Un composto presente nella frutta e ortaggi colorati riduce il rischio di cancro al polmone collegato al fumo

cancro al polmone

Un composto che si trova nelle arance, peperoni rossi e altri frutti e ortaggi colorati, ha il potenziale di ridurre il rischio di cancro al polmone collegato al fumo, secondo un nuovo studio.

Pubblicato dalla rivista Cancer Prevention Research, lo studio descrive come il pigmento chiamato beta-criptoxantina (BCX), riduce il numero di recettori per la nicotina necessari per alimentare la crescita del tumore al polmone.

La nicotina è una sostanza chimica presente nel tabacco e alcune e-sigarette che causa dipendenza.

Il coautore dello studio Xiang-Dong Wang, del Jean Mayer United States Department of Agriculture Human Nutrition Research Center on Aging alla Tufts University a Boston e colleghi, affermano che secondo i risultati del loro studio,  mangiare frutta e verdura ad alto contenuto di BCX potrebbe ridurre la rischio di cancro ai polmoni causato dal dal fumo.

Quest’anno, circa 222.500 nuovi casi di cancro al polmone saranno diagnosticati negli Stati Uniti e ci saranno più di 155.000 morti per la malattia.

Il fumo rimane una delle principali cause di cancro ai polmoni. Secondo l’American Lung Association, gli uomini che fumano hanno 23 volte più probabilità di sviluppare il cancro al polmone rispetto agli uomini che non fumano, mentre le donne che fumano hanno 13 volte più probabilità di sviluppare la malattia rispetto alle non fumatrici.

L’esposizione al fumo passivo è anche un fattore di rischio per il cancro del polmone e causa circa 7.330 morti tra i non fumatori negli Stati Uniti, ogni anno.

Nicotina e tumore del polmone

Ci sono più di 7.000 composti nel fumo di tabacco, molti dei quali sono cancerogeni o sostanze che provocano il cancro e che danneggiano le cellule che rivestono i polmoni.

Anche se la nicotina non è considerata una causa diretta dello sviluppo del cancro ai polmoni, gli studi hanno dimostrato che il composto può promuovere la crescita di tumori polmonari.

Wang e colleghi spiegano che quando viene inalata, la nicotina si lega al recettori sulla superficie dei polmoni, noto come nicotinico α7 recettore dell’acetilcolina (α7-nAChR). Ciò induce una cascata di segnali che provocano la proliferazione cellulare e la formazione di nuovi vasi sanguigni, che sono processi coinvolti nella crescita del cancro.

Inoltre, la nicotina aumenta la produzione di α7-nAChR e tanto più questi recettori sono presenti e si legano alla nicotina, più forte è la cascata di segnalazione che favoriscono la crescita delle cellule del cancro al polmone tra i fumatori.

Tuttavia, Wang e colleghi ritengono che BCX potrebbe essere efficace per ridurre la quantità di recettori α7-nAChR sulla superficie dei polmoni, con la conseguente diminuzione della crescita delle cellule tumorali.

BCX ha ridotto la crescita del tumore al polmone fino al 63 per cento nei topi

BCX è un tipo di carotenoide che è responsabile del colore giallo, arancio e rosso di frutta e verdura, tra cui arance, mandarini, zucca e peperoni rossi.

In precedenti ricerche, Wang e il team hanno osservato un legame tra il consumo di cibi ricchi di BCX e un minor rischio di cancro ai polmoni negli esseri umani. In questa ultima ricerca, il team ha cercato di individuare i meccanismi alla base di questa associazione.

Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno iniettato due gruppi di topi con un’iniezione quotidiana di un agente cancerogeno derivato dalla nicotina. Un gruppo di topi è stato poi trattato con una dose giornaliera di BCX prima e dopo l’iniezione.

Rispetto ai roditori che non hanno ricevuto la dose giornaliera di BCX, il team ha scoperto che i roditori che hanno ricevuto il carotenoide hanno sperimentato una riduzione del 52-63 per cento nella crescita del tumore del polmone.

Una dose giornaliera di 870 microgrammi di BCX – equivalente al consumo umano di circa un peperone o due mandarini – è risultata essere efficace nel ridurre la crescita del tumore del polmone.

BCX ‘può avere un effetto benefico sul rischio di cancro ai polmoni’

Successivamente, i ricercatori hanno testato BCX sulle cellule tumorali del polmone umano con e senza α7-nAChR. Essi hanno scoperto che le cellule tumorali del polmone con α7-nAChR hanno avuto meno possibilità di diffondersi dopo l’esposizione a BCX, rispetto alle cellule di cancro del polmone, senza i recettori.

Anche se ulteriori ricerche sono necessarie per ottenere una migliore comprensione di come BCX influenza lo sviluppo del cancro al polmone negli esseri umani, Wang e colleghi ritengono che gli individui esposti al fumo di tabacco potrebbero trarre beneficio dal consumo di alimenti ricchi di BCX.

“Per i fumatori, gli utenti di prodotti del tabacco o gli individui a maggior rischio di esposizione al fumo di tabacco, i nostri risultati forniscono la prova sperimentale che mangiare cibi ad alto contenuto di BCX può avere un effetto benefico sul rischio di cancro ai polmoni, come suggerito da precedenti studi epidemiologici”.

Fonte: Tufts Now

Altri articoli su cancro al polmone