necessità di isolare le cellule di diversi pancreas da donatori e l’alto rischio che il corpo del paziente rigetti le cellule trapiantate, significa che è attualmente offerto solo agli adulti che hanno sviluppato le più gravi complicazioni da diabete di tipo 1.

Vedi anche, Come il diabete di tipo 1 distrugge gradualmente la produzione di insulina.

Colpire il bersaglio

“Il progetto DRIVE affronta queste sfide con lo sviluppo di un sistema completamente nuovo per distribuire efficacemente le β-cellule pancreatiche in modo intelligente e mirato. Ciò significa che sono necessari meno donatori di pancreas per il trapianto di cellule, consentendo a molti più pazienti di avvalersi di un trattamento più efficace e più duraturo “, afferma Janice O’Sullivan, project manager presso il Royal College of Surgeons in Irlanda.


Altri articoli su diabete di tipo 1