Le risposte alimentari sono governate dal microbioma intestinale

microbioma

Uno studio pubblicato questa settimana rivela che le interazioni dei batteri nel nostro intestino ( il microbioma intestinale ) con il cibo che mangiamo, differiscono marcatamente tra gli individui. La natura altamente personalizzata della risposta del microbioma intestinale suggerisce che gli interventi dietetici per ottimizzare il nostro microbioma potrebbero dover essere personalizzati in base al microbioma specifico di una persona.

La salute e la diversità dei nostri microbiomi è stata a lungo influenzata dalla nostra salute. Di conseguenza, c’è stata una considerevole ricerca che studia gli effetti della dieta sui batteri che vivono dentro di noi. Sorprendentemente, gli studi trasversali hanno riportato poche differenze tra gli impatti dei diversi alimenti sulle popolazioni batteriche.

L’ultima ricerca ha studiato i cambiamenti quotidiani nella composizione del microbioma intestinale umano rispetto all’assunzione dietetica su base individuale. Ognuno dei 34 soggetti partecipanti allo studio ha tenuto un registro di tutto ciò che ha mangiato per 17 giorni.

Vedi anche, I batteriofagi hanno un profondo impatto sul microbioma intestinale.

I tipi e le quantità di batteri presenti nei campioni di feci raccolti nello stesso periodo sono stati analizzati utilizzando metagenomica shotgun. L’analisi dettagliata ha permesso ai ricercatori di valutare come i diversi microbiomi delle persone, così come gli enzimi e le funzioni metaboliche che essi influenzano, stiano cambiando di giorno in giorno in risposta a ciò che hanno mangiato.

La maggior parte dei soggetti aveva relazioni rilevabili tra i cambiamenti quotidiani negli alimenti che consumavano e le variazioni giornaliere nella relativa abbondanza di specie nel loro microbioma. Tuttavia, i cambiamenti nel microbioma non sono stati determinati dal contenuto nutrizionale delle diete dei soggetti.

Inoltre, pochissime interazioni tra cibo e microbi osservate erano coerenti tra individui. In effetti, i dati rivelano che le interazioni tra cibo e microbi sono altamente personalizzate e correlate a cibi specifici.

Un piccolo sottogruppo di dati suggerisce anche che una dieta variata è anche importante. Due dei partecipanti allo studio che hanno consumato solo un singolo tipo di bevanda sostitutiva del pasto per la durata dello studio hanno mostrato una variazione del microbioma da un giorno all’altro, suggerendo che una dieta stabile non conduce necessariamente a un microbioma stabile.

ll co-autore Dan Knights, dell’Università del Minnesota dice:

Il microbioma è stato collegato a una vasta gamma di condizioni umane, tra cui disturbi metabolici, malattie autoimmuni e infezioni, quindi c’è una forte motivazione a manipolare il microbioma con la dieta come modo per influenzare la salute. Questo studio suggerisce che è più complicato del semplice osservare componenti dietetici come fibre e zucchero. Sono necessarie molte più ricerche prima di poter capire in che modo l’intera gamma di sostanze nutritive nel cibo influisce sul modo in cui il microbioma risponde a ciò che mangiamo “.

Gli alimenti che hanno etichette nutrizionali simili possono avere effetti molto diversi sui nostri microbiomi. Di conseguenza, al fine di promuovere o sopprimere una particolare specie batterica attraverso un intervento a base di alimenti, la dieta potrebbe dover essere adattata alla composizione specifica del microbioma di un individuo.

Fonte, Cell Host e Microbe


Altri articoli su microbioma