Il pangolino indagato come fonte di trasmissione all’uomo del coronavirus

0
7

Immagine: Public Demain

Ricercatori cinesi che studiano l’origine animale dell’epidemia da coronavirus mortale in Cina hanno annunciato venerdì che il pangolino, in via di estinzione, potrebbe essere il “legame mancante” per la diffusione del virus tra pipistrelli e umani, ma altri scienziati hanno affermato che la ricerca potrebbe non essere finita.

Uno studio precedente che tuttavia è stato screditato, ha indicato i serpenti come fonte di diffusione del coronavirus. Rimangono numerose specie candidate nel mercato della fauna selvatica di Wuhan che possono essere il punto zero dell’epidemia.

L’epidemia da SARS del 2002-3, che coinvolse un diverso ceppo di coronavirus, fu trasferita all’uomo dallo zibetto, un piccolo mammifero apprezzato in Cina per la sua carne.

Il link mancante: un pangolino?

Molti animali sono in grado di trasmettere virus ad altre specie e quasi tutti i ceppi del coronavirus contagiosi per l’uomo hanno origine nella fauna selvatica.

I pipistrelli sono portatori noti dell’ultimo ceppo della malattia, che ha infettato almeno 31.000 persone e ucciso oltre 630 in tutto il mondo, principalmente in Cina, dove ha avuto origine l’epidemia.

Una recente analisi genetica ha mostrato che il ceppo del virus che si sta diffondendo attualmente nell’uomo era identico al 96% a quello riscontrato nei pipistrelli. Ma secondo Arnaud Fontanet, dell’Istituto Pasteur francese, la malattia probabilmente non è passata direttamente dai pipistrelli agli umani. “Pensiamo che ci sia un altro animale che sia un intermediario”, ha detto ad AFP il ricercatore. Diversi studi hanno dimostrato che il virus Bat-Bourne manca dell’hardware necessario per agganciarsi ai recettori delle cellule umane. Ma non è ancora chiaro quale animale sia l’anello mancante. Fontanet ritiene che l’intermediario fosse “probabilmente un mammifero”, appartenente alla famiglia dei tassi. Dopo aver testato più di 1.000 campioni di animali selvatici, gli scienziati della South China Agricultural University hanno scoperto che le sequenze del genoma dei virus nei pangolini sono identiche al 99% a quelle dei pazienti con coronavirus, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Il pangolino, un mammifero conosciuto anche come formichiere squamoso, potrebbe essere l’ospite intermedio attraverso il quale l’agente patogeno sarebbe riuscito a passare dai pipistrelli all’uomo. 

Ma altri esperti hanno sollecitato cautela

“Non si tratta di prove scientifiche”, ha affermato James Wood, capo del dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Cambridge. “Le indagini sui serbatoi di animali sono estremamente importanti, ma i risultati devono essere pubblicati per un controllo internazionale”. “Semplicemente riportare il rilevamento di RNA virale con una somiglianza di sequenza del 99+ percento non è sufficiente“, ha aggiunto.

Vedi anche, I coronavirus persistono sulle superfici inanimate

Per identificare in modo definitivo il responsabile della trasmissione del virus, i ricercatori avrebbero bisogno di testare ogni specie che era in vendita nel mercato di Wuhan, una cosa quasi impossibile dato che ora è definitivamente chiuso.

Martine Peeters, una virologa dell’Istituto francese di ricerca e sviluppo (IRD), ha lavorato al team che ha identificato l’animale ospite del virus Ebola durante le recenti epidemie. I ricercatori hanno scoperto che era davvero un pipistrello il vettore del virus della SARS. Durante la ricerca sull’Ebola, “abbiamo raccolto migliaia di pipistrelli da diversi siti in Africa”, ha detto Peeters all’AFP. 

Fontanet ha affermato che anche i ricercatori cinesi stavano facendo altrettanto. “Dicono di aver analizzato campioni da un camion della spazzatura”, ha detto Fontanet. “I cinesi non dicono quale, ma penso che sia probabile che siano stati gli escrementi che erano in giro la causa della trasmissione. Perchè è importante cercare il responsabile della trasmissione? Penso che potrebbe essere troppo tardi per questo focolaio l’identificazione dell’animale vettore del nuovo coronavirus, ma potrebbe rivelarsi vitale nel prevenire future riacutizzazioni. La Cina, ad esempio, ha vietato la vendita dello zibetto a seguito dell’epidemia da SARS”.

Eric Leroy, virologo e veterinario dell’IRD, ha affermato che la ricerca potrebbe portare rapidamente a un risultato come nel caso della SARS. Allo stesso modo, potrebbero volerci anni. “Con Ebola, la ricerca è iniziata nel 1976 e non abbiamo visto i primi risultati pubblicati fino al 2005”, ha detto ad AFP Leroy. Un fattore determinante potrebbe essere la percentuale di infezione della stessa specie. “Se questa percentuale è bassa, meno dell’uno percento, per esempio, ovviamente diminuirà la possibilità che quell’animale sia un animale origine dell’infezione”, ha detto Leroy.

Prevenire i futuri focolai?

Per Fontanet, il coronavirus è solo l’ultimo esempio delle conseguenze potenzialmente disastrose del consumo umano di animali selvatici portatori di virus. Il ricercatore ha detto che la Cina doveva “adottare misure piuttosto radicali contro la vendita di animali selvatici nei mercati”. Pechino ha proibito la pratica, ma si è mossa solo il mese scorso, quando l’epidemia era già fuori controllo.

“Ogni volta, proviamo a spegnere il fuoco e una volta spento aspettiamo il prossimo”, ha dichiarato Francois Renaud, ricercatore presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica con sede a Parigi.

Fonte, The Guardian