Home Salute Sistema Immunitario I probiotici possono alleviare i sintomi della febbre da fieno

I probiotici possono alleviare i sintomi della febbre da fieno

La febbre da fieno indica quelle forme di rinite allergica che si ripetono annualmente e sono causate da una reazione della mucosa degli occhi, del naso e delle vie respiratorie ai pollini stagionali, ma anche alla polvere, ad alcuni tipi di volatili, al pelo animale (soprattutto felino) e ad altri elementi irritanti.

Secondo un nuovo studio, i sintomi della febbre da fieno potrebbero essere ridotti con un semplice probiotico.

I ricercatori hanno dimostrato che un probiotico costituito da lattobacilli e bifidobatteri ha contribuito ad alleviare i sintomi della febbre da fieno e migliorato la qualità della vita delle persone che ne soffrono, durante la stagione delle allergie.

( Vedi anche: E’ il momento di ripensare gli attuali metodi di trattamento delle allergie?).

Il primo autore dello studio, Jennifer Dennis, del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e Nutrizione Umana presso l’Università della Florida e colleghi, hanno recentemente riportato i loro risultati nel Journal of Clinical Nutrition .

La febbre da fieno interessa circa 40/60.000.000 di persone negli Stati Uniti ed è causata da una reazione eccessiva del sistema immunitario agli allergeni presenti nell’aria.

La rinite allergica stagionale di solito si verifica in primavera, estate e inizio autunno.

Gli antistaminici e decongestionanti possono aiutare ad alleviare i sintomi della febbre da fieno. Tuttavia, come tutti i farmaci, possono causare effetti indesiderati che includono sonnolenza, vertigini, visione offuscata, nausea e vomito.

Secondo i risultati del nuovo studio, ci può essere un trattamento alternativo per le allergie stagionali: i probiotici.

La combinazione di probiotici ha migliorato i sintomi delle allergie e la qualità della vita

Precedenti studi hanno indagato l’efficacia dei probiotici contro le allergie stagionali, ma i risultati cambiano in modo significativo a seconda dei ceppi batterici utilizzati.

Inoltre le ricerche precedenti hanno anche dimostrato che i batteri “amici”, lattobacilli e bifidobatteri, possono favorire la salute dell’ intestino e del sistema immunitario.

Ora, i ricercatori hanno cercato di determinare come un probiotico che contiene una combinazione di Lactobacillus gasseri , Bifidobacterium bifidum e Bifidobacterium longum, allevia i sintomi delle allergie stagionali e migliora la qualità della vita.

Il team ha arruolato 173 adulti sani con allergie stagionali da lievi a moderate che sono stati casualmente divisi in due gruppi. Ad un gruppo è stata somministrata la combinazione di probiotici in capsula da assumere due volte al giorno, mentre l’altro gruppo ha ricevuto un placebo.

I partecipanti non hanno usato altri farmaci per il trattamento delle allergie durante il periodo di studio di 8 settimane che è stato condotto al culmine della stagione primaverile.

Rispetto ai partecipanti che hanno assunto il placebo, quelli trattati con la combinazione di probiotici hanno riportato una riduzione dei sintomi delle allergie e il miglioramento della qualità della vita, come determinato da sondaggi settimanali.

“Tuttavia, non tutti i probiotici sono utili per trattare le allergie, a differenza di questa combinazione”, dice Dennis.

I risultati dello studio indicano che i soggetti con allergie stagionali lievi hanno riportato i maggiori benefici dalla combinazione di probiotici.

La combinazione di probiotici può aumentare i livelli di cellule T regolatorie

Anche se sono necessari ulteriori studi per individuare con precisione come la combinazione di probiotici allevia i sintomi delle allergie stagionali, il team ipotizza che i probiotici utilizzati portano ad un aumento delle cellule T regolatorie, che di conseguenza potrebbe aumentare la tolleranza a tali sintomi.

( Le cellule T regolatorie (Tregs) sono una sottoclasse di cellule T che gioca un ruolo di primo piano nell’induzione e mantenimento della tolleranza immunologica. Nel corso degli anni, diversi tipi di cellule Tregs sono stati identificati ma, a oggi, le cellule meglio caratterizzate sono le cellule FOXP3+ Tregs, indotte sia nel timo che in periferia, sono fondamentali per il mantenimento della tolleranza verso gli auto-antigen, e le cellule CD4+ che secernono IL-10 (Tr1), indotte in periferia in presenza di IL-10).

In conclusione, i ricercatori affermano:

“Il nostro studio dimostra un potenziale beneficio dei probiotici per gli adulti sani con allergie stagionali. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul meccanismo molecolare con cui i probiotici modulano la funzione immunitaria per una comprensione più completa del ruolo dei microrganismi nel mantenere l’equilibrio immunitario”.

Fonte: Medicalnews


ULTIMI ARTICOLI

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...

Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

Immagine: Public Domain. Un nuovo farmaco offre speranza ai giovani ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD), malattia neuromuscolare progressiva, offrendo potenzialmente un'alternativa ai...

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...