Home Salute Tumori Trattamento farmacologico combinato per carcinoma polmonare e tumori secondari

Trattamento farmacologico combinato per carcinoma polmonare e tumori secondari

Immagine: Image of lung cancer. Credit: Kanazawa University

I ricercatori dell’Università di Kanazawa riportano nel Journal of Thoracic Oncology un promettente nuovo approccio per un trattamento combinato del tipo più comune di carcinoma polmonare e tumori secondari associati nel sistema nervoso centrale. L’approccio sta nel combinare due farmaci antitumorali, con uno che compensa un effetto collaterale di resistenza dell’altro.

Dal 20 al 40% dei pazienti con cancro, si verificano metastasi (lo sviluppo di tumori secondari) nel sistema nervoso centrale (SNC). Le metastasi nel sistema nervoso centrale hanno un impatto negativo sulla qualità della vita di un paziente e sono associate a una prognosi sfavorevole. In una forma di cancro nota come carcinoma polmonare non a piccole cellule ALK (NSCLC), è noto che le metastasi del sistema nervoso centrale persistono quando vengono utilizzati farmaci destinati ai tumori primari. Ora, Seiji Yano dell’Università di Kanazawa e colleghi hanno studiato le origini della resistenza a tali farmaci e testato una nuova strategia terapeutica su un modello murino.

I ricercatori hanno esaminato il farmaco Alectinib. Sebbene utilizzato nei trattamenti standard per NSCLC non a piccole cellule avanzato, circa il 20-30% dei pazienti trattati con Alectinib sviluppa metastasi del SNC, attribuite alla resistenza acquisita al farmaco.

Trattando i topi iniettati per la prima volta con cellule tumorali con Alectinib ogni giorno per 16 settimane, gli scienziati hanno ottenuto un modello murino con resistenza ad Alectinib. Mediante analisi biochimiche del cervello di topo, Yano e colleghi sono stati in grado di collegare la resistenza all’attivazione di una proteina nota come recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR). Questa attivazione è, a sua volta, il risultato di un aumento della produzione di anfiregulina (AREG), una proteina che si lega all’EGFR e, in tal modo, la “attiva”.

Vedi anche, L’ alto indice di massa corporea può migliorare la sopravvivenza nel carcinoma polmonare non a piccole cellule

Sulla base di questa intuizione, i ricercatori hanno testato l’effetto della somministrazione di farmaci usati per inibire l’azione dell’EGFR in combinazione con il trattamento con Alectinib. Gli esperimenti hanno dimostrato che un trattamento combinato di Alctinib con Erlotinib o Osimertinib, due farmaci inibitori dell’EGFR esistenti, ha impedito la progressione delle metastasi del SNC, controllando la condizione per oltre 30 giorni.

Gli scienziati concludono che l’uso combinato di Alectinib e EGFR-inibitori potrebbe superare la resistenza di Alectinib nel modello murino di carcinomatosi leptomeningea (LMC), un particolare tipo di metastasi del SNC.  Il carcinoma polmonare non a piccole cellule e il carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC) sono i due tipi di carcinoma polmonare. L’85% di tutti i tumori polmonari è del tipo NSCLC. I tumori NSCLC sono meno sensibili alla chemioterapia rispetto agli SCLC, il che rende il trattamento farmacologico della massima importanza. Alectinib è un farmaco usato per il trattamento di NSCLC, con buona efficienza. Tuttavia, il 20-30% dei pazienti che assumono il farmaco sviluppa un cancro secondario nel sistema nervoso centrale (SNC), che è associato a una resistenza acquisita ad Alectinib. Seiji Yano dell’Università di Kanazawa e colleghi hanno ora fatto progressi verso una nuova terapia contro questa resistenza: una combinazione di Alectinib con altri farmaci inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico EGFR.

Fonte, Journal of Thoracic Oncology 


ULTIMI ARTICOLI

La prevenzione delle metastasi è una nuova arma nella guerra al cancro

Immagine:Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0. Il Prof. Michael Lisanti e la Prof.ssa Federica Sotgia hanno fatto una scoperta che potrebbe trasformare il cancro in...

Oltre placche e grovigli: una varazione genetica può aumentare il rischio di declino cognitivo

Immagine: Public Domain. Una variazione genetica in alcune persone può essere associata al declino cognitivo che non può essere spiegato dai depositi di due proteine...

Trovata una causa e un possibile trattamento per l’X fragile

Immagine: Credito (© stock.adobe.com) Gli scienziati della Yale University hanno scoperto un meccanismo alla base della Sindrome dell'X fragile - una delle principali cause di...

Scoperto nel cervello il sito del desiderio sessuale maschile

Immaginde: quando gli scienziati della Northwestern hanno eliminato selettivamente l'aromatasi nel cervello, l'attività sessuale nei topi maschi è diminuita del 50%, nonostante avessero livelli...

Potenziale bersaglio identificato per il trattamento dell’emicrania

Immagine: tracce grezze rappresentative dei potenziali cambiamenti di corrente continua durante CSD nel controllo e GLT-1 KO. L'immagine è accreditata al Dipartimento di Neuroscienze Molecolari,...