Cancro al polmone: chirurgia meno invasiva per un recupero più rapido

cancro al polmone

Ogni giorno 78 canadesi ricevono una diagnosi di cancro ai polmoni, la forma più mortale di cancro nel paese. Molti di questi pazienti saranno trattati con la toracotomia, una procedura chirurgica comune ma rischiosa che richiede mesi di recupero. Tuttavia, esiste una tecnica chirurgica meno invasiva e più sicura che potrebbe essere utilizzata più ampiamente.

In un ampio studio clinico internazionale presentato al 99 ° Meeting Annuale dell’Associazione Americana per la Chirurgia Toracica, il Dr. Moishe Liberman, un chirurgo toracico e ricercatore presso il Centro di Ricerca Ospedale dell’Università di Montreal (CRCHUM) e il suo team, hanno dimostrato che la lobectomia toracoscopica, la chirurgia toracoscopica video-assistita (VATS) combinata con la sigillatura dell’arteria polmonare con un dispositivo a ultrasuoni, riduce il rischio di emorragia post-operatoria, complicazioni e dolore.

A differenza della chirurgia con toracotomia, che comporta l’incisione di 25 cm nel torace del paziente e il taglio delle costole, una procedura VATS richiede piccole incisioni. Una videocamera miniaturizzata viene inserita attraverso una delle incisioni. In entrambi i tipi di interventi chirurgici, vi è il rischio di sanguinamento perché i rami dell’arteria polmonare sono molto sottili, fragili e sono attaccati direttamente al cuore.

“Grazie a questo studio clinico condotto negli ospedali canadesi, americani e britannici, abbiamo dimostrato che è possibile sigillare in modo sicuro i vasi sanguigni polmonari attraverso la sigillatura ad ultrasuoni e controllare efficacemente il possibile sanguinamento durante la procedura VATS”, ha spiegato il Dott. Liberman, Professore associato di Chirurgia presso l’Università di Montréal.

Vedi anche, Passo avanti nel trattamento del cancro al polmone.

Attualmente, solo il 15% delle lobectomie in tutto il mondo sono eseguite con la VATS, principalmente a causa dei rischi reali di una maggiore emorragia.

“Spero davvero che i risultati della nostra sperimentazione clinica rassicurino i chirurghi sulla fattibilità tecnica e sulla sicurezza di questa operazione e li incoraggi ad adottarla: un gran numero di pazienti potrebbe trarne beneficio e sarebbe in piedi più velocemente e con meno dolore “, ha indicato il Dottor Liberman.

Dispositivo di prossima generazione

Dopo cinque anni di ricerca preclinica al CRCHUM, prove condotte su animali, studi clinici di fase 1 e fase 2 che mostrano la sicurezza dell’intervento chirurgico, il team del Dr. Liberman ha recentemente completato la sua grande sperimentazione clinica internazionale di fase 2 lanciata nel 2016.

È stato in grado di valutare l’efficacia di questa nuova tecnica su 150 pazienti in otto ospedali in Canada, negli Stati Uniti e nel Regno Unito. 139 di loro sono stati sottoposti a lobectomia, mentre i rimanenti 11 sono stati sottoposti a segmentectomia (rimozione di una piccola parte del polmone).

Durante lo studio sono stati sigillati un totale di 424 rami di arteria polmonare : 181 utilizzando suturatrici chirurgiche, 4 con clip endoscopiche e 239 utilizzando HARMONIC ACE® +7 Shears, progettato dalla società Ethicon (Johnson & Johnson). Con una mascella di 3 millimetri sulla punta, questa “pistola” high-tech consente al chirurgo di sigillare i vasi sanguigni erogando energia ultrasonica.

 Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il cancro del polmone uccide circa 1,69 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno.

Altri articoli su cancro al polmone